Passa ai contenuti principali

E' stato giusto difendere il No alla fusione con Monfalcone, ma turba la motivazione sull'immigrazione

E' stato giusto difendere il no, rivendicare la difesa del no alla fusione di Ronchi e Staranzano con Monfalcone, non tanto per una questione di identità, ma di democrazia, di rappresentanza democratica, di autonomia, perché autonomia significa democrazia. Si rischiava un salto nel buio. Certo, è anche vero che il sistema delle UTI mina seriamente la democrazia dei singoli comuni, perché viene compromessa seriamente l'autonomia. Così come è vero che è inaccettabile che chi non decide di aderire alle UTI si vedrà tagliate le risorse del 30% se non più. La vittoria del no alla fusione è stata schiacciante, vi è poco da dire, così come rilevante è stata l'affermazione del no a Monfalcone. E' innegabile che è stata prima di tutto una partita politica all'interno del partito forse meno amato di questi tempi, quale il PD, è innegabile, però, che ci troviamo in un contesto storico e sociale che vede diverse situazioni precipitare a destra. Questo perché l'illusione che il PD sia di sinistra è venuta meno, questo perché la politica della pancia prevale rispetto a quella della ragione. Meglio l'originale che la copia neanche autentica, e ciò spiega in parte il risultato dei ballottaggi di Trieste e di altre località.  Non è vero che la sinistra non esiste, la sinistra esiste, e deve imporsi e deve ritagliarsi i giusti spazi. Un pugno chiuso oggi reca forse più fastidio di un saluto romano, ma il pugno chiuso racchiude il simbolo della libertà, dell'uguaglianza, della fratellanza e non è mica un reato e neanche eticamente e socialmente e storicamente paragonabile alla meschinità del saluto fascista. 
Valori che devono riemergere con forza anche nei nostri spazi vitali, nei nostri ambienti. A partire dalle cose minimali ma essenziali. Deve essere la sinistra a ritornare ad occuparsi delle questioni sociali, dell'ambiente, del lavoro. Devono essere contrastati tutti i processi di cementificazione che caratterizzano i nostri territori, si devono fermare le costruzioni di nuove case, in paesi, penso a Ronchi ad esempio, dove di case invendute o sfitte ve ne sono una infinità. Si deve investire nelle nostre campagne, più campagne meno cemento, più campagne, più lavoro, più campagne, maggiore qualità dei nostri prodotti. Ma soprattutto si deve operare nell'accoglienza, quella che è totalmente mancata anche in Bisicaria, nel caso dei profughi, salvo qualche eccezione. Sorge il fondato dubbio che complessivamente una delle tematiche che ha spinto i singoli cittadini maggiormente verso il no, e non per responsabilità del comitato contro la fusione, sia stata la questione immigrazione ed il rischio di essere "contagiati" dal sistema di Monfalcone, un sistema che ha creato dei muri all'interno della città enormi. Monfalcone ha pagato in modo chiaro la sua dipendenza dalle politiche dei cantieri, non è riuscita nel corso della sua storia a maturare nessun processo di autonomia. D'altronde se chiudono i cantieri chiude Monfalcone. 
E' difficile sapere da che parte cominciare per operare per l'integrazione e l'accoglienza, ma la volontà deve emergere. Essere luoghi dell'accoglienza significa essere propositivi, anche perché ciò comporterà incremento di posti di lavoro, interazioni culturali, sociali, importanti che contribuiranno ad arricchire questo territorio.  
Ed attenzione, perché dopo l'intolleranza nei confronti dello "straniero", se le cose continuano su questa strada, rischia di ritornare l'intolleranza verso il meridionale, "cabibo" inteso in senso dispregiativo, in una società  sempre più in crisi economica e sociale, dove tutti si fingono italiani, ipocritamente "azzurri", colore dei Savoia mantenuto nell'Italia Repubblicana per la nazionale di calcio, uniti dal tricolore, ma poi nella realtà le cose sono ben diverse.
Se l'Italia in questo momento va a destra ed anche verso la peggiore destra è per colpa anche del principale partito  così detto di sinistra, che ha tradito la sinistra per emulare la destra, con l'effetto di consegnare l'Italia ed i nostri Comuni alla destra. Andare oltre l'esistente è necessario, così come necessario è chiudere una pagina di illusioni e di emulazioni. Non è la rottamazione la soluzione, non è una questione generazionale o volgarmente anagrafica il problema, ma la soluzione è data dall'affermazione di principi mai superati dalla storia, principi che sono ben raccolti nella nostra Costituzione e nei suoi punti fondamentali, basta applicarli anche nei nostri piccoli e quotidiani spazi vitali.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …