Passa ai contenuti principali

Come voteranno i candidati a Sindaco a Ronchi e Monfalcone al referendum sulla riforma costituzionale?



Il Comune di Napoli ha fatto scuola di democrazia. Con la delibera del 3 maggio 2016 ha affermato in modo inequivocabile che «L’amministrazione comunale intende sensibilizzare l’opinione pubblica in vista della scadenza referendaria in favore delle ragioni del no, esprimendo un fortissimo allarme per la deriva autoritaria introdotta dalla legge costituzionale in questione, la quale stravolge l’impianto democratico voluto dai costituenti». E ancora: «La stabilità del governo non può produrre un’alterazione così profonda del principio di rappresentanza democratica sul quale si fonda l’intera architettura dell’ordinamento costituzionale vigente». Questo è un tasto delicatissimo, che riguarda l'assetto fondamentale della nostra Carta e che avrà delle chiari ripercussioni anche nella vita dei nostri Comuni, già duramente colpiti nella loro autonomia ed espressione democratica con il sistema fuorviante delle UTI.
Certo, è vero che nulla è eterno, che tutto è riformabile, ma non così come è avvenuto e soprattutto senza che l'attuale Governo italiano e Parlamento abbiano avuto alcun mandato specifico per provvedere in tal senso. 
Si è registrato un vero e proprio sinistro colpo di mano antidemocratico. Ognuno può avere le proprie legittime opinioni sul testo della riforma costituzionale "riscritto" in modo incomprensibile dal nostro legislatore. Ma quanti realmente hanno letto il testo? E' più che evidente che il dibattito sarà orientato su alcune parole d'ordine, snellimento, rapidità, e decisionismo. E pare che nel nome di questa riforma ogni cosa sia possibile, ogni miracolo realizzabile. E' importante conoscere il parere dei candidati a Sindaco nella tornata del 23 ottobre sia a Ronchi che a Monfalcone sul punto. Come voteranno? A favore o contro? Non possono esistere dei ni, ma soli sì o no. Sarebbe auspicabile che quanto fatto in modo apprezzabile dal Comune di Napoli possa trovare affermazione anche nel Comune di Ronchi e Monfalcone, così come è importante che anche gli altri Comuni d'Italia ed ovviamente della nostra regione possano prendere una chiara posizione in materia.
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto