Passa ai contenuti principali

Quando nel nome del decoro si anticipa il partito della nazione da Bologna a Monfalcone

Sull'ideologia del decoro hanno scritto bene, partendo dal caso di Trieste, Andrea Olivieri e Tuco su GIAP .    
Una ideologia che nella sostanza non conosce colore politico, destra e sinistra governativa hanno spesso, proprio nel nome del decoro, anticipato una sorta di partito della nazione. Decoro urbano, contro il degrado urbano. Politiche definite a colpi di ordinanze, puntualmente rinnovate, prorogate, con uno scopo chiaro, eliminare l'apparenza, colpire l'apparenza, per non entrare nella profondità del problema sociale ed avere la coscienza politica pulita.
Mentre la centrale a carbone continua ad operare, mentre alla Fincantieri i problemi continueranno ad essere sempre gli stessi, mentre il picco dell'amianto deve ancora arrivare, intanto, occupiamoci di decoro. Ordinanze similari li troviamo in amministrazioni di colore politico opposto, da Bologna, dove si puniscono i Writer, a chi vende bevande alcoliche oltre un certo orario, a Monfalcone. Monfalcone, dicono e scrivono che sarebbe ricca di patrimonio di valenza storica  architettonica e culturale. Ma poi nella realtà pratica di cosa stiamo parlando? Di una Rocca isolata dal mondo, di un muro abbandonato a se stesso ed anche visivamente ridicolo per come strutturato, di un palazzo, in piazza, in perenne stato di precarietà e cantiere e poi qualcosina da poco. Che i due corsi principali di Monfalcone si trovano in uno status di desertificazione è evidente. Uno è praticamente un susseguirsi di negozietti bengalesi, prevalentemente tutti identici, l'altro di qualche attività commerciale italiana, ma anche con qualche presenza straniera.Il problema non sono mica i centri commerciali che hanno risucchiato e demolito il commercio di Monfalcone, o la crisi sociale ed economica, senza soldi si esce sempre di meno in una società dove si passa, poi, di più il proprio tempo a chattare sul telefono che a scambiare quattro chiacchiere al bar. No. Sono molti a pensare che i bengalesi ora, ed i rumeni domani, e dopodomani chissà chi, magari i meridionali, andrebbero caricati sul primo volo, di solo andata, per il loro territorio di provenienza. Ora, oggi la situazione è certamente ai limiti. E' fallito ogni processo di intermediazione, la chiusura della comunità è stata rilevante, in un Paese ove ognuno, per dirla alla Cetto la Qualunque, pensa ai cazzi propri. Ma il problema è partito dal lavoro, lì è il fulcro del tutto. Se una persona è interessata ad inserirsi in una comunità e viverla, con la propria famiglia, tale percorso deve iniziare, pensando ai più piccoli, dalla scuola dell'infanzia. Se uno viene in una città, pensando solo di mettere soldi da parte per poi andarsene, cosa assolutamente lecita e legittima, è perchè probabilmente vi è un sistema che ha favorito ciò, dove la foresteria è diventata stabile e strutturale e la causa di tutto ciò è ben nota ed è lì che si dovrebbe intervenire ponendosi tanti perchè. E' mancata ogni condizione minima di reciprocità. Ora, è anche vero che la via S. Ambrogio non è forse esteticamente meravigliosa, ma lo stesso dicasi per Corso del Popolo. Ma pensare di limitare  determinate attività per  "la civile convivenza, il decoro urbano, il paesaggio urbano storico, la tutela dell'immagine e dell'identità storico-architettonica della città", sinceramente è a dir poco surreale, anche perchè sicuramente non si potranno adottare regolamenti con efficacia retroattiva, quello che è stato è stato, potrai forse regolamentare alcuni divieti minimi, ma nulla di più. Certo, poi noi tutti si vive in una società dove se proponi il kebab furlan, nulla da dire, ma se osi proporre il frico turco, apriti cielo o terra. Senza reciprocità, collaborazione si peggiorerà la situazione e Monfalcone sarà sempre più simile al Sahara.

Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…