Passa ai contenuti principali

Nessuna mini muraglia cinese da 232km tra Italia e Slovenia, ma le barriere diffuse arriveranno

Stava facendo il giro d'Italia, non ciclistico, la sparata delle ultime ore, fatta passare per licenza poetica, alla fine. Il muro di 232 km che dovrebbe separare il Friuli Venezia Giulia dai Balcani, dall'Est. Una roba catastrofica, di una irresponsabilità unica. Manco che fossero arrivati in FVG migliaia di migliaia di migranti. La rotta balcanica è stata in passato solo sfiorata dalla nostra regione, con una situazione in parte gestita malissimo, e diventata oggetto di strumentalizzazione politica, che alla fine ha pagato, visto che paure, muri e nazionalismi continuano ad avanzare con forza. Percentuali irrisorie rispetto alla popolazione residente sono state determinanti per cagionare una situazione sconcertante. Non arriverà nessun muro tra Italia e Slovenia, di 232 km, anche perchè impossibile da realizzare, non ci sarà nessuna muraglia cinese, ma delle barriere, diffuse, sì. Queste probabilmente arriveranno. Tra il Carso triestino e isontino. Insomma, si passa dall'accoglienza diffusa, alle barriere diffuse. Il confine orientale verrà blindato, militarizzato. Dall'Italia verranno rispediti in Slovenia, come già succede, e dalla Slovenia alla Croazia e dalla Croazia da dove sono arrivati. Insomma, un respingimento a colpi di muri, barriere, reticolati, sospensioni di Schengen, e soprattutto con la rivalutazione del sistema di Dublino che ora da alcuni non viene più criticato ma difeso anche perchè la palla verrebbe scaricata al primo paese dove i migranti approdano e ricevono accoglienza, e visto che i porti si stanno chiudendo e il confine orientale pure, insomma, non sarebbero più problemi nostri. E l'Europa, in tutto ciò, si va a fare benedire.

mb

Commenti

Post popolari in questo blog

A Trieste fare gli auguri in sloveno proprio, proprio no se pol...ma c'è il greco

Niente da fare. Non ci riescono. Ma proprio non ci riescono. E' vero che ci sarebbe una legge che contemplerebbe l'esercizio del bilinguismo anche nella città di Trieste. Ci sarebbe, ma viene applicata per non essere volgarissimi, alla ad minchiam. Che gli sloveni ed il ceppo linguistico slavo facessero parte delle radici di Trieste, non conta un fico secco.  Un Pelinkovac e il fico secco indigesto va giù.
E neanche a natale si è più buoni. Altro che a natale puoi. Ma che. Figurarsi. Zero concessioni. Mentre l'attenzione si è totalmente focalizzata sulla stella cadente al contrario, per non farla cadere, farla resistere alla bora, e qui si potrebbe scrivere una storia tipicamente triestina, o meglio raccontare una storia tipicamente triestina,  tra chi tifa bora e chi rimane ipnotizzato dalla cometa al contrario, non può però non attirare l'attenzione quella solita fila di alberi di natale, scelti uno ad uno, pare, di persona, personalmente, per dirla alla Catarella, …

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione?

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione? La matematica non è una opinione qualcuno disse...

1) per un calcolo della superficie e della capienza, il limite preso di misura è un numero di 4 persone/mq,

2) Piazza del Popolo ha una metratura di di 17.100 mq con una capienza massima e teorica di 68.400 ;
3) Piazza san Giovanni ha una superficie di 39.100 mq, con una capienza totale, quindi, di 156.000 persone.

Direi che è arrivato il momento di non dare più i numeri...
Marco B.

MANIFESTARE A ROMA, QUANDO I PARTITI DANNO I 'NUMERI' - La fisica, con il principio della impenetrabilità dei solidi, insegna che due oggetti non possono occupare lo stesso spazio. Eppure c'é chi ritiene che questo classico teorema non si applichi alle persone, soprattutto se convocate in un determinato luogo ad esprimere pubblicamente la loro opinione politica. Fuor di metafora: quando si tratta di conteggiare i partecipanti alle manifestazioni, i partiti "danno i numeri".

Nes…

Centinaia di ricercatori universitari scrivono alle Università inglesi: Basta collusioni con l'Egitto

Una lettera aperta di centinaia di accademici, ricercatori, per chiedere la fine della collaborazione tra le Università del Regno Unito ed il regime di Al Sisi.
Condanniamo l'ondata di repressione che ha spazzato l'Egitto in risposta alle pacifiche proteste che criticano l'attuale presidente Abdel Fattah al-Sisi. Attivisti per i diritti umani affermano che dal 20 settembre sono state arrestate oltre 3000 persone, tra cui i professori Hazem Hosny e Hassan Nafaa dell'Università del Cairo, gli avvocati Mahienour el-Massry, Mohamed Salah Agag e altri colleghi, Alaa Abdelfattah e molti personaggi politici, attivisti, giornalisti e attivisti per i diritti umani. Siamo allarmati dal fatto che Boris Johnson creda che il Regno Unito possa compiere "progressi positivi nelle nostre relazioni bilaterali" con il regime egiziano in tali circostanze.

Siamo anche profondamente preoccupati che, ancora una volta, le università del Regno Unito stiano dimostrando la loro disponibi…