Passa ai contenuti principali

L'incredibile petizione ai ministeri e Parlamento Europeo sulla non foiba di Rosazzo


Deve essere monitorato tutto quello che ruota intorno alla non foiba di Rosazzo, e dunque va segnalata anche una incredibile petizione, che è stata ripresa ovviamente da parte della stampa.
Petizione che ha come destinatari  Ministero dell'Interno, Ministero di Grazia e Giustizia, Presidente della Repubblica Italiana, Presidente della regione Friuli Venezia Giulia, Presidente del Consiglio dei Ministri, Parlamento europeo. 
L'ambizione è arrivare a 10 mila firme? 50 mila firme? 5000 firme? Che sarebbero petizioni minime da prendere mediaticamente in considerazione? No, a 500 firme. Ed un giornale ha dato spazio a ciò!
La foto della petizione è quella del  recupero di corpi dalla foiba di Vines, 1943. Il Titolo? "Vogliamo la Verita' sulle fosse comuni/foibe in Friuli tenute segrete per 70 anni" Promossa da... Paolo Karatossidis che dal 3 marzo è stato aggiunto nel gruppo facebook pubblico della Lega Nazionale di Gorizia. Ed a sua volta sta aggiungendo altri membri a quel gruppo.
Il contenuto petizione? 
Si legge che  "Dopo 70 anni si 'scopre' in documenti secretati l'esistenza di una foiba in mezzo ai boschi del Friuli dove sono stati martirizzati presumibilmente tra i 200 e gli 800 innocenti a guerra conclusa." Dunque si insiste con il concetto di foiba. Che sarebbero tipiche delle zone carsiche ma a quanto pare ora si sono estese anche nel bel mezzo del Friuli. Si parla di martiri. Si parla di innocenti, con cifre che sono quelle indicate dalla notina informativa da cui è partita tutta la macchina. Si commenta tutto da solo. Ma la petizione continua affermando che " In qualsiasi paese civile sarebbe la notizia d'apertura di tutti i telegiornali nazionali. Ci sarebbero giudici ed investigatori sguinzagliati per dare un nome e cognome alle vittime e -soprattutto- ai carnefici. Ci sarebbero interrogazioni parlamentari e denunce alle Nazioni Unite, gli intellettuali si straccerebbero le vesti e si creerebbero tribunali penali internazionali per Genocidio non 'strage' (che poi non e' reato prescrivibile). Chiediamo che qualche rappresentante delle Istituzioni si adoperi immediatamente per dissoterrare insieme a quei corpi una Verita' che per troppo tempo e' stata occultata con l'inganno, la mistificazione e la violenza. Chi tace e' -nuovamente- complice! ".
Su una cosa hanno ragione, gli intellettuali si stanno stracciando le vesti, ma per la situazione allucinante di questa non foiba e gli incredibili attacchi e mirati e diretti contro la resistenza rossa, comunista e Jugoslava. Considerando come traditore, di cosa poi non lo si capisce visto che l'Italia in quel tempo non praticamente esisteva più, e la Repubblica italiana nascerà dopo la guerra e la nostra Costituzione entrerà in vigore nel 1948, il partigiano comunista italiano che ha lottato con quello jugoslavo contro l'occupante nazifascista. 
Ma come, non stava indagando la magistratura? I Carabinieri non stavano facendo verifiche in loco? Sarà che non avendo trovato nulla forse ha prevalso il buon senso? Visto che si impiegano anche risorse pubbliche? Quello che manca ad una parte del sistema informativo nostrano che continua a dare spazio ad una vicenda che non dovrebbe trovare più spazio alcuno? Una vicenda che comunque non finirà a tarallucci e vino ? E dei reati commessi dai criminali di guerra italiani, mai puniti, le cui carte sono state ora desecretate? Perché una parte di stampa continua a tacere? 
Chi tace i crimini compiuti dall'Italia nelle terre occupate dal nostro Paese è complice delle barbarie commesse dal nostro incivilissimo Paese. Chi continua a dare spazio, forse per vendere qualche copia di giornale, alla non foiba di Rosazzo, censurando tutti i contenuti ragionati e critici che sono emersi e che emergeranno, è complice di questa incredibile vicenda che quando giungerà a termine, con il nulla, perché del nulla stiamo parlando, perché supposizioni sono diventate prove, perché illazioni sono diventate verità, perderà ogni credibilità, con tutte le conseguenze facilmente immaginabili. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…