Passa ai contenuti principali

La Regione FVG dice no al referendum sulle UTI e Sanità



Era nell'aria, aria tempestosa, ed il Consiglio regionale del FVG  con la sua attuale maggioranza sostenuta da PD e SEL ha detto no a due referendum. Il primo no è arrivato su quello della sanità, una riforma che ha fatto molto discutere in FVG e che continua a far discutere. Il Consiglio regionale del FVG si è infatti espresso con 26 voti contrari sull'ammissibilità (20 i favorevoli, due consiglieri non hanno partecipato al voto) della proposta referendaria chiesta da 2.559 cittadini, che ha coinvolto nove comitati. Vi sono state sia motivazioni politiche che giuridiche. Quelle giuridiche normative erano principalmente incentrate sul fatto che trattandosi in sostanza di una norma complessa si sarebbe creato un vuoto normativo non colmabile in 60 giorni, peccato che la norma complessa di cui si chiede l'abrogazione è stata approvata dall'aula in meno di 60 giorni. Il voto finale ha registrato i 20 sì di FI, AR, M5S, FdI/AN, Violino (GM), Piccin (GM) e Pustetto (Sel); i 26 no sono arrivati da Pd, Cittadini, Sel e Barillari (GM). Colautti e Cargnelutti dell'Ncd non hanno partecipato al voto. 
Ma il Consiglio Regionale del FVG ha bocciato anche l'ammissibilità del referendum per l'abrogazione di alcune disposizioni riguardanti le vergognose UTI contenute nella legge 26 del 2014, in particolare gli articoli da 1 a 20, da 23 a 40 e da 56 a 70. La proposta era stata sottoscritta da 901 cittadini. L'Assemblea regionale si è espressa con 25 voti contrari di Pd, Cittadini e Sel, con l'eccezione del consigliere Pustetto che ha votato sì.
Così i voti favorevoli sono stati complessivamente 22, espressi anche da FI, M5S, Ncd, Autonomia Responsabile, Gruppo Misto, FdI/AN, LN. 

Ma non è stato dato neanche il via libera al referendum propositivo per un diverso assetto della Regione FVG. 25 i no all'ammissibilità (Pd, Cittadini e Sel), mentre a favore si sono espressi in 20 (FI, M5S, Ncd, FdI/AN, AR, GM e LN). Il referendum in questione chiedeva un diverso assetto del FVG, con due Province - Friuli e Trieste - dotate di capacità legislativa sul modello di Trento e Bolzano in Trentino-Alto Adige. Qui a dire il vero le ragioni tecniche e giuridiche risultano essere più fondate rispetto alla questione UTI e Sanità la cui bocciatura è stata secca. Una bocciatura, a dire il vero prevedibile, che non farà altro che inasprire il quadro politico all'interno della Regione, con un PD e company sempre più stretti in un piccolo angolo, che cercano di difendere un sistema decisionista, che contrasta contro ogni minimo buon senso. Ma prima o poi il popolo verrà chiamato alle urne, il 2018 è vicino, salvo che qualcuno non si inventi qualche proroga ad oltranza e visti i tempi che corrono, nulla è impossibile. Insomma, ennesima vergogna politica  nel caso UTI e Sanità, di una politica, ahimè sempre più sinistra, sempre più lontana dalla giustizia sociale, dalla democrazia partecipata, dai cittadini, e che per forza di cose favorisce la destra autentica, a cui si stanno letteralmente consegnando le chiavi dei governi locali e non solo. Viene da pensare che forse lo stanno facendo apposta.



Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…