Passa ai contenuti principali

Ronchi, un comune da 12 mila abitanti con tre stazioni dei treni, ma non è tutto oro ciò che luccica

Ronchi sud, la cui stazione non è operativa, è costruita sulla linea Venezia Trieste, e dispone di tre binari passanti e di un modesto scalo. Ronchi nord, un tempo Ronchi- Vermegliano, da tre binari, ne funzionano solo due e da poco tempo è senza più personale. Ma a cinque minuti da Ronchi nord vi è la stazione di Monfalcone. Ora, cosa accade? Come è noto l'unico scalo aeroportuale del FVG si trova a Ronchi, costruito qui e non a Trieste, dove era stato pensato in un primo momento, anche per le problematiche dovute alla forza della bora. Uno scalo che in Italia viene considerato come secondario, e che è soffocato dalla concorrenza di Venezia e Treviso e non solo. Pochi voli, pochi passeggeri, e molti, visti i numeri non edificanti ne chiedono anche la chiusura, perchè sarebbe uno sperpero. Personalmente non sono mai stato favorevole alla chiusura del nostro scalo, che va difeso, e potenziato. E soprattutto deve continuare a rimanere in mano pubblica. Ma sorge il sospetto che dopo una prima quota importante di investimenti per lo scalo, che come è noto ora si chiama Trieste Airport, con la creazione del PIM, polo intermodale, si stia creando un pacchetto bello e buono edificato con soldi pubblici per poi vendere il tutto al migliore offerente. Il PIM era proprio necessario? Si ha la sensazione che rischia di fare la fine degli stadi costruiti per le olimpiadi in luoghi pazzeschi. Cemento, opere faraoniche, esteticamente discutibili, per uno scalo che non riesce a decollare. Di norma avviene il contrario, come vorrebbe il buon senso. Quando uno scalo decolla, e necessita di investimenti a sostegno della sua crescita, si può ragionare sulla piccola o grande opera. Non è una questione di essere preventivamente contrari a certe opere, ma bisogna interrogarsi sulla reale necessità di queste opere. La terza ipotetica stazione di Ronchi servirà a collegare i passeggeri con lo scalo, per giustificare ciò si sono usati termini romantici, evocativi, come ponte con l'Europa centro orientale. Ma la distanza tra lo scalo di Ronchi e la stazione Ronchi nord, ora casualmente depotenziata, è di soli 6 minuti. Con Ronchi sud, idem. Con Monfalcone di 12 minuti. Non bastava potenziare l'esistente investendo quelle risorse, 17 milioni di euro, a favore del trasporto pubblico urbano che avrebbe potuto collegare il nostro scalo con le stazioni già esistenti? E magari rimetterle in vigore anche dal punto di vista estetico e funzionale? Così come il fatto che la terza stazione di Ronchi dovrebbe essere funzionale all'alta velocità che qui non si potrà mai fare. Scavare e bucare il Carso, oltre che una bestialità, sarebbe una mera assurdità anche dal punto di vista tecnico. Insomma Ronchi avrà un record tutto suo, un suo primato, ma non so quanto si possa essere orgogliosi di tutto ciò in una provincia dove la disoccupazione è alle stelle, e dove non saranno queste opere a smuovere le cose, perchè i posti di lavoro saranno provvisori, mentre qui vi è la necessità di una programmazione a lungo termine, di una diversa progettualità del territorio, che di potenzialità ne avrebbe a migliaia, a partire da quella miscela unica che ci ha regalato la natura, Carso, Isonzo, Adriatico. Ma la logica delle grandi opere ha preso piede anche qui da noi, e se ne prende atto, così come si vorrebbe comprendere se il patto di legalità finalizzato a contrastare in via preventiva le infiltrazioni mafiose, vista la rilevanza attrattiva economica dell'opera in fase di costruzione, sia stato realizzato o meno. 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con st…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Continuano i rapporti culturali ed economici con l'Egitto, affari aumentati del 30%,"rapporti bilaterali intensi"

Sul sito dell'Ambasciata italiana in Egitto si legge che "i rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto sono intensi e spaziano dalla cooperazione politica (incontri, missioni, visite di stato, riunioni internazionali, ecc.), a quella economico-commerciale, dalla promozione della lingua e della cultura italiana, alle politiche di sostegno allo sviluppo e alla collaborazione nel campo della ricerca e della scienza."  Anche se come è noto a aprile 2016, in merito al tremendo caso di Giulio Regeni, la cui verità latita per i motivi ben noti ,veniva pubblicato sul sito dell'Ambasciata questo comunicato  " Il Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, ha disposto il richiamo a Roma per consultazioni dell'Ambasciatore al Cairo Maurizio Massari. La decisione fa seguito agli sviluppi delle indagini sul caso Regeni e in particolare alle riunioni svoltesi a Roma ieri e oggi tra i team investigativi italiano ed egiziano. In base a tali sviluppi si rende necessaria u…