Le due sinistre opposte scese in piazza.Da quella insieme ai 40mila di Torino a quella invisibile dei 100mila di Roma


Due manifestazioni importanti. Dal peso politico chiaramente ed evidentemente diverso. Una manifestazione a Torino, a sostegno della Torino Lione, che nel corso dei decenni ha subito contestazioni, stop, repressioni verso chi diceva no, militarizzazioni e quant'altro ancora. A cui ha aderito anche una parte della sinistra, o meglio quella che da alcuni viene considerata come tale, il Pd. Ed il tutto in un Paese che alle prime piogge è franato, collassato, con miliardi di euro di danni, con lo stato d'emergenza dichiarato in 11 regioni su 20. Si continua a parlare di grandi e inutili opere quando l'unica opera che servirebbe è solo la messa in sicurezza del territorio, già devastato sin oltre ogni limite di tolleranza accettabile. E poi una seconda sinistra. Quella dei 100 mila di Roma, Indivisibili sotto il segno dell'antirazzismo. E diventati invisibili. Totalmente ignorata dai principali media. Come se l'emergenza razzismo fosse finita, o fosse stata solo fuffa elettorale. Certo che se l'Italia deve ripartire dalla piazza di Torino, non stupiamoci se nei prossimi decenni si consolideranno al governo chi oggi ha il potere. Che forse è quello che un Paese da repubblica delle banane come il nostro effettivamente si merita, visto quello che succede. Questo è quello che insegna questo 10 novembre. La scollatura pesante ed evidente che c'è in Italia. Torino e Roma ne sono la vetrina chiara.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

L'Emilia Romagna è la prima regione italiana a "sospendere" i rapporti con l'Egitto

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione?

A Trieste fare gli auguri in sloveno proprio, proprio no se pol...ma c'è il greco