Passa ai contenuti principali

Monfalcone, la città del no se pol





Superata la via allegrissima dei cipressi, alberi più consoni ad un cimitero che all'entrata di una città, entri, appunto, a Monfalcone. Città vitale, energica, no scusate, mi son sbagliato. Città dove il vuoto è la normalità e la colpa è ovviamente della minoranza bengalese.  Su 27 mila cittadini circa, loro saranno 2/3 mila, ebbene questa minoranza tiene in ostaggio una intera città. Non esce più nessuno perchè in centro ci sono i bengalesi. Il motivo? Non si può circolare in una città dove qualche donna si copre con il velo, ciò è incompatibile con i valori supremi dell'Occidente che preferisce culi al vento come qualcuno ha commentato recentemente e rigorosamente brasiliani. Chissà cosa penseranno di ciò le donne brasiliane ridotte a culo al vento. Poco importa. Monfalcone è stata presentata come un Bronx tutto nostrano, quando in America il Bronx non è più il Bronx di una volta, questo lo sanno anche i più imbecilli, ma nell'immaginario collettivo poco importa. Ed allora ordine, disciplina che venerano il dio decoro siano la normalità. In una città dove succede che una scuola dell'infanzia è costretta a chiudere per una sorta di invasione di ratti, cosa che è stata tenuta pubblicamente nascosta per giorni, quali sono i problemi? Le panchine in centro, il fatto che qualcuno ogni tanto decida di pisciare per strada, cosa deprecabile certamente, ma proporre un fascio di luce, che ti illumina mentre fai la cosa più vecchia di questo mondo e forse anche la più incivile certamente, cioè pisciare per strada, è normale? E che dire dei dissuasori anti-culo? Certo, non si è arrivati ai livelli di Firenze, dove nel nome del decoro, si è proposto di pulire in pieno giorno, in più momenti, con l'acqua i luoghi ove si siedono turisti e "barboni" così nel nome della pulizia, dell'estetica se non vogliono subire una doccia gelata dovranno andare via.

Una città dove continuano ad accadere infortuni sul lavoro, dove si continua a morire per amianto, dove il lavoro è un miraggio, dove esiste quella che è stata definita come una delle spiagge più brutte d'Italia, la priorità al momento quali sono? No se pol il velo, no se pol negozi etnici, no se pol panchine in piazza, no se pol cultura controcorrente, no se pol alcol, non se pol campo di cricket, non se pol l'elemosina, no se pol giornali estremisti come l'Avvenire ( che comunque non leggerei mai) ed il Manifesto e chi più ne ha più ne metta. Ma a quando un se pol? Un qualcosa di propositivo? Certo, è innegabile che la voce grossa contro Fincantieri è stata usata, e che si è in cerca di un rimedio sulla questione transazione amianto, l'indecenza delle indecenze, ma ciò non basta e non può legittimare la politica continua ed inutile e costante dei divieti che non hanno mai portato a nulla.  E poi questi provvedimenti sanno molto di fumo e poco di sostanza. Alcuni diranno ma se un bambino x si arrampica sull'albero ed il genitore lo rimprovera solo perchè rischia una multa e non perchè rischia di rompersi l'osso del collo e danneggiare l'albero, i divieti con le sanzioni sono la normalità in una società che non ha mai e mai saputo fare pace con le regole civili e civiche. Dove una norma viene rispettata solo se sussiste una sanzione pesante e se vi è qualcuno che controlla il rispetto delle regole. Ma un conto è la regolamentazione finalizzata alla tutela del bene comune, come l'albero, un conto è l'eccessiva e fuorviante regolamentazione finalizzata a reprimere in eccesso comportamenti, situazioni, condizioni come quelle che si commentano che hanno poco da spartire con la tutela del bene comune.  
Ed allora perdiamoci nella via del vietare con un bel cartello di benvenuto a Monfalcone, la città del non se pol.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …