Passa ai contenuti principali

E' stato giusto difendere il No alla fusione con Monfalcone, ma turba la motivazione sull'immigrazione

E' stato giusto difendere il no, rivendicare la difesa del no alla fusione di Ronchi e Staranzano con Monfalcone, non tanto per una questione di identità, ma di democrazia, di rappresentanza democratica, di autonomia, perché autonomia significa democrazia. Si rischiava un salto nel buio. Certo, è anche vero che il sistema delle UTI mina seriamente la democrazia dei singoli comuni, perché viene compromessa seriamente l'autonomia. Così come è vero che è inaccettabile che chi non decide di aderire alle UTI si vedrà tagliate le risorse del 30% se non più. La vittoria del no alla fusione è stata schiacciante, vi è poco da dire, così come rilevante è stata l'affermazione del no a Monfalcone. E' innegabile che è stata prima di tutto una partita politica all'interno del partito forse meno amato di questi tempi, quale il PD, è innegabile, però, che ci troviamo in un contesto storico e sociale che vede diverse situazioni precipitare a destra. Questo perché l'illusione che il PD sia di sinistra è venuta meno, questo perché la politica della pancia prevale rispetto a quella della ragione. Meglio l'originale che la copia neanche autentica, e ciò spiega in parte il risultato dei ballottaggi di Trieste e di altre località.  Non è vero che la sinistra non esiste, la sinistra esiste, e deve imporsi e deve ritagliarsi i giusti spazi. Un pugno chiuso oggi reca forse più fastidio di un saluto romano, ma il pugno chiuso racchiude il simbolo della libertà, dell'uguaglianza, della fratellanza e non è mica un reato e neanche eticamente e socialmente e storicamente paragonabile alla meschinità del saluto fascista. 
Valori che devono riemergere con forza anche nei nostri spazi vitali, nei nostri ambienti. A partire dalle cose minimali ma essenziali. Deve essere la sinistra a ritornare ad occuparsi delle questioni sociali, dell'ambiente, del lavoro. Devono essere contrastati tutti i processi di cementificazione che caratterizzano i nostri territori, si devono fermare le costruzioni di nuove case, in paesi, penso a Ronchi ad esempio, dove di case invendute o sfitte ve ne sono una infinità. Si deve investire nelle nostre campagne, più campagne meno cemento, più campagne, più lavoro, più campagne, maggiore qualità dei nostri prodotti. Ma soprattutto si deve operare nell'accoglienza, quella che è totalmente mancata anche in Bisicaria, nel caso dei profughi, salvo qualche eccezione. Sorge il fondato dubbio che complessivamente una delle tematiche che ha spinto i singoli cittadini maggiormente verso il no, e non per responsabilità del comitato contro la fusione, sia stata la questione immigrazione ed il rischio di essere "contagiati" dal sistema di Monfalcone, un sistema che ha creato dei muri all'interno della città enormi. Monfalcone ha pagato in modo chiaro la sua dipendenza dalle politiche dei cantieri, non è riuscita nel corso della sua storia a maturare nessun processo di autonomia. D'altronde se chiudono i cantieri chiude Monfalcone. 
E' difficile sapere da che parte cominciare per operare per l'integrazione e l'accoglienza, ma la volontà deve emergere. Essere luoghi dell'accoglienza significa essere propositivi, anche perché ciò comporterà incremento di posti di lavoro, interazioni culturali, sociali, importanti che contribuiranno ad arricchire questo territorio.  
Ed attenzione, perché dopo l'intolleranza nei confronti dello "straniero", se le cose continuano su questa strada, rischia di ritornare l'intolleranza verso il meridionale, "cabibo" inteso in senso dispregiativo, in una società  sempre più in crisi economica e sociale, dove tutti si fingono italiani, ipocritamente "azzurri", colore dei Savoia mantenuto nell'Italia Repubblicana per la nazionale di calcio, uniti dal tricolore, ma poi nella realtà le cose sono ben diverse.
Se l'Italia in questo momento va a destra ed anche verso la peggiore destra è per colpa anche del principale partito  così detto di sinistra, che ha tradito la sinistra per emulare la destra, con l'effetto di consegnare l'Italia ed i nostri Comuni alla destra. Andare oltre l'esistente è necessario, così come necessario è chiudere una pagina di illusioni e di emulazioni. Non è la rottamazione la soluzione, non è una questione generazionale o volgarmente anagrafica il problema, ma la soluzione è data dall'affermazione di principi mai superati dalla storia, principi che sono ben raccolti nella nostra Costituzione e nei suoi punti fondamentali, basta applicarli anche nei nostri piccoli e quotidiani spazi vitali.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…