Passa ai contenuti principali

Approvato il collegato lavoro ovvero la fine del diritto del lavoro.

E' stato approvato dalla Camera, in via definitiva, il Collegato Lavoro alla manovra finanziaria (DDL 1441-quater-G) ed è in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Il testo approvato è quello modificato dal Senato il 29 settembre 2010.

I punti principali della nuova normativa sono: Revisione della disciplina in tema di lavori usuranti ;Misure contro il lavoro sommerso ; Modifiche alla disciplina sull’orario di lavoro ;Mobilità del personale delle pubbliche amministrazione ;Disposizioni in materia di rapporto di lavoro a tempo parziale ;Aspettativa per i dipendenti pubblici; Riordino della normativa in materia di congedi, aspettative e permessi ; Modifiche alla disciplina in materia di permessi per l’assistenza a portatori di handicap in situazione di gravità ; Certificati di malattia ;Clausole generali e certificazione del contratto di lavoro ;Conciliazione e arbitrato ;Decadenze e disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo determinato; Accesso ispettivo, potere di diffida e verbalizzazione unica ;Apprendistato ;Disposizioni in materia di collaborazioni coordinate e continuative (fonte: http://www.dplmodena.it/).

Mentre gli opportunismi politici continuano ad essere la normalità in questo regime democratico italiano, mentre le attenzioni dell'opinione pubblica vengono deviate sul caso " Montecarlo" di Fini prima e residenza di Berlusconi poi, o sul più becero, volgare, sguaiato gossip parlamentare, chi dovrebbe rappresentare il popolo italiano, oggi ha dato il via libera al collegato lavoro.

In realtà con tale norma, che affronta tantissime questioni riguardanti il mondo del lavoro, si tende a tutelare solo l'interesse dei padroni e dei confindustriali e dei piccoli imprenditori.

Gli articoli più scottanti sono in particolar modo l'articolo 30 che riguarda la certificazione del contratto di lavoro,il 31 la conciliazione e l'arbitrato, il 32 su decadenze e disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo determinato.

Cosa accade, detto brevemente, con tale collegato lavoro confindustriale e dei padroni?
Mentre nel settore civile la conciliazione, ovvero la risoluzione in via stragiudiziale del contenzioso a breve diverrà obbligatoria, nel diritto del lavoro da obbligatoria diviene facoltativa.
Ciò comporterà l'intasamento dei Tribunali, una non tutela dei lavoratori e la rinuncia tacita alla tutela sostanziale dei propri diritti.

Parlo da legale, parlo da persona che lotta per difendere i lavoratori e che è convinto che la via stragiudizale debba essere necessariamente rafforzata e non massacrata.
Ma tale disposizione ha un senso logico ben chiaro e definito, ovvero uccidere il diritto alla difesa del lavoratore.

In secondo luogo la funzione del Giudice del Lavoro viene praticamente inficiata poichè in caso di certificazione di contratto di lavoro e di ciò che vi è connesso, il controllo giudiziale è limitato ESCLUSIVAMENTE all'accertamento del presupposto di legittimità e non può essere esteso al sindacato di merito sulle valutazioni tecniche, organizzative e produttive che competono al DATORE DI LAVORO o al COMMITTENTE.

Detto in poche parole il Giudice avrà solo funzione notarile.

Altra questione che deve essere sollevata sono i termini processuali a pena di decadenza per proporre azioni di tutela per i lavoratori, che in molti casi si scontrano con il principio della prescrizione di cinque anni per proporre determinate azioni.

Gli organici dei Tribunali sono praticamente al collasso, solo, guarda caso, nel diritto del lavoro , la conciliazione da obbligatoria diviene facoltativa chi ci guadagnerà in sostanza sarà sicuramente il sistema padronale, chi perderà una tutela immediata ed effettiva sono solo i lavoratori ed il ceto più debole della società.

Viviamo in pieno regime, gli artefici di tale regime con tutte le responsabilità morali, etiche e sostanziali sono sia chi governa oggi, che la c.d. opposizione.

Ciò perchè sono parte integrante del vigente sistema capitalistico.

I Sindacati, mi riferisco a quelli confederali, hanno anche loro una gran responsabilità in tutto ciò.

Così come ha una gran responsabilità chi continua a chiudersi nel proprio orticello dell'autoreferenzialità.

Lavoratrici e lavoratori uniamoci nella lotta, svegliamoci,svegliamoci!

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …