Passa ai contenuti principali

La Regione FVG dice no al referendum sulle UTI e Sanità



Era nell'aria, aria tempestosa, ed il Consiglio regionale del FVG  con la sua attuale maggioranza sostenuta da PD e SEL ha detto no a due referendum. Il primo no è arrivato su quello della sanità, una riforma che ha fatto molto discutere in FVG e che continua a far discutere. Il Consiglio regionale del FVG si è infatti espresso con 26 voti contrari sull'ammissibilità (20 i favorevoli, due consiglieri non hanno partecipato al voto) della proposta referendaria chiesta da 2.559 cittadini, che ha coinvolto nove comitati. Vi sono state sia motivazioni politiche che giuridiche. Quelle giuridiche normative erano principalmente incentrate sul fatto che trattandosi in sostanza di una norma complessa si sarebbe creato un vuoto normativo non colmabile in 60 giorni, peccato che la norma complessa di cui si chiede l'abrogazione è stata approvata dall'aula in meno di 60 giorni. Il voto finale ha registrato i 20 sì di FI, AR, M5S, FdI/AN, Violino (GM), Piccin (GM) e Pustetto (Sel); i 26 no sono arrivati da Pd, Cittadini, Sel e Barillari (GM). Colautti e Cargnelutti dell'Ncd non hanno partecipato al voto. 
Ma il Consiglio Regionale del FVG ha bocciato anche l'ammissibilità del referendum per l'abrogazione di alcune disposizioni riguardanti le vergognose UTI contenute nella legge 26 del 2014, in particolare gli articoli da 1 a 20, da 23 a 40 e da 56 a 70. La proposta era stata sottoscritta da 901 cittadini. L'Assemblea regionale si è espressa con 25 voti contrari di Pd, Cittadini e Sel, con l'eccezione del consigliere Pustetto che ha votato sì.
Così i voti favorevoli sono stati complessivamente 22, espressi anche da FI, M5S, Ncd, Autonomia Responsabile, Gruppo Misto, FdI/AN, LN. 

Ma non è stato dato neanche il via libera al referendum propositivo per un diverso assetto della Regione FVG. 25 i no all'ammissibilità (Pd, Cittadini e Sel), mentre a favore si sono espressi in 20 (FI, M5S, Ncd, FdI/AN, AR, GM e LN). Il referendum in questione chiedeva un diverso assetto del FVG, con due Province - Friuli e Trieste - dotate di capacità legislativa sul modello di Trento e Bolzano in Trentino-Alto Adige. Qui a dire il vero le ragioni tecniche e giuridiche risultano essere più fondate rispetto alla questione UTI e Sanità la cui bocciatura è stata secca. Una bocciatura, a dire il vero prevedibile, che non farà altro che inasprire il quadro politico all'interno della Regione, con un PD e company sempre più stretti in un piccolo angolo, che cercano di difendere un sistema decisionista, che contrasta contro ogni minimo buon senso. Ma prima o poi il popolo verrà chiamato alle urne, il 2018 è vicino, salvo che qualcuno non si inventi qualche proroga ad oltranza e visti i tempi che corrono, nulla è impossibile. Insomma, ennesima vergogna politica  nel caso UTI e Sanità, di una politica, ahimè sempre più sinistra, sempre più lontana dalla giustizia sociale, dalla democrazia partecipata, dai cittadini, e che per forza di cose favorisce la destra autentica, a cui si stanno letteralmente consegnando le chiavi dei governi locali e non solo. Viene da pensare che forse lo stanno facendo apposta.



Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …