Passa ai contenuti principali

No Fondo? No Pensione.

Ho atteso qualche giorno prima di scrivere una breve riflessione sulla questione relativa alle "scandalose", ma scontate, dichiarazioni del presidente dell'Inps Mastrapasqua e della censura "pubblica" sul non diritto alla pensione dei precari.

Sul Corriere della Sera di mercoledì 6 ottobre 2010, pagina 29, l'Inps spiega (ma non rivela) la pensione ai precari.

"L'Inps invierà la prossima settimana circa 4 milioni di lettere ai parasubordinati, dopo quelle spedite a luglio ai lavoratori dipendenti, per spiegare come consultare on line la posizione previdenziale personale, vedere cioè i contributi che risultano versati. Lo ha detto ieri il presidente, Antonio Mastrapasqua, in un convegno di Ania e Consumatori. Lo stesso Mastrapasqua ha confermato che non sarà invece possibile per il lavoratore simulare sullo stesso sito quella che dovrebbe essere la sua pensione, anche perché, ha aggiunto con una battuta che però nasconde un fondo di verità, «se dovessimo dare la simulazione della pensione ai parasubordinati rischieremmo un sommovimento sociale». Col sistema contributivo i trattamenti maturati da collaboratori e consulenti spesso non arrivano alla pensione minima. Il presidente dell'Ania, Fabio Cerchiai, pur condividendo una certa cautela ha chiesto di andare verso un'informazione completa, per rendere consapevoli i giovani della necessità di integrare la pensione pubblica".

Censura pubblica, salvo articoli apparsi su vari siti e blog , ovvero sulla c.d.rete che ancora riesce a garantire il diritto all'informazione.

Ma verrebbe da dire dove è lo scandalo?

Andiamo per ordine: Mastrapasqua, attuale Presidente dell'Inps, nell'aprile 2002 viene nominato Amministratore Delegato di Italia Previdenza – Società Italiana di Servizi per la Previdenza Integrativa S.p.A ; a Luglio 2004 viene nominato Consigliere INPS; novembre 2005 viene nominato Vice Presidente esecutivo di Equitalia S.p.A., per poi arrivare ad essere Presidente dell'Inps.

Notate nulla di strano? Amministratore delegato di Italia Previdenza e vice Presidente di Equitalia. Due spa, due società pienamente inserite nella logica del mercato globale dell'economia. Ed in particolar modo Italia Previdenza che si occupa di previdenza complementare.

Conflitto d'interessi? Giammai, non è "roba" di questo paese il conflitto d'interessi.

Ciò in ogni caso è utile per comprendere l'indirizzo politico in materia di trattamento previdenziale pubblico che è in corso,oggi, all'Inps.

Lo scandalo è dato dal fatto che il Presidente dell'Inps è stato A.D. di una Spa che si occupa di pensioni complementari? Lo scandalo è dato dalla censura della non notizia? Lo scandalo è dato dal fatto che i precari sono rassegnati?
Parlo di rassegnazione perché oggi giorno si vive alla giornata senza alcuna prospettiva, senza programmare il futuro.

Previdenza pubblica?
Occorre fare qualche passo indietro, considerata la memoria "corta" degli Italiani. Vi ricorda nulla la truffa del TFR?

E' prevista la possibilità di trasformare gli accantonamenti ora previsti per il Trattamento di Fine Rapporto di Lavoro in una fonte di finanziamento per la previdenza complementare.

Entro il 30 Giugno 2007, e comunque entro 6 mesi dalla data di assunzione, tutti i lavoratori dipendenti dovevano e devono scegliere come destinare i propri accantonamenti TFR futuri
- Decidendo di versarli ad un fondo pensione
- o mantenendoli come TFR

Ed il fatto del silenzio assenso? Non ti pronunci? Bene il tuo TFR andrà ad un fondo pensione, mentre se decidi di mantenere il TFR senza investirlo in fondi pensioni, rimane comunque possibile tornare in ogni momento sulla propria decisione e versare gli accantonamenti futuri a un fondo pensione.

Scandalo? Chissà.

Pensione complementare: il sistema vigente prevede delle pensioni pubbliche sempre più "leggere".

In seguito a diverse riforme, susseguitesi a partire dagli anni '90 fino ad oggi, si è de facto passati da un sistema pensionistico di tipo "retributivo" che assicurava una pensione pari al 80% dell'ultima retribuzione, ad un sistema di tipo "contributivo" che tiene conto di quanto effettivamente versato nel corso della vita lavorativa .

Questo nuovo metodo di calcolo, per chi entra oggi nel mondo del lavoro, è devastante. Ma ha uno scopo ben preciso. Privatizzare la pensione.

Ed ecco la pensione complementare.

La funzione della previdenza complementare è proprio quella di permettere al lavoratore di integrare con le prestazioni pensionistiche aggiuntive la pensione di base corrisposta dagli enti pubblici.

Precarietà e flessibilità
.

La c.d. Legge Biagi/ Maroni che ha devastato il mercato del lavoro, il collegato lavoro che a breve diverrà legge vi dice nulla?

Quindi, ripeto, dove è lo scandalo? Il Presidente dell'INPS ex A.D. di una SPA che si occupava, ed occupa, di pensioni complementari che paventa ipotesi di sommovimento sociale? Pura demagogia finalizzata ad incentivare l'affermazione delle pensioni private.

Infatti, la devastazione sociale oggi esistente, lo stato di incoscienza sociale, di rassegnazione, il modo di vivere, l'assenza di qualsiasi prospettiva futura, la vittoria del sistema, non lascia intravedere, in Italia, il rischio di un sommovimento sociale.

Ciò doveva succedere prima.
Con l'introduzione della precarietà lavorativa.
Ora è tardi, siamo costretti solo ad attuare politica di riduzione del danno, salvo presa di coscienza critica diretta, e lotte sociali anti-sistema finalizzate all'affermazione di altro tipo di società.

Ma confido sempre nell'ausilio di madre natura.

Sì, forse in questo caso è un bene che la notizia non sia "finita" sulla carta stampata o sui media parziali di Stato perchè inevitabilmente l'effetto prodotto sarebbe stato, altro ovvero incentivare ancora di più le banche e le assicurazioni , quindi il capitale italiano, per la "corsa" alle pensioni private future, alla faccia di tutti i conflitti d'interessi esistenti!

Ma tranquilli, nessuna ansia, ciò accadrà presto.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…