Passa ai contenuti principali

Amministrative Monfalcone e Ronchi, la Regione deve emanare decreto no fusione e necessità lista di sinistra

La tornata elettorale del 23 ottobre che coinvolgerà i Comuni di Ronchi e Monfalcone in questo momento è incentrata unicamente sul nome del futuro candidato a Sindaco. Nomi e nessun contenuto, nessun programma, nessuna progettualità. Si è partiti al contrario. Purtroppo, questo è l'effetto di una data così ravvicinata e di un referendum che ha visto, per fortuna, respingere una scellerata idea fusionista, priva di ogni reale progettualità. Ma ancora tarda ad arrivare il decreto della Regione di recepimento della chiara ed ineccepibile volontà popolare. Per correttezza nei confronti dei cittadini questo decreto dovrebbe arrivare prima del 23 ottobre, perché se così non sarà non si possono escludere colpi di coda che possano minare la volontà popolare, magari proponendo con qualche forza politica "amica" dei fusionisti, un Sindaco a favore della fusione e sostenuto da forze politiche fusioniste. Nulla è da escludere in una stagione autunnale, dal punto di vista elettorale, e politica, calda. Nel merito della questione di Ronchi, per quanto mi riguarda, visto che mi è stato chiesto da più parti, valuterò come e se dare il mio contributo in questa fase, avendo in mente diversi contenuti ed idee chiaramente di sinistra, dove ambiente, sociale, cultura, lavoro, sport, siano le direttrici da perseguire e con dei paletti chiari. Uno di questi è la non possibilità a parer mio, di alcuna alleanza con il PD, pur conoscendo diversi esponenti del PD locale che rispetto. Ma la considerazione che ora segue non è verso le singole persone, ma verso la questione politica generale del PD. Il problema è il PD, quello che attua e realizza a livello nazionale e regionale, politiche di destra, capitaliste, neoliberiste, e non di sinistra, da tutti i punti di vista, siano questi storici, sostenendo processi revisionisti, sociali, come il nefasto Jobs Act, la cattiva scuola, la riforma costituzionale, pur non avendo avuto alcun minimo mandato per riformare la Costituzione, il decisionismo esasperato, e così via dicendo. Non è più un partito di sinistra il PD. Ed il locale, seppur può essere visto come un qualcosa di diverso, in realtà difficilmente può essere sconnesso dal PD in via complessiva perché il partito è unico, punto. Rispetto sicuramente chi non ha sputato nel piatto nel quale ha mangiato per anni dovendo, suo malgrado, digerire scelte infelici, ma avrebbe ben potuto lasciare un partito oramai destro, perchè è evidente a tutti che questo PD non è più riformabile. 
A Ronchi è necessario un cambiamento, e non è tanto una questione generazionale, o di esperienza amministrativa, non si nasce politici e la politica non è una professione, altrimenti la maggior parte dei cittadini verrebbero tagliati fuori dai processi democratici più importanti. E' una questione di idea diversa di Ronchi. Nel rispetto della tradizione di Ronchi, che è sempre stata una piccola ma importante roccaforte della sinistra, si deve avere il coraggio di proporre politiche in modo chiaro di sinistra, pur andando in controtendenza rispetto a quello che accade nel nazionale, ed in Europa, dove le peggiori destre ed anche reazionarie avanzano incontrastate. Non potrà essere l'alternativa il qualunquismo di chi non si definisce né di destra né di sinistra che cavalca l'onda nazionale anticasta, ma è necessaria l'identità. Ma prima di tutto i programmi ed i contenuti. Pur nella consapevolezza del poco tempo a disposizione è a ciò che si deve dare priorità, se si ha realmente a cuore il futuro di Ronchi. Quale progettualità, quale idea di e per Ronchi? Il nome del candidato a Sindaco può benissimo venire anche dopo. Vedremo come il quadro evolverà in questi giorni,e comunque deve essere chiaro che i processi elettorali non sono l'unica via esistente per fare il bene della comunità,per una Ronchi che sappia guardare al futuro senza dimenticare e rinnegare il suo articolato ed importante passato.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…