Passa ai contenuti principali

Siamo tutti bengalesi?



Sempre più precari, sempre più flessibili, sempre più schiavi all'interno di un mondo del lavoro succube delle regole del mercato. Piazza Pulita ha dedicato uno spazio alla problematica che ha riguardato una zona della Campania dove i bengalesi lavorano per due euro all'ora, 3,50/4 quando va bene, per 12 ore al giorno. Distretti tessili campani, operai bengalesi. Il caporale è del Bangladesh, ma ovviamente è fondamentale l'appoggio della gente del posto. Arrivano come stagionali, e poi prigionieri nella clandestinità diventano schiavi nel tessile. Tutti sanno, nessuno agisce, salvo lamentarsi per le solite questioni, con tante sfumature di razzismo, che uniscono il Sud a Monfalcone, in merito al sentimento di disprezzo che si manifesta nei confronti di costoro. Se sono arrivati in Italia è perchè qualcuno ha favorito il loro arrivo, per ragioni non di umanità, ma di profitto economico, e sicuramente i lavoratori bengalesi sono le prime vittime di un sistema, che attraverso quello che è stato definito come "metodo bangla", più rapidamente del previsto travolge anche gli italiani, o gli "autoctoni" come piace dire a qualcuno che deve cercare sempre il pelo nell'uovo.  
Non è una questione di guerra tra poveri, ma una questione di ghettizzazione sociale, e la scala degli ultimi è sempre più profonda. Certamente vi sono state complicità enormi anche da parte di alcune realtà sindacali e politiche ben note. Non so dire se siamo tutti bengalesi. Perchè non proveniamo da zone economicamente disastrate e disposti ad accettare qualsiasi condizione di lavoro pur di sopravvivere. Ma ci stiamo avvicinando a ciò ed i primi segnali si registrano proprio nelle zone più estreme e disagiate, nel Sud e nelle zone di confine, travolte dalla crisi economica e che hanno sempre vissuto grazie all'assistenzialismo italiano. Non siamo tutti bengalesi, ma per evitare di diventarlo, si deve fare in modo che insieme ai bengalesi si possa affermare un processo di unione e condivisione di coscienza e diritti. Se non ci sarà più nessuno disposto ad accettare a lavorare in certe condizioni, se i diritti saranno uguali per tutti, non al ribasso, si vivrà tutti meglio, il sistema padronale ci perderà qualcosa, ma la società potrà essere più giusta. Se invece si continua a perdersi nella divisione, nell'odio, con il dogma nazionalista e razzista del prima gli e poi nessuno, ebbene sarà proprio questo precetto, nelle condizioni economiche come sussistenti, a farci diventare tutti bengalesi.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…