Passa ai contenuti principali

Ronchi, un comune da 12 mila abitanti con tre stazioni dei treni, ma non è tutto oro ciò che luccica

Ronchi sud, la cui stazione non è operativa, è costruita sulla linea Venezia Trieste, e dispone di tre binari passanti e di un modesto scalo. Ronchi nord, un tempo Ronchi- Vermegliano, da tre binari, ne funzionano solo due e da poco tempo è senza più personale. Ma a cinque minuti da Ronchi nord vi è la stazione di Monfalcone. Ora, cosa accade? Come è noto l'unico scalo aeroportuale del FVG si trova a Ronchi, costruito qui e non a Trieste, dove era stato pensato in un primo momento, anche per le problematiche dovute alla forza della bora. Uno scalo che in Italia viene considerato come secondario, e che è soffocato dalla concorrenza di Venezia e Treviso e non solo. Pochi voli, pochi passeggeri, e molti, visti i numeri non edificanti ne chiedono anche la chiusura, perchè sarebbe uno sperpero. Personalmente non sono mai stato favorevole alla chiusura del nostro scalo, che va difeso, e potenziato. E soprattutto deve continuare a rimanere in mano pubblica. Ma sorge il sospetto che dopo una prima quota importante di investimenti per lo scalo, che come è noto ora si chiama Trieste Airport, con la creazione del PIM, polo intermodale, si stia creando un pacchetto bello e buono edificato con soldi pubblici per poi vendere il tutto al migliore offerente. Il PIM era proprio necessario? Si ha la sensazione che rischia di fare la fine degli stadi costruiti per le olimpiadi in luoghi pazzeschi. Cemento, opere faraoniche, esteticamente discutibili, per uno scalo che non riesce a decollare. Di norma avviene il contrario, come vorrebbe il buon senso. Quando uno scalo decolla, e necessita di investimenti a sostegno della sua crescita, si può ragionare sulla piccola o grande opera. Non è una questione di essere preventivamente contrari a certe opere, ma bisogna interrogarsi sulla reale necessità di queste opere. La terza ipotetica stazione di Ronchi servirà a collegare i passeggeri con lo scalo, per giustificare ciò si sono usati termini romantici, evocativi, come ponte con l'Europa centro orientale. Ma la distanza tra lo scalo di Ronchi e la stazione Ronchi nord, ora casualmente depotenziata, è di soli 6 minuti. Con Ronchi sud, idem. Con Monfalcone di 12 minuti. Non bastava potenziare l'esistente investendo quelle risorse, 17 milioni di euro, a favore del trasporto pubblico urbano che avrebbe potuto collegare il nostro scalo con le stazioni già esistenti? E magari rimetterle in vigore anche dal punto di vista estetico e funzionale? Così come il fatto che la terza stazione di Ronchi dovrebbe essere funzionale all'alta velocità che qui non si potrà mai fare. Scavare e bucare il Carso, oltre che una bestialità, sarebbe una mera assurdità anche dal punto di vista tecnico. Insomma Ronchi avrà un record tutto suo, un suo primato, ma non so quanto si possa essere orgogliosi di tutto ciò in una provincia dove la disoccupazione è alle stelle, e dove non saranno queste opere a smuovere le cose, perchè i posti di lavoro saranno provvisori, mentre qui vi è la necessità di una programmazione a lungo termine, di una diversa progettualità del territorio, che di potenzialità ne avrebbe a migliaia, a partire da quella miscela unica che ci ha regalato la natura, Carso, Isonzo, Adriatico. Ma la logica delle grandi opere ha preso piede anche qui da noi, e se ne prende atto, così come si vorrebbe comprendere se il patto di legalità finalizzato a contrastare in via preventiva le infiltrazioni mafiose, vista la rilevanza attrattiva economica dell'opera in fase di costruzione, sia stato realizzato o meno. 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …