Passa ai contenuti principali

Amministrative Monfalcone e Ronchi, la Regione deve emanare decreto no fusione e necessità lista di sinistra

La tornata elettorale del 23 ottobre che coinvolgerà i Comuni di Ronchi e Monfalcone in questo momento è incentrata unicamente sul nome del futuro candidato a Sindaco. Nomi e nessun contenuto, nessun programma, nessuna progettualità. Si è partiti al contrario. Purtroppo, questo è l'effetto di una data così ravvicinata e di un referendum che ha visto, per fortuna, respingere una scellerata idea fusionista, priva di ogni reale progettualità. Ma ancora tarda ad arrivare il decreto della Regione di recepimento della chiara ed ineccepibile volontà popolare. Per correttezza nei confronti dei cittadini questo decreto dovrebbe arrivare prima del 23 ottobre, perché se così non sarà non si possono escludere colpi di coda che possano minare la volontà popolare, magari proponendo con qualche forza politica "amica" dei fusionisti, un Sindaco a favore della fusione e sostenuto da forze politiche fusioniste. Nulla è da escludere in una stagione autunnale, dal punto di vista elettorale, e politica, calda. Nel merito della questione di Ronchi, per quanto mi riguarda, visto che mi è stato chiesto da più parti, valuterò come e se dare il mio contributo in questa fase, avendo in mente diversi contenuti ed idee chiaramente di sinistra, dove ambiente, sociale, cultura, lavoro, sport, siano le direttrici da perseguire e con dei paletti chiari. Uno di questi è la non possibilità a parer mio, di alcuna alleanza con il PD, pur conoscendo diversi esponenti del PD locale che rispetto. Ma la considerazione che ora segue non è verso le singole persone, ma verso la questione politica generale del PD. Il problema è il PD, quello che attua e realizza a livello nazionale e regionale, politiche di destra, capitaliste, neoliberiste, e non di sinistra, da tutti i punti di vista, siano questi storici, sostenendo processi revisionisti, sociali, come il nefasto Jobs Act, la cattiva scuola, la riforma costituzionale, pur non avendo avuto alcun minimo mandato per riformare la Costituzione, il decisionismo esasperato, e così via dicendo. Non è più un partito di sinistra il PD. Ed il locale, seppur può essere visto come un qualcosa di diverso, in realtà difficilmente può essere sconnesso dal PD in via complessiva perché il partito è unico, punto. Rispetto sicuramente chi non ha sputato nel piatto nel quale ha mangiato per anni dovendo, suo malgrado, digerire scelte infelici, ma avrebbe ben potuto lasciare un partito oramai destro, perchè è evidente a tutti che questo PD non è più riformabile. 
A Ronchi è necessario un cambiamento, e non è tanto una questione generazionale, o di esperienza amministrativa, non si nasce politici e la politica non è una professione, altrimenti la maggior parte dei cittadini verrebbero tagliati fuori dai processi democratici più importanti. E' una questione di idea diversa di Ronchi. Nel rispetto della tradizione di Ronchi, che è sempre stata una piccola ma importante roccaforte della sinistra, si deve avere il coraggio di proporre politiche in modo chiaro di sinistra, pur andando in controtendenza rispetto a quello che accade nel nazionale, ed in Europa, dove le peggiori destre ed anche reazionarie avanzano incontrastate. Non potrà essere l'alternativa il qualunquismo di chi non si definisce né di destra né di sinistra che cavalca l'onda nazionale anticasta, ma è necessaria l'identità. Ma prima di tutto i programmi ed i contenuti. Pur nella consapevolezza del poco tempo a disposizione è a ciò che si deve dare priorità, se si ha realmente a cuore il futuro di Ronchi. Quale progettualità, quale idea di e per Ronchi? Il nome del candidato a Sindaco può benissimo venire anche dopo. Vedremo come il quadro evolverà in questi giorni,e comunque deve essere chiaro che i processi elettorali non sono l'unica via esistente per fare il bene della comunità,per una Ronchi che sappia guardare al futuro senza dimenticare e rinnegare il suo articolato ed importante passato.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …