Passa ai contenuti principali

FVG stanziati 212 mila euro per progetti formativi in materia di Protezione civile nelle scuole



In FVG vi è una Convenzione, la n. 73/04, stipulata ai sensi degli articoli 24 e 25 della legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, tra la Protezione civile della Regione e l’Ufficio Scolastico Regionale il 17 giugno 2004, che è finalizzata alla promozione ed allo sviluppo di esperienze educative sui temi della prevenzione e della sicurezza per le scuole primarie, medie e superiori. La relazione della Protezione civile della Regione del 2 dicembre 2015 ha evidenziato che per quanto riguarda le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo livello, si rende necessario completare il progetto denominato “Organizzazione di eventi di protezione civile nelle Scuole”, che sarà inserito nella specifica piattaforma, attraverso la ristampa in un numero adeguato di copie, con particolare riferimento ai quaderni operativi “Primi passi in sicurezza” e “Cresciamo sicuri” andati esauriti già da tempo, per una spesa presunta di Euro 30.000,00.-, I.V.A. inclusa, oltre a valorizzare e aggiornare il materiale didattico già a disposizione, distribuire i materiali già in possesso (sempre all’interno di percorsi formativi specifici), favorire incontri con le diverse realtà scolastiche presenti in Regione per identificare e sostenere - anche finanziariamente nei limiti della spesa autorizzata - nuovi progetti pilota, con l’intento di rendere l’offerta aggiornata e coinvolgente per nuove generazioni; per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo livello, in base a quanto emerge nella relazione, si rende necessario proseguire nel corso del prossimo triennio “Stage di protezione civile” ora denominati “Campi scuola di orientamento al volontariato di protezione civile”, rivolti agli studenti delle classi terza, quarta e quinta delle scuole secondarie superiori del Friuli Venezia Giulia, la cui realizzazione seguirà le procedure e modalità già rodate nelle esperienze degli anni precedenti, per un costo presunto di Euro 170.000,00.-, I.V.A. inclusa; - per incentivare lo sviluppo di un sistema a rete degli istituti scolastici in materia di protezione civile, la Protezione Civile della Regione intende, nel caso di proposte di interesse concreto per il Sistema regionale di protezione civile per la diffusione di una moderna coscienza di protezione civile, sostenere la realizzazione di nuovi progetti sviluppati in forma sinergica da Istituti superiori della regione, anche tramite la stipula di nuove convenzioni con l’Ufficio scolastico regionale, la cui descrizione ed impegno finanziario saranno oggetto di successiva deliberazione, prevedendo una spesa presunta di Euro 12.000,00.-, I.V.A. inclusa. Con la delibera 2604 del 29 dicembre 2015 la Giunta Regionale del FVG autorizza,la realizzazione dei percorsi formativi in materia di protezione civile, rivolti agli studenti delle scuole della Regione nel biennio 2015-2016 e 2016-2017, finalizzati alla creazione di una nuova e moderna coscienza di protezione civile, autorizzando altresì la spesa di complessivi Euro 212.000,00.-, I.V.A. inclusa, a carico del “Fondo regionale per la protezione civile” di cui all’articolo 33 della legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, per i progetti ivi considerati. Insomma in FVG la scuola diventa terreno di stretta collaborazione con la Protezione Civile. 

pubblicato per Tecnica della Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Scuola tra docenti impotenti senza autorevolezza e autorità in una lotta per la sopravvivenza

I tempi del grembiule, delle bacchettate, delle punizioni dietro la lavagna o di altre amenità sono finiti da un pezzo come la scuola dell'ordine e della disciplina. Forse il grembiule potrebbe ritornare, o anche no, ovviamente non devono trovare alcuna dimensione e spazio violenze psicofisiche all'interno della scuola. Ma nel giro di un paio di generazioni che sono coincise da un lato con l'avvento di internet che ha tolto ogni freno inibitorio e dall'altro della scuola trasformata in luogo dove i docenti hanno perso ogni autorevolezza ed autorità, dove non contano più niente, non hanno più alcun potere, salvo qualche caso raro di abuso di mezzi di correzione e violenza che comunque vengono sanzionati a dovere ed utilizzati per demonizzare una intera categoria presa letteralmente a schiaffi ogni giorno, si è realizzato il disastro pieno. 
La scuola deve solo "vendere" un prodotto, che è il titolo di studio o diventare luogo di ammortizzatore sociale. Insegu…