Passa ai contenuti principali

L'incredibile petizione ai ministeri e Parlamento Europeo sulla non foiba di Rosazzo


Deve essere monitorato tutto quello che ruota intorno alla non foiba di Rosazzo, e dunque va segnalata anche una incredibile petizione, che è stata ripresa ovviamente da parte della stampa.
Petizione che ha come destinatari  Ministero dell'Interno, Ministero di Grazia e Giustizia, Presidente della Repubblica Italiana, Presidente della regione Friuli Venezia Giulia, Presidente del Consiglio dei Ministri, Parlamento europeo. 
L'ambizione è arrivare a 10 mila firme? 50 mila firme? 5000 firme? Che sarebbero petizioni minime da prendere mediaticamente in considerazione? No, a 500 firme. Ed un giornale ha dato spazio a ciò!
La foto della petizione è quella del  recupero di corpi dalla foiba di Vines, 1943. Il Titolo? "Vogliamo la Verita' sulle fosse comuni/foibe in Friuli tenute segrete per 70 anni" Promossa da... Paolo Karatossidis che dal 3 marzo è stato aggiunto nel gruppo facebook pubblico della Lega Nazionale di Gorizia. Ed a sua volta sta aggiungendo altri membri a quel gruppo.
Il contenuto petizione? 
Si legge che  "Dopo 70 anni si 'scopre' in documenti secretati l'esistenza di una foiba in mezzo ai boschi del Friuli dove sono stati martirizzati presumibilmente tra i 200 e gli 800 innocenti a guerra conclusa." Dunque si insiste con il concetto di foiba. Che sarebbero tipiche delle zone carsiche ma a quanto pare ora si sono estese anche nel bel mezzo del Friuli. Si parla di martiri. Si parla di innocenti, con cifre che sono quelle indicate dalla notina informativa da cui è partita tutta la macchina. Si commenta tutto da solo. Ma la petizione continua affermando che " In qualsiasi paese civile sarebbe la notizia d'apertura di tutti i telegiornali nazionali. Ci sarebbero giudici ed investigatori sguinzagliati per dare un nome e cognome alle vittime e -soprattutto- ai carnefici. Ci sarebbero interrogazioni parlamentari e denunce alle Nazioni Unite, gli intellettuali si straccerebbero le vesti e si creerebbero tribunali penali internazionali per Genocidio non 'strage' (che poi non e' reato prescrivibile). Chiediamo che qualche rappresentante delle Istituzioni si adoperi immediatamente per dissoterrare insieme a quei corpi una Verita' che per troppo tempo e' stata occultata con l'inganno, la mistificazione e la violenza. Chi tace e' -nuovamente- complice! ".
Su una cosa hanno ragione, gli intellettuali si stanno stracciando le vesti, ma per la situazione allucinante di questa non foiba e gli incredibili attacchi e mirati e diretti contro la resistenza rossa, comunista e Jugoslava. Considerando come traditore, di cosa poi non lo si capisce visto che l'Italia in quel tempo non praticamente esisteva più, e la Repubblica italiana nascerà dopo la guerra e la nostra Costituzione entrerà in vigore nel 1948, il partigiano comunista italiano che ha lottato con quello jugoslavo contro l'occupante nazifascista. 
Ma come, non stava indagando la magistratura? I Carabinieri non stavano facendo verifiche in loco? Sarà che non avendo trovato nulla forse ha prevalso il buon senso? Visto che si impiegano anche risorse pubbliche? Quello che manca ad una parte del sistema informativo nostrano che continua a dare spazio ad una vicenda che non dovrebbe trovare più spazio alcuno? Una vicenda che comunque non finirà a tarallucci e vino ? E dei reati commessi dai criminali di guerra italiani, mai puniti, le cui carte sono state ora desecretate? Perché una parte di stampa continua a tacere? 
Chi tace i crimini compiuti dall'Italia nelle terre occupate dal nostro Paese è complice delle barbarie commesse dal nostro incivilissimo Paese. Chi continua a dare spazio, forse per vendere qualche copia di giornale, alla non foiba di Rosazzo, censurando tutti i contenuti ragionati e critici che sono emersi e che emergeranno, è complice di questa incredibile vicenda che quando giungerà a termine, con il nulla, perché del nulla stiamo parlando, perché supposizioni sono diventate prove, perché illazioni sono diventate verità, perderà ogni credibilità, con tutte le conseguenze facilmente immaginabili. 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…