Passa ai contenuti principali

E' stato giusto difendere il No alla fusione con Monfalcone, ma turba la motivazione sull'immigrazione

E' stato giusto difendere il no, rivendicare la difesa del no alla fusione di Ronchi e Staranzano con Monfalcone, non tanto per una questione di identità, ma di democrazia, di rappresentanza democratica, di autonomia, perché autonomia significa democrazia. Si rischiava un salto nel buio. Certo, è anche vero che il sistema delle UTI mina seriamente la democrazia dei singoli comuni, perché viene compromessa seriamente l'autonomia. Così come è vero che è inaccettabile che chi non decide di aderire alle UTI si vedrà tagliate le risorse del 30% se non più. La vittoria del no alla fusione è stata schiacciante, vi è poco da dire, così come rilevante è stata l'affermazione del no a Monfalcone. E' innegabile che è stata prima di tutto una partita politica all'interno del partito forse meno amato di questi tempi, quale il PD, è innegabile, però, che ci troviamo in un contesto storico e sociale che vede diverse situazioni precipitare a destra. Questo perché l'illusione che il PD sia di sinistra è venuta meno, questo perché la politica della pancia prevale rispetto a quella della ragione. Meglio l'originale che la copia neanche autentica, e ciò spiega in parte il risultato dei ballottaggi di Trieste e di altre località.  Non è vero che la sinistra non esiste, la sinistra esiste, e deve imporsi e deve ritagliarsi i giusti spazi. Un pugno chiuso oggi reca forse più fastidio di un saluto romano, ma il pugno chiuso racchiude il simbolo della libertà, dell'uguaglianza, della fratellanza e non è mica un reato e neanche eticamente e socialmente e storicamente paragonabile alla meschinità del saluto fascista. 
Valori che devono riemergere con forza anche nei nostri spazi vitali, nei nostri ambienti. A partire dalle cose minimali ma essenziali. Deve essere la sinistra a ritornare ad occuparsi delle questioni sociali, dell'ambiente, del lavoro. Devono essere contrastati tutti i processi di cementificazione che caratterizzano i nostri territori, si devono fermare le costruzioni di nuove case, in paesi, penso a Ronchi ad esempio, dove di case invendute o sfitte ve ne sono una infinità. Si deve investire nelle nostre campagne, più campagne meno cemento, più campagne, più lavoro, più campagne, maggiore qualità dei nostri prodotti. Ma soprattutto si deve operare nell'accoglienza, quella che è totalmente mancata anche in Bisicaria, nel caso dei profughi, salvo qualche eccezione. Sorge il fondato dubbio che complessivamente una delle tematiche che ha spinto i singoli cittadini maggiormente verso il no, e non per responsabilità del comitato contro la fusione, sia stata la questione immigrazione ed il rischio di essere "contagiati" dal sistema di Monfalcone, un sistema che ha creato dei muri all'interno della città enormi. Monfalcone ha pagato in modo chiaro la sua dipendenza dalle politiche dei cantieri, non è riuscita nel corso della sua storia a maturare nessun processo di autonomia. D'altronde se chiudono i cantieri chiude Monfalcone. 
E' difficile sapere da che parte cominciare per operare per l'integrazione e l'accoglienza, ma la volontà deve emergere. Essere luoghi dell'accoglienza significa essere propositivi, anche perché ciò comporterà incremento di posti di lavoro, interazioni culturali, sociali, importanti che contribuiranno ad arricchire questo territorio.  
Ed attenzione, perché dopo l'intolleranza nei confronti dello "straniero", se le cose continuano su questa strada, rischia di ritornare l'intolleranza verso il meridionale, "cabibo" inteso in senso dispregiativo, in una società  sempre più in crisi economica e sociale, dove tutti si fingono italiani, ipocritamente "azzurri", colore dei Savoia mantenuto nell'Italia Repubblicana per la nazionale di calcio, uniti dal tricolore, ma poi nella realtà le cose sono ben diverse.
Se l'Italia in questo momento va a destra ed anche verso la peggiore destra è per colpa anche del principale partito  così detto di sinistra, che ha tradito la sinistra per emulare la destra, con l'effetto di consegnare l'Italia ed i nostri Comuni alla destra. Andare oltre l'esistente è necessario, così come necessario è chiudere una pagina di illusioni e di emulazioni. Non è la rottamazione la soluzione, non è una questione generazionale o volgarmente anagrafica il problema, ma la soluzione è data dall'affermazione di principi mai superati dalla storia, principi che sono ben raccolti nella nostra Costituzione e nei suoi punti fondamentali, basta applicarli anche nei nostri piccoli e quotidiani spazi vitali.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …