Passa ai contenuti principali

Il duro affondo su Radiocapodistria sul caso Aquilinia: "nella Mitteleuropa nessuno sembra volere avere tra i piedi i rifugiati"

Aquilinia (Žavlje) è una minuscola frazione di un piccolo Comune dell'estremo Nord Est, confinante con la Slovenia. Slovenia, che in modo ridicolo, ha costruito una sorta di barriera anti-migranti, con reticolati ed altro, dissuasori politici e psicologici che altro. In ogni caso miserabili risposte che hanno seguito le miserabili misure dell'Ungheria, Croazia, Austria ecc. 20 persone, per 20 giorni, e solo nelle ore notturne. Ed apriti cielo. Tra i soliti non siamo razzisti, siamo preoccupati per la nostra sicurezza, non sappiamo chi sono e così via dicendo, barricate corali hanno avuto luogo anche qui. In Italia si è aperta la massima solidarietà nei confronti dei terremotati, cosa giusta e doverosa, ma, verso chi scappa da bombe e distruzione, non essendo italiani, possono anche essere sballottati in ogni ovunque purché fuori da casa nostra. 
Certo, è assolutamente vero che nel sistema dell'accoglienza è maturato anche una sorta di business, inevitabile nell'Italia di oggi, lo Stato avrebbe potuto gestire il tutto diversamente e direttamente, invece preferisce dare soldi a chi gestisce determinate situazioni per arrivare all'incredibile bonus gratitudine. Migliaia di euro regalati ai Comuni che hanno ospitato sul proprio suolo un certo numeri di migranti. Che poi in questi Comuni per mesi siano rimasti accampati in mezzo alla strada, in situazioni da quinto mondo, pazienza. Per non parlare del fatto che si sono inventate anche percentuali, un tot di migranti per mille abitanti. Parametri senza senso sforati, in alcuni casi, dalla necessità, in altri neanche sfiorati, perchè vi sono comuni, anche in FVG, che hanno avuto una storia importante di profuganza, a migranti zero, altro che km zero. Il caso di Aquilinia è l'ennesima dimostrazione del fallimento dell'Europa. Morta, defunta, crepata. Ed ha ragione Stefano Lusa quando su Radiocapodistria scrive che "Nel Centro europa cresce la paura dei migranti. Da Budapest ad Aquilinia il messaggio è sempre lo stesso: “Non li vogliamo nel giardino di casa nostra”. Si dice che a manifestare siano solo poche persone, manipolate politicamente, a cui si da fin troppo risalto, ma a dirla tutta una città ed un’area che ama decantare il suo multiculturalismo non sembra indignata per quanto sta accadendo.Poche settimane fa una fetta consistente dell’opinione pubblica era insorta per una questione simbolicamente importante, ma tutto sommato effimera, come quella della rimozione dal comune di Trieste dello striscione che chiedeva verità per Giulio Regeni. Ci sono cose per cui ci si mobilita e altre che lasciano indifferenti, quella dei migranti è una di queste.La patata bollente è stata lasciata in mano al sindaco di Muggia, Laura Marzi. A suo fianco non sono scesi opinion leader, intellettuali, attivisti della convivenza, antifascisti di professione. Del resto nella Mitteleuropa nessuno sembra volere avere tra i piedi i rifugiati."
Cosa aggiungere a ciò? 
Niente, anzi sì, che la Mitteleuropa non esiste più nella società profondamente nazionalistica di oggi ed il caso di Aquilinia ne è la massima dimostrazione.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…