L'Egitto si prepara a diventare "terra santa" con il cammino della Sacra Famiglia. Ma la dittatura le famiglie le distrugge


Dovrebbe diventare come una sorta di Cammino di Santiago del Compostela, quello della Sacra Famiglia. L'Egitto ha depositato tutti gli incartamenti per una sorta di "terra santa" tutelata dall'UNESCO.  Il nuovo regime ha preso il potere con il colpo di stato scacciando l'unico Presidente democraticamente eletto nella storia del Paese, Morsi, morto, per alcuni "ucciso" e sepolto fugacemente in Egitto, dopo essere stato incriminato per spionaggio.  Da quel momento se da un lato ha bandito come terroristi i fratelli mussulmani, dall'altro ha fatto importanti aperture verso il mondo cristiano. Ad esempio  è stata recentemente inaugurata la Cattedrale dei copti ortodossi dedicata alla Natività di Cristo, la più grande del Medio Oriente. Egitto che attraverso il ministero delle antichità ha pubblicato un catalogo del viaggio della Sacra Famiglia che ha lo scopo di promuovere a livello turistico e culturale questo cammino religioso che si inserisce a pieno titolo in quel percorso  che passa dalla tutela  UNESCO di quattro monasteri per una sorta di nuova "terra santa". Si tutela l'immagine della Sacra Famiglia, in un Paese che le famiglie le distrugge. Le divide. Le annienta. Portando loro via i genitori o i figli, come successo per Giulio Regeni, ad esempio.

mb
 

Commenti

  1. ma che articolo del cazzo!!!
    Ma veramente pensi quello che scrivi???

    RispondiElimina

Posta un commento