Passa ai contenuti principali

Con i 224 milioni di euro italiani e 3 miliardi europei stiamo aiutando la Turchia a respingere i profughi?



Ci sono cose che non devono essere conosciute. E se lo devono essere, queste devono raggiungere una platea molto ristretta. Basta vedere i dossier sulla catastrofe umanitaria, che vengono trasmessi sulla TV pubblica, in tarda seconda serata, che si sta realizzando nei confronti dei profughi. 
Non si devono turbare le nostre coscienze, sempre che in Italia ed in Europa ve ne sia una degna di essere definita come tale. Come è noto da poche settimane si è dato il via libera al contributo straordinario a favore della Turchia per difendere quella che è stata definita come la " fortezza Europea". Che tra muri, filo spinato, ed eserciti, sta semplicemente tradendo i valori universali su cui dovrebbe essere fondata, libertà, uguaglianza, fratellanza, solidarietà. Il bilancio comunitario contribuirà per un miliardo e non più per 500 milioni, e gli Stati membri dovranno contribuire solo per due miliardi e non più per due miliardi e mezzo. Cambia il contributo nazionale: l'Italia dovrà mettere sul piatto 224,9 milioni di euro e non più 281,6 milioni. Soldi nostri. E a cosa rischiano di servire questi soldi? Per difendere i propri confini, l'Unione europea ha creato un sofisticato sistema di sorveglianza, basato sul controllo e pattugliamento delle frontiere esterne, aeree, marittime e terresti attraverso l'Agenzia europea per la gestione della cooperazione internazionale alle frontiere esterne degli stati membri dell'Ue - Frontex. Amnesty già in passato denunciava: "Per creare una zona cuscinetto lontana dai confini dell'Ue che blocchi l'ingresso dei migranti irregolari verso l'Europa, ha stipulato accordi e intese con paesi terzi e sostenuto la creazione di centri di detenzione in paesi dove ci sono serie preoccupazioni per le violazioni dei diritti umani, in particolare nell'accesso alle procedure di asilo durante lo stato di detenzione, come la Turchia e l'Ucraina". 
Ed in questo febbraio 2016 denuncia che " L'organizzazione per i diritti umani ha anche verificato che le forze di sicurezza turche hanno ucciso e feriti civili, compresi bambini, che per disperazione avevano cercato di attraversare irregolarmente la frontiera con l'aiuto di contrabbandieri". "Le persone con cui abbiamo parlato ci hanno descritto un quadro tragico, una situazione disperata per coloro che rimangono intrappolati, tra attacchi aerei quotidiani e condizioni umanitarie devastanti. La politica estremamente selettiva della Turchia, in base alla quale entrano nel paese solo le persone ferite in modo grave mentre le altre rimangono prive di protezione, è agghiacciante" - ha dichiarato Tirana Hassan, direttrice per la risposta alle crisi di Amnesty International". "Il fatto che la Turchia stia impedendo l'accesso ai siriani malati e feriti illustra quando i controlli alla frontiera siano assolutamente lontani dall'obbligo internazionale di offrire protezione. Il confine deve rimanere aperto a tutti coloro che fuggono dal conflitto siriano, soprattutto ai feriti e ai malati colpiti ogni giorni dagli attacchi aerei contro le loro case, i loro ospedali e le loro scuole". E dunque l'Italia e l'Unione Europea hanno dato priorità alla Turchia affinché i rifugiati stiano alla larga dalla civilissima Europa. L'Italia e l'Unione Europea, con i nostri soldi, si stanno rendendo responsabili di nefandezze. E tutto ciò mi fa semplicemente ribrezzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…