Passa ai contenuti principali

Il Papa, l'amore e la povertà.

Quando parla il Papa  che è  il sovrano dello stato della Città del Vaticano, quindi, il Capo di uno Stato Estero,i media italiani, di norma riservano gran spazio alle sue riflessioni ai suoi pensieri alla sua intromissione negli affari di altro Stato quale l'Italia.

Questo fattore è importante  ricordarlo, ovvero che il Papa è il Capo di altro Stato.


Uno Stato  che per quanto piccolo possa essere in realtà vanta il reddito pro capite più alto del mondo.

E' custode delle opere d'arte più rilevanti dell' intera umanità.

Detto ciò veniamo alle parole del Capo di questo Stato espresse nella giornata di sabato.

La sua attenzione si è soffermata sul concetto di amore.


“Certo – ha riconosciuto il Santo Padre – costa anche sacrificio vivere in modo vero l’amore”, ma si è detto sicuro che i giovani dell’Azione Cattolica non hanno “paura della fatica di un amore impegnativo e autentico” giacché è “l’unico che dà in fin dei conti la vera gioia!”. Anzi, ha proseguito il Papa, “c’è una prova che vi dice se il vostro amore sta crescendo bene: se non escludete dalla vostra vita gli altri, soprattutto i vostri amici che soffrono e sono soli, le persone in difficoltà, e se aprite il vostro cuore al grande Amico che è Gesù”.
http://www.radiovaticana.org/it1/Articolo.asp?c=435130

 Il termine amore, quello prevalentemente utilizzato nei vangeli e quindi richiamato dalla Chiesa deriva dal greco αγάπη. 


Ma cosa vuol dire Amore? 

Molti scritti, molte poesie, molti quadri sono stati dipinti ispirandosi all'amore.

L'amore è l'emozione. 

L'amore è la massima congiunzione dell'individuo nell'individuo amato.Non si può definire l'amore, la percezione della sua essenza, questa è meramente soggettiva così come lo è il vivere  in sostanza l'amore con tutte quelle sensazioni, vibrazioni,ansie, attese, affanni, lacrime, sorrisi, che lo caratterizzano.

In poche parole l'amore non è altro che espressione di vita, se non vita stessa.

Ma ciò che voglio  sottolineare è che la massima espressione dell'amore per la vita è quella vissuta nell'umiltà e nella coerenza di quei principi e valori da cui si tende a maturare ispirazione.

La Chiesa dovrebbe dare esempio di ciò. Visto che il loro Gesù a cui si richiamano spesso ha conferito grandi insegnamenti sul punto,specialmente sul concetto di povertà.
E credo che la povertà sia il punto più profondo ove toccare e vivere il senso dell'amore.
Gesù nel Vangelo di Matteo cap.10,9, invita i suoi discepoli con queste parole. "Non procuratevi oro, né argento, né moneta di rame nelle vostre cinture, né bisaccia da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché l’operaio ha diritto al suo nutrimento".

Se i rappresentanti della Chiesa seguissero l'esempio di chi ispira il loro fondamento religioso sicuramente sarebbero più credibili. Si è vero per esempio che  Giovanni Paolo II ha venduto oggetti suoi personali  per ricavare denaro per aiutare economicamente i poveri, ma è altrettanto vere che le ricchezze materiali della Chiesa sono così incommensurabili, per non parlare delle relative agevolazioni fiscali che ricevono dal nostro paese e quindi che in realtà paghiamo tutti noi, che l'esempio di Giovanni Paolo II è cosa sì importante ma irrilevante rispetto a quello che la Chiesa dovrebbe fare, ovvero spogliarsi di tutti i beni materiali, rinunciare a tutte le ricchezze, a tutte le proprietà, ovvero semplicemente attuare il volere di Gesù.


Allora forse la Chiesa sarebbe coerente e avrebbe tutti i diritti di questo mondo di parlare di Amore, e sacrificio nell'Amore.

Non si possono accettare moralismi sull'amore da chi vive nel pieno materialismo, non si possono accettare insegnamenti sull'amore da chi è chiuso nell'anacronismo più bieco, non si possono accettare insegnamenti sull'amore da chi in realtà professa giorno dopo giorno, con il suo modus operandi, tutt'altro che amore per la vita, per la povertà e verso la povertà.

Marco Barone






Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…