Passa ai contenuti principali

Ma chi è l'italiano vero?



Toto Cotugno cantava "Lasciatemi cantare Perché ne sono fiero Sono l'italiano L'italiano vero". Ma chi è l'italiano vero? Fatta l'Italia non son mai stati fatti gli italiani e mai potranno essere fatti, perchè l'italiano vero non esiste, così come esiste solo nell'immaginario della finzione letteraria l'isola che non c'è. Bennato cantava " Son d'accordo con voi non esiste una terra dove non ci son santi né eroi e se non ci son ladri se non c'è mai la guerra forse è proprio l'isola che non c'è, che non c'è". L'italiano vero può esistere solo se esiste l'isola che non c'è. L'Italia ha il suo nome grazie alla Calabria precisamente il nome deriva da una zona del catanzarese a significare "abitanti della terra dei vitelli". Italia significa abitante della terra dei vitelli. Ovvero siamo nella terra dei vitelli. Forse un tempo, non più oggi. Anche se a volte ci si comporta peggio dei vitelli o peggio ancora crediamo di essere dei vitelli d'oro ignorando poi la fine che fece l'idolo fabbricato da Aronne al ritorno di Mosè. E' solo un processo di omologazione, di mera forzatura, di astrazione assoluta che può spingere l'individuo ad esternare in una sintesi la rappresentazione dell'italiano attraverso un concetto arcaico e fuorviante quale quello di italiano vero. Siamo quelli che siamo, abbiamo le nostre origini, le nostre identità, le nostre specificità. Per qualcuno l'italiano vero è colui che ha la fede nella bestemmia del credere, obbedire e combattere, ma ciò significherebbe solamente insultare l'italiano, per altri può essere quello che ha dato la propria vita per l'idea della nazione, a prescindere dalle alleanze sostenute, ma significa limitare l'italiano e ricondurlo nei meandri di quell'eroismo e nazionalismo che stona propria con la storia vera d'Italia, per altri ancora può essere quello che ha lottato nella resistenza, forse quello è stato l'unico momento di riscatto per l'Italia e l'italiano in quanto individuo ma non parlerei neanche in quel caso di italiano vero, perchè gli ideali inseguiti erano così alti, così profondi  e concreti che andavano ben oltre l'astrazione del concetto dell'italiano vero, per arrivare poi ai costumi, agli usi, agli spaghetti, che oramai si mangiano in ogni angolo del mondo, alla pizza, al gelato, al vino, all'arte, e chissà cosa ancora. Insomma, parlare di italiano vero, è come credere, da adulti, ancora nell'esistenza di babbo natale. Perché siamo una moltitudine di italiani, di identità, di soggettività, con percorsi diversi, storie diverse, identità diverse, perchè non esiste una sola Italia ma tanti piccoli e connessi frammenti di un Paese tanto giovane, quanto eterno per la sua storia che nella loro interazione costituiscono l'Italia, nel loro insieme formano l'Italia, ma andando oltre l'armatura arrugginita dell'italiano vero.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…