Passa ai contenuti principali

Ecco il piano sicurezza di Monfalcone 2018/2020 dal vigile di quartiere al potenziamento videosorveglianza

Priorità alta. Missione ordine pubblico e sicurezza. Periodo di riferimento 2018/2020. Il Documento Unico di Programmazione di Monfalcone illustra quali saranno gli interventi previsti in materia di sicurezza per contrastare prima di tutto il demone del degrado. Nessun rito, nessun miracolo, ma controllo capillare del territorio e tolleranza zero.
Si legge che  gli obiettivi finalizzati al rafforzamento della sicurezza in città muovono dalla convinzione che la percezione di un adeguato grado della stessa all'interno della realtà cittadina sia  imprescindibile per lo sviluppo della comunità ed abbia delle ricadute sociali positive sulla qualità della vita monfalconese. Verranno poste in essere azioni dirette al potenziamento  della sinergia tra le forze dell’ordine, degli altri soggetti competenti e delle altre risorse utili del territorio oltreché attraverso l’utilizzo delle tecnologie disponibili in chiave antidegrado e  controllo specifico del territorio. 

Quali gli interventi programmati?

1)Continuo sviluppo potenziamento del sistema di videosorveglianza cittadino a garanzia di un presidio territoriale più capillare a salvaguardia della sicurezza dei cittadini e quale mezzo di contrasto al degrado urbano;  

2) Continuo sviluppo potenziamento del sistema di videosorveglianza mandamentale a garanzia di un presidio territoriale più capillare a salvaguardia della sicurezza dei cittadini e quale mezzo di contrasto al degrado urbano;

3)Applicazione del Regolamento di PU (accattonaggio, imbrattamento e degrado, disturbo della quiete pubblica, consumo di alcolici) controlli per contrasto abusivismo commerciale;

4)Prosecuzione dei controlli serali/notturni presso i pubblici esercizi cittadini anche in collaborazione con le altre forze dell'ordine presenti sul territorio. 

5)Contrasto al fenomeno delle occupazioni abusive del patrimonio immobiliare pubblico e privato. 
 
6)Verifica rispetto normativa anagrafica, sussistenza requisiti igienico sanitari e di sicurezza, prevenzione e repressione di fenomeni legati alla tensione abitativa quali elusioni nel settore delle locazioni immobiliari e sovraffollamenti;
 
7)Divieti di sosta e campeggio in aree pubbliche non autorizzate mediante applicazione controlli previsti dall' art. 17 del Regolamento di PU;
 
8)Vigilanza sulla vivibilità urbana, per aumentare il decoro urbano ed evitare il degrado, anche con personale in abiti borghesi in materia ambientale, sulla sicurezza urbana e controlli congiunti alle altre forze di polizia operative sul territorio. 
 
9)Nell'ottica di continuità con le attività di valorizzazione del centro storico, si prevede l'implementazione dei controlli sulle attività commerciali, con vigilanza su orari di apertura e chiusura e verifica del rispetto delle norme igienico sanitarie. 
 
10)Potenziamento videosorveglianza con funzioni controllo/prevenz. Microcriminalità, disincentivo uso improprio aree cittadine, monitor.del traffico con nuove telecamere per assicurare interventi tempestivi; implementazione sistema e manutenzione strutture obsolete. 
 
11)Vigile di quartiere: presenza capillare anche in periferia,visibilità quale figura di riferimento che personalizza la presenza pubb.ca nei rioni, coordinam.attività con le altre forze di polizia di prossimità e posizionam.fisso uff mobile nelle aree sensibili;
 
12)Proseguimento dell'opera di valorizzazione del rione di Panzano ed alla vivibilità del quartiere, con particolare attenzione alla problematica delle soste e del transito di autocarri (nuova disciplina della circolazione e sosta).
 
13)Verifica rivisitazione requisiti per accedere ai contributi comunali di qualsiasi tipo,introducendo l'obbligo della dimostrazione di non aver debiti per spese condominiali nonché dell'assenza di titolarità proprietà all'estero mediante certificazione.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…