Passa ai contenuti principali

Monfalcone, la città del no se pol





Superata la via allegrissima dei cipressi, alberi più consoni ad un cimitero che all'entrata di una città, entri, appunto, a Monfalcone. Città vitale, energica, no scusate, mi son sbagliato. Città dove il vuoto è la normalità e la colpa è ovviamente della minoranza bengalese.  Su 27 mila cittadini circa, loro saranno 2/3 mila, ebbene questa minoranza tiene in ostaggio una intera città. Non esce più nessuno perchè in centro ci sono i bengalesi. Il motivo? Non si può circolare in una città dove qualche donna si copre con il velo, ciò è incompatibile con i valori supremi dell'Occidente che preferisce culi al vento come qualcuno ha commentato recentemente e rigorosamente brasiliani. Chissà cosa penseranno di ciò le donne brasiliane ridotte a culo al vento. Poco importa. Monfalcone è stata presentata come un Bronx tutto nostrano, quando in America il Bronx non è più il Bronx di una volta, questo lo sanno anche i più imbecilli, ma nell'immaginario collettivo poco importa. Ed allora ordine, disciplina che venerano il dio decoro siano la normalità. In una città dove succede che una scuola dell'infanzia è costretta a chiudere per una sorta di invasione di ratti, cosa che è stata tenuta pubblicamente nascosta per giorni, quali sono i problemi? Le panchine in centro, il fatto che qualcuno ogni tanto decida di pisciare per strada, cosa deprecabile certamente, ma proporre un fascio di luce, che ti illumina mentre fai la cosa più vecchia di questo mondo e forse anche la più incivile certamente, cioè pisciare per strada, è normale? E che dire dei dissuasori anti-culo? Certo, non si è arrivati ai livelli di Firenze, dove nel nome del decoro, si è proposto di pulire in pieno giorno, in più momenti, con l'acqua i luoghi ove si siedono turisti e "barboni" così nel nome della pulizia, dell'estetica se non vogliono subire una doccia gelata dovranno andare via.

Una città dove continuano ad accadere infortuni sul lavoro, dove si continua a morire per amianto, dove il lavoro è un miraggio, dove esiste quella che è stata definita come una delle spiagge più brutte d'Italia, la priorità al momento quali sono? No se pol il velo, no se pol negozi etnici, no se pol panchine in piazza, no se pol cultura controcorrente, no se pol alcol, non se pol campo di cricket, non se pol l'elemosina, no se pol giornali estremisti come l'Avvenire ( che comunque non leggerei mai) ed il Manifesto e chi più ne ha più ne metta. Ma a quando un se pol? Un qualcosa di propositivo? Certo, è innegabile che la voce grossa contro Fincantieri è stata usata, e che si è in cerca di un rimedio sulla questione transazione amianto, l'indecenza delle indecenze, ma ciò non basta e non può legittimare la politica continua ed inutile e costante dei divieti che non hanno mai portato a nulla.  E poi questi provvedimenti sanno molto di fumo e poco di sostanza. Alcuni diranno ma se un bambino x si arrampica sull'albero ed il genitore lo rimprovera solo perchè rischia una multa e non perchè rischia di rompersi l'osso del collo e danneggiare l'albero, i divieti con le sanzioni sono la normalità in una società che non ha mai e mai saputo fare pace con le regole civili e civiche. Dove una norma viene rispettata solo se sussiste una sanzione pesante e se vi è qualcuno che controlla il rispetto delle regole. Ma un conto è la regolamentazione finalizzata alla tutela del bene comune, come l'albero, un conto è l'eccessiva e fuorviante regolamentazione finalizzata a reprimere in eccesso comportamenti, situazioni, condizioni come quelle che si commentano che hanno poco da spartire con la tutela del bene comune.  
Ed allora perdiamoci nella via del vietare con un bel cartello di benvenuto a Monfalcone, la città del non se pol.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…