Passa ai contenuti principali

FVG stanziati 212 mila euro per progetti formativi in materia di Protezione civile nelle scuole



In FVG vi è una Convenzione, la n. 73/04, stipulata ai sensi degli articoli 24 e 25 della legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, tra la Protezione civile della Regione e l’Ufficio Scolastico Regionale il 17 giugno 2004, che è finalizzata alla promozione ed allo sviluppo di esperienze educative sui temi della prevenzione e della sicurezza per le scuole primarie, medie e superiori. La relazione della Protezione civile della Regione del 2 dicembre 2015 ha evidenziato che per quanto riguarda le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo livello, si rende necessario completare il progetto denominato “Organizzazione di eventi di protezione civile nelle Scuole”, che sarà inserito nella specifica piattaforma, attraverso la ristampa in un numero adeguato di copie, con particolare riferimento ai quaderni operativi “Primi passi in sicurezza” e “Cresciamo sicuri” andati esauriti già da tempo, per una spesa presunta di Euro 30.000,00.-, I.V.A. inclusa, oltre a valorizzare e aggiornare il materiale didattico già a disposizione, distribuire i materiali già in possesso (sempre all’interno di percorsi formativi specifici), favorire incontri con le diverse realtà scolastiche presenti in Regione per identificare e sostenere - anche finanziariamente nei limiti della spesa autorizzata - nuovi progetti pilota, con l’intento di rendere l’offerta aggiornata e coinvolgente per nuove generazioni; per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo livello, in base a quanto emerge nella relazione, si rende necessario proseguire nel corso del prossimo triennio “Stage di protezione civile” ora denominati “Campi scuola di orientamento al volontariato di protezione civile”, rivolti agli studenti delle classi terza, quarta e quinta delle scuole secondarie superiori del Friuli Venezia Giulia, la cui realizzazione seguirà le procedure e modalità già rodate nelle esperienze degli anni precedenti, per un costo presunto di Euro 170.000,00.-, I.V.A. inclusa; - per incentivare lo sviluppo di un sistema a rete degli istituti scolastici in materia di protezione civile, la Protezione Civile della Regione intende, nel caso di proposte di interesse concreto per il Sistema regionale di protezione civile per la diffusione di una moderna coscienza di protezione civile, sostenere la realizzazione di nuovi progetti sviluppati in forma sinergica da Istituti superiori della regione, anche tramite la stipula di nuove convenzioni con l’Ufficio scolastico regionale, la cui descrizione ed impegno finanziario saranno oggetto di successiva deliberazione, prevedendo una spesa presunta di Euro 12.000,00.-, I.V.A. inclusa. Con la delibera 2604 del 29 dicembre 2015 la Giunta Regionale del FVG autorizza,la realizzazione dei percorsi formativi in materia di protezione civile, rivolti agli studenti delle scuole della Regione nel biennio 2015-2016 e 2016-2017, finalizzati alla creazione di una nuova e moderna coscienza di protezione civile, autorizzando altresì la spesa di complessivi Euro 212.000,00.-, I.V.A. inclusa, a carico del “Fondo regionale per la protezione civile” di cui all’articolo 33 della legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, per i progetti ivi considerati. Insomma in FVG la scuola diventa terreno di stretta collaborazione con la Protezione Civile. 

pubblicato per Tecnica della Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…