Passa ai contenuti principali

Ecco il piano sicurezza di Monfalcone 2018/2020 dal vigile di quartiere al potenziamento videosorveglianza

Priorità alta. Missione ordine pubblico e sicurezza. Periodo di riferimento 2018/2020. Il Documento Unico di Programmazione di Monfalcone illustra quali saranno gli interventi previsti in materia di sicurezza per contrastare prima di tutto il demone del degrado. Nessun rito, nessun miracolo, ma controllo capillare del territorio e tolleranza zero.
Si legge che  gli obiettivi finalizzati al rafforzamento della sicurezza in città muovono dalla convinzione che la percezione di un adeguato grado della stessa all'interno della realtà cittadina sia  imprescindibile per lo sviluppo della comunità ed abbia delle ricadute sociali positive sulla qualità della vita monfalconese. Verranno poste in essere azioni dirette al potenziamento  della sinergia tra le forze dell’ordine, degli altri soggetti competenti e delle altre risorse utili del territorio oltreché attraverso l’utilizzo delle tecnologie disponibili in chiave antidegrado e  controllo specifico del territorio. 

Quali gli interventi programmati?

1)Continuo sviluppo potenziamento del sistema di videosorveglianza cittadino a garanzia di un presidio territoriale più capillare a salvaguardia della sicurezza dei cittadini e quale mezzo di contrasto al degrado urbano;  

2) Continuo sviluppo potenziamento del sistema di videosorveglianza mandamentale a garanzia di un presidio territoriale più capillare a salvaguardia della sicurezza dei cittadini e quale mezzo di contrasto al degrado urbano;

3)Applicazione del Regolamento di PU (accattonaggio, imbrattamento e degrado, disturbo della quiete pubblica, consumo di alcolici) controlli per contrasto abusivismo commerciale;

4)Prosecuzione dei controlli serali/notturni presso i pubblici esercizi cittadini anche in collaborazione con le altre forze dell'ordine presenti sul territorio. 

5)Contrasto al fenomeno delle occupazioni abusive del patrimonio immobiliare pubblico e privato. 
 
6)Verifica rispetto normativa anagrafica, sussistenza requisiti igienico sanitari e di sicurezza, prevenzione e repressione di fenomeni legati alla tensione abitativa quali elusioni nel settore delle locazioni immobiliari e sovraffollamenti;
 
7)Divieti di sosta e campeggio in aree pubbliche non autorizzate mediante applicazione controlli previsti dall' art. 17 del Regolamento di PU;
 
8)Vigilanza sulla vivibilità urbana, per aumentare il decoro urbano ed evitare il degrado, anche con personale in abiti borghesi in materia ambientale, sulla sicurezza urbana e controlli congiunti alle altre forze di polizia operative sul territorio. 
 
9)Nell'ottica di continuità con le attività di valorizzazione del centro storico, si prevede l'implementazione dei controlli sulle attività commerciali, con vigilanza su orari di apertura e chiusura e verifica del rispetto delle norme igienico sanitarie. 
 
10)Potenziamento videosorveglianza con funzioni controllo/prevenz. Microcriminalità, disincentivo uso improprio aree cittadine, monitor.del traffico con nuove telecamere per assicurare interventi tempestivi; implementazione sistema e manutenzione strutture obsolete. 
 
11)Vigile di quartiere: presenza capillare anche in periferia,visibilità quale figura di riferimento che personalizza la presenza pubb.ca nei rioni, coordinam.attività con le altre forze di polizia di prossimità e posizionam.fisso uff mobile nelle aree sensibili;
 
12)Proseguimento dell'opera di valorizzazione del rione di Panzano ed alla vivibilità del quartiere, con particolare attenzione alla problematica delle soste e del transito di autocarri (nuova disciplina della circolazione e sosta).
 
13)Verifica rivisitazione requisiti per accedere ai contributi comunali di qualsiasi tipo,introducendo l'obbligo della dimostrazione di non aver debiti per spese condominiali nonché dell'assenza di titolarità proprietà all'estero mediante certificazione.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…