Passa ai contenuti principali

Con i 224 milioni di euro italiani e 3 miliardi europei stiamo aiutando la Turchia a respingere i profughi?



Ci sono cose che non devono essere conosciute. E se lo devono essere, queste devono raggiungere una platea molto ristretta. Basta vedere i dossier sulla catastrofe umanitaria, che vengono trasmessi sulla TV pubblica, in tarda seconda serata, che si sta realizzando nei confronti dei profughi. 
Non si devono turbare le nostre coscienze, sempre che in Italia ed in Europa ve ne sia una degna di essere definita come tale. Come è noto da poche settimane si è dato il via libera al contributo straordinario a favore della Turchia per difendere quella che è stata definita come la " fortezza Europea". Che tra muri, filo spinato, ed eserciti, sta semplicemente tradendo i valori universali su cui dovrebbe essere fondata, libertà, uguaglianza, fratellanza, solidarietà. Il bilancio comunitario contribuirà per un miliardo e non più per 500 milioni, e gli Stati membri dovranno contribuire solo per due miliardi e non più per due miliardi e mezzo. Cambia il contributo nazionale: l'Italia dovrà mettere sul piatto 224,9 milioni di euro e non più 281,6 milioni. Soldi nostri. E a cosa rischiano di servire questi soldi? Per difendere i propri confini, l'Unione europea ha creato un sofisticato sistema di sorveglianza, basato sul controllo e pattugliamento delle frontiere esterne, aeree, marittime e terresti attraverso l'Agenzia europea per la gestione della cooperazione internazionale alle frontiere esterne degli stati membri dell'Ue - Frontex. Amnesty già in passato denunciava: "Per creare una zona cuscinetto lontana dai confini dell'Ue che blocchi l'ingresso dei migranti irregolari verso l'Europa, ha stipulato accordi e intese con paesi terzi e sostenuto la creazione di centri di detenzione in paesi dove ci sono serie preoccupazioni per le violazioni dei diritti umani, in particolare nell'accesso alle procedure di asilo durante lo stato di detenzione, come la Turchia e l'Ucraina". 
Ed in questo febbraio 2016 denuncia che " L'organizzazione per i diritti umani ha anche verificato che le forze di sicurezza turche hanno ucciso e feriti civili, compresi bambini, che per disperazione avevano cercato di attraversare irregolarmente la frontiera con l'aiuto di contrabbandieri". "Le persone con cui abbiamo parlato ci hanno descritto un quadro tragico, una situazione disperata per coloro che rimangono intrappolati, tra attacchi aerei quotidiani e condizioni umanitarie devastanti. La politica estremamente selettiva della Turchia, in base alla quale entrano nel paese solo le persone ferite in modo grave mentre le altre rimangono prive di protezione, è agghiacciante" - ha dichiarato Tirana Hassan, direttrice per la risposta alle crisi di Amnesty International". "Il fatto che la Turchia stia impedendo l'accesso ai siriani malati e feriti illustra quando i controlli alla frontiera siano assolutamente lontani dall'obbligo internazionale di offrire protezione. Il confine deve rimanere aperto a tutti coloro che fuggono dal conflitto siriano, soprattutto ai feriti e ai malati colpiti ogni giorni dagli attacchi aerei contro le loro case, i loro ospedali e le loro scuole". E dunque l'Italia e l'Unione Europea hanno dato priorità alla Turchia affinché i rifugiati stiano alla larga dalla civilissima Europa. L'Italia e l'Unione Europea, con i nostri soldi, si stanno rendendo responsabili di nefandezze. E tutto ciò mi fa semplicemente ribrezzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …