Passa ai contenuti principali

Trovate carte eccezionali: spariti asini e bovini e pecore tra il '44 e '45 tra Manzano e Premariacco


Scomparsi. Ma è facile immaginare la fine che possano aver fatto. Mangiati, se non divorati, dai "banditi" come venivano chiamati i partigiani dai nazisti e fascisti e collaborazionisti. Se non anche delinquenti. Si tratta di carte eccezionali incomprensibilmente rimaste nascoste ed ora venute a galla. 
Ed è arrivato il momento di pretendere la verità. Per ragioni di privacy, vista la delicatezza della questione, si è omesso il nome delle povere vittime, contadini ed agricoltori interessati da questa tremenda vicenda. Cosa dicono alcune di queste carte? Che nella frazione del Comune di Premariacco tre "banditi armati" asportarono ai contadini due capi bovini". Ed addirittura venne rilasciata una ricevuta, o meglio vennero rilasciati due buoni intestati " Battaglione partigiani Mazzini". Ma sempre in quella zona venivano anche asportati " quattro muli".



Ma non è stato l'unico caso di scomparsa di poveri bovini e muli. Nelle parti di S. Giovanni al Natisone veniva "asportato un bovino". Ed anche in questo caso rilasciata ricevuta. Mentre nella zona di Ipplis, sparivano, ad esempio, due quintali di farina e veniva rilasciata ricevuta in lingua rigorosamente slovena. 

Sempre nella zona di Premariacco sparivano 5 bovini, una pecora e 15 quintali di cereali, vino. I ribelli armati, come dice l'importantissima nota informativa, inspiegabilmente rimasta nascosta per anni, si dirigevano poi verso la zona di Gorizia.

Ma anche dalle parti di San Lorenzo di Aquileia, sempre per mano di ribelli ed armati, sparivano due capi di bovini. 
Che fine hanno fatto questi bovini ecc? Esiste l'elenco di bovini, pecore e muli "asportati"?

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Attraversando Pordenone (foto)