Caso Moro: la denuncia di Gero Grassi sul caso della FIAT 128 auto ritenuta di "colleghi"

Gero Grassi è uno dei più attivi ed anche schietti nella Commissione d'Inchiesta sul caso Moro. E non a caso più di una volta sono emersi battibecchi e forme di mancanza di rispetto nei suoi confronti perché osa chiedere ciò che non si dovrebbe chiedere, in una Commissione dove sono diversi i casi di persone ascoltate come persone informate sui fatti e che spesso si sono perse nel canonico non ricordo o che lì si sono presentate senza neanche prepararsi, affrontando il tutto con una superficialità sconvolgente, come a dire, questa Commissione non serve ad un fico secco. Sulla utilità delle Commissione parlamentari d'inchiesta vi sarebbe molto da dire, ma se per una volta vi è qualcuno o più di qualcuno che cerca di avvicinarsi a ciò che tutti sanno ma che nessuno vuole riconoscere, a quella verità nascosta ma che è destinata a venire prima o poi fuori, ebbene queste persone vanno sostenute. E' da anni che seguo la vicenda del caso Moro, come tanti, d'altronde, e ben si è capito che le BR non hanno potuto fare tutto da solo e probabilmente sono state semplicemente uno strumento, e la copertura per quello che appare avvicinarsi ad una strage di Stato che altro, visto che non solo Moro ha perso la vita ma anche la sua scorta.
Continua su Blastingnews

Commenti