Passa ai contenuti principali

Quando nel nome del decoro si anticipa il partito della nazione da Bologna a Monfalcone

Sull'ideologia del decoro hanno scritto bene, partendo dal caso di Trieste, Andrea Olivieri e Tuco su GIAP .    
Una ideologia che nella sostanza non conosce colore politico, destra e sinistra governativa hanno spesso, proprio nel nome del decoro, anticipato una sorta di partito della nazione. Decoro urbano, contro il degrado urbano. Politiche definite a colpi di ordinanze, puntualmente rinnovate, prorogate, con uno scopo chiaro, eliminare l'apparenza, colpire l'apparenza, per non entrare nella profondità del problema sociale ed avere la coscienza politica pulita.
Mentre la centrale a carbone continua ad operare, mentre alla Fincantieri i problemi continueranno ad essere sempre gli stessi, mentre il picco dell'amianto deve ancora arrivare, intanto, occupiamoci di decoro. Ordinanze similari li troviamo in amministrazioni di colore politico opposto, da Bologna, dove si puniscono i Writer, a chi vende bevande alcoliche oltre un certo orario, a Monfalcone. Monfalcone, dicono e scrivono che sarebbe ricca di patrimonio di valenza storica  architettonica e culturale. Ma poi nella realtà pratica di cosa stiamo parlando? Di una Rocca isolata dal mondo, di un muro abbandonato a se stesso ed anche visivamente ridicolo per come strutturato, di un palazzo, in piazza, in perenne stato di precarietà e cantiere e poi qualcosina da poco. Che i due corsi principali di Monfalcone si trovano in uno status di desertificazione è evidente. Uno è praticamente un susseguirsi di negozietti bengalesi, prevalentemente tutti identici, l'altro di qualche attività commerciale italiana, ma anche con qualche presenza straniera.Il problema non sono mica i centri commerciali che hanno risucchiato e demolito il commercio di Monfalcone, o la crisi sociale ed economica, senza soldi si esce sempre di meno in una società dove si passa, poi, di più il proprio tempo a chattare sul telefono che a scambiare quattro chiacchiere al bar. No. Sono molti a pensare che i bengalesi ora, ed i rumeni domani, e dopodomani chissà chi, magari i meridionali, andrebbero caricati sul primo volo, di solo andata, per il loro territorio di provenienza. Ora, oggi la situazione è certamente ai limiti. E' fallito ogni processo di intermediazione, la chiusura della comunità è stata rilevante, in un Paese ove ognuno, per dirla alla Cetto la Qualunque, pensa ai cazzi propri. Ma il problema è partito dal lavoro, lì è il fulcro del tutto. Se una persona è interessata ad inserirsi in una comunità e viverla, con la propria famiglia, tale percorso deve iniziare, pensando ai più piccoli, dalla scuola dell'infanzia. Se uno viene in una città, pensando solo di mettere soldi da parte per poi andarsene, cosa assolutamente lecita e legittima, è perchè probabilmente vi è un sistema che ha favorito ciò, dove la foresteria è diventata stabile e strutturale e la causa di tutto ciò è ben nota ed è lì che si dovrebbe intervenire ponendosi tanti perchè. E' mancata ogni condizione minima di reciprocità. Ora, è anche vero che la via S. Ambrogio non è forse esteticamente meravigliosa, ma lo stesso dicasi per Corso del Popolo. Ma pensare di limitare  determinate attività per  "la civile convivenza, il decoro urbano, il paesaggio urbano storico, la tutela dell'immagine e dell'identità storico-architettonica della città", sinceramente è a dir poco surreale, anche perchè sicuramente non si potranno adottare regolamenti con efficacia retroattiva, quello che è stato è stato, potrai forse regolamentare alcuni divieti minimi, ma nulla di più. Certo, poi noi tutti si vive in una società dove se proponi il kebab furlan, nulla da dire, ma se osi proporre il frico turco, apriti cielo o terra. Senza reciprocità, collaborazione si peggiorerà la situazione e Monfalcone sarà sempre più simile al Sahara.

Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…