Passa ai contenuti principali

Ecco il piano sicurezza di Monfalcone 2018/2020 dal vigile di quartiere al potenziamento videosorveglianza

Priorità alta. Missione ordine pubblico e sicurezza. Periodo di riferimento 2018/2020. Il Documento Unico di Programmazione di Monfalcone illustra quali saranno gli interventi previsti in materia di sicurezza per contrastare prima di tutto il demone del degrado. Nessun rito, nessun miracolo, ma controllo capillare del territorio e tolleranza zero.
Si legge che  gli obiettivi finalizzati al rafforzamento della sicurezza in città muovono dalla convinzione che la percezione di un adeguato grado della stessa all'interno della realtà cittadina sia  imprescindibile per lo sviluppo della comunità ed abbia delle ricadute sociali positive sulla qualità della vita monfalconese. Verranno poste in essere azioni dirette al potenziamento  della sinergia tra le forze dell’ordine, degli altri soggetti competenti e delle altre risorse utili del territorio oltreché attraverso l’utilizzo delle tecnologie disponibili in chiave antidegrado e  controllo specifico del territorio. 

Quali gli interventi programmati?

1)Continuo sviluppo potenziamento del sistema di videosorveglianza cittadino a garanzia di un presidio territoriale più capillare a salvaguardia della sicurezza dei cittadini e quale mezzo di contrasto al degrado urbano;  

2) Continuo sviluppo potenziamento del sistema di videosorveglianza mandamentale a garanzia di un presidio territoriale più capillare a salvaguardia della sicurezza dei cittadini e quale mezzo di contrasto al degrado urbano;

3)Applicazione del Regolamento di PU (accattonaggio, imbrattamento e degrado, disturbo della quiete pubblica, consumo di alcolici) controlli per contrasto abusivismo commerciale;

4)Prosecuzione dei controlli serali/notturni presso i pubblici esercizi cittadini anche in collaborazione con le altre forze dell'ordine presenti sul territorio. 

5)Contrasto al fenomeno delle occupazioni abusive del patrimonio immobiliare pubblico e privato. 
 
6)Verifica rispetto normativa anagrafica, sussistenza requisiti igienico sanitari e di sicurezza, prevenzione e repressione di fenomeni legati alla tensione abitativa quali elusioni nel settore delle locazioni immobiliari e sovraffollamenti;
 
7)Divieti di sosta e campeggio in aree pubbliche non autorizzate mediante applicazione controlli previsti dall' art. 17 del Regolamento di PU;
 
8)Vigilanza sulla vivibilità urbana, per aumentare il decoro urbano ed evitare il degrado, anche con personale in abiti borghesi in materia ambientale, sulla sicurezza urbana e controlli congiunti alle altre forze di polizia operative sul territorio. 
 
9)Nell'ottica di continuità con le attività di valorizzazione del centro storico, si prevede l'implementazione dei controlli sulle attività commerciali, con vigilanza su orari di apertura e chiusura e verifica del rispetto delle norme igienico sanitarie. 
 
10)Potenziamento videosorveglianza con funzioni controllo/prevenz. Microcriminalità, disincentivo uso improprio aree cittadine, monitor.del traffico con nuove telecamere per assicurare interventi tempestivi; implementazione sistema e manutenzione strutture obsolete. 
 
11)Vigile di quartiere: presenza capillare anche in periferia,visibilità quale figura di riferimento che personalizza la presenza pubb.ca nei rioni, coordinam.attività con le altre forze di polizia di prossimità e posizionam.fisso uff mobile nelle aree sensibili;
 
12)Proseguimento dell'opera di valorizzazione del rione di Panzano ed alla vivibilità del quartiere, con particolare attenzione alla problematica delle soste e del transito di autocarri (nuova disciplina della circolazione e sosta).
 
13)Verifica rivisitazione requisiti per accedere ai contributi comunali di qualsiasi tipo,introducendo l'obbligo della dimostrazione di non aver debiti per spese condominiali nonché dell'assenza di titolarità proprietà all'estero mediante certificazione.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…