Passa ai contenuti principali

Il FVG ancora una volta anticipa il Paese. Italia in declino con la democrazia che non attrae più

Oggi quando pensi all'Europa a cosa pensi? Sicuramente non al periodo di pace che avrebbe garantito dalla fine della seconda guerra mondiale, che poi anche questa è una leggenda da sotterraneo metropolitano perchè la guerra in Jugoslavia ha fatto parte del processo costruttivo dell'Europa di oggi. 
Non pensi a quanto è bello viaggiare senza far le lunghe code ai confini, non pensi all'utilità di avere una moneta unica, non pensi all'inno europeo, musicalmente epico ma senza testo. No. Pensi all'Europa come un male, il male assoluto diventato alibi per il fallimento di un Paese in profondo stato di declino. 
Abbiamo già dimenticato cosa è accaduto in Grecia o in Portogallo. L'Europa può permettersi di stare senza l'Italia, uno dei pilastri fondatori? Probabilmente sì. E l'Italia può permettersi di stare senza l'Europa? Probabilmente no, perchè noi non siamo la potenza economica battente la bella bandiera inglese. Quando pensi all'Europa di oggi, pensi al costo della vita triplicato, ai salari fermi, all'immigrazione diffusa, alle manovre imposte, ai tagli imposti, ai sacrifici imposti, ai parametri numerici imposti. 
Al fatto che ti faranno schiattare sul lavoro. Non pensi alla giustizia europea, percepita come entità astratta, e neanche alla politica europea, non sai neanche dove sia il Parlamento Europeo, chi sono i tuoi parlamentari europei, dove si trovi il Consiglio europeo o la Commissione Europea, perchè dell'Europa, di questa Europa, te ne freghi. Europa che non ha neanche una sua capitale.  
Ma puoi fregartene fino a quando? Certamente la cultura da salotto radical chic che ci ha trascinato in questa Europa contribuendo al declino del nostro Paese difendendo quell'involucro che essa stessa ha determinato è diventata insopportabile. 
Altro non fanno, ogni volta che aprono bocca, che gettare benzina sul fuoco, un fuoco che riporta il Paese verso quel ventennio che non è mai stato ripudiato dall'Italia. L'Italia è in difficoltà, tra corruzione e mafie, probabilmente non si riprenderà. 
E' rimasta solo l'illusione di un sovranismo forse anacronistico, in un mondo di oltre 7 miliardi di persone, che possa risollevare questo nostro piccolo e martoriato Paese da quel declino in cui siamo malgrado tutto precipitati. 
Sarà la sovranità nazionale contro la globalizzazione selvaggia indomita europea la battaglia che segnerà questo periodo storico. E chi avrà ragione?
Le illusioni possono provocare però delle reazioni ancora più indomabili perchè quando queste emergeranno per quelle che sono e non ci sarà più nulla da perdere, sarà difficile arrestare quel processo che si è già innescato. Quale il bene per aiutare il nostro Paese? Quale il bene per l'Italia? Esiste una ricetta univoca? Condivisa? Praticabile? Un compromesso accettabile? L'idea di Europa come unione tra i popoli va concettualmente difesa, ma va difesa anche l'integrità italiana, va difeso un Paese che è stato travolto, anche per sue responsabilità e colpe, dalla sempre più odiata fortezza europea.
La democrazia non affascina più. Vedi in FVG. Dove formi un governo regionale con meno del 50% dei votanti. Questo è quello che accadrà in Italia. Il FVG ancora una volta ha anticipato la storia. Una storia che si ripete, in una sorta, e non figlia della sorte, di anaciclosi polibiana.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

A Trieste fare gli auguri in sloveno proprio, proprio no se pol...ma c'è il greco

Niente da fare. Non ci riescono. Ma proprio non ci riescono. E' vero che ci sarebbe una legge che contemplerebbe l'esercizio del bilinguismo anche nella città di Trieste. Ci sarebbe, ma viene applicata per non essere volgarissimi, alla ad minchiam. Che gli sloveni ed il ceppo linguistico slavo facessero parte delle radici di Trieste, non conta un fico secco.  Un Pelinkovac e il fico secco indigesto va giù.
E neanche a natale si è più buoni. Altro che a natale puoi. Ma che. Figurarsi. Zero concessioni. Mentre l'attenzione si è totalmente focalizzata sulla stella cadente al contrario, per non farla cadere, farla resistere alla bora, e qui si potrebbe scrivere una storia tipicamente triestina, o meglio raccontare una storia tipicamente triestina,  tra chi tifa bora e chi rimane ipnotizzato dalla cometa al contrario, non può però non attirare l'attenzione quella solita fila di alberi di natale, scelti uno ad uno, pare, di persona, personalmente, per dirla alla Catarella, …

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione?

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione? La matematica non è una opinione qualcuno disse...

1) per un calcolo della superficie e della capienza, il limite preso di misura è un numero di 4 persone/mq,

2) Piazza del Popolo ha una metratura di di 17.100 mq con una capienza massima e teorica di 68.400 ;
3) Piazza san Giovanni ha una superficie di 39.100 mq, con una capienza totale, quindi, di 156.000 persone.

Direi che è arrivato il momento di non dare più i numeri...
Marco B.

MANIFESTARE A ROMA, QUANDO I PARTITI DANNO I 'NUMERI' - La fisica, con il principio della impenetrabilità dei solidi, insegna che due oggetti non possono occupare lo stesso spazio. Eppure c'é chi ritiene che questo classico teorema non si applichi alle persone, soprattutto se convocate in un determinato luogo ad esprimere pubblicamente la loro opinione politica. Fuor di metafora: quando si tratta di conteggiare i partecipanti alle manifestazioni, i partiti "danno i numeri".

Nes…

Centinaia di ricercatori universitari scrivono alle Università inglesi: Basta collusioni con l'Egitto

Una lettera aperta di centinaia di accademici, ricercatori, per chiedere la fine della collaborazione tra le Università del Regno Unito ed il regime di Al Sisi.
Condanniamo l'ondata di repressione che ha spazzato l'Egitto in risposta alle pacifiche proteste che criticano l'attuale presidente Abdel Fattah al-Sisi. Attivisti per i diritti umani affermano che dal 20 settembre sono state arrestate oltre 3000 persone, tra cui i professori Hazem Hosny e Hassan Nafaa dell'Università del Cairo, gli avvocati Mahienour el-Massry, Mohamed Salah Agag e altri colleghi, Alaa Abdelfattah e molti personaggi politici, attivisti, giornalisti e attivisti per i diritti umani. Siamo allarmati dal fatto che Boris Johnson creda che il Regno Unito possa compiere "progressi positivi nelle nostre relazioni bilaterali" con il regime egiziano in tali circostanze.

Siamo anche profondamente preoccupati che, ancora una volta, le università del Regno Unito stiano dimostrando la loro disponibi…