Passa ai contenuti principali

FVG stanziati 212 mila euro per progetti formativi in materia di Protezione civile nelle scuole



In FVG vi è una Convenzione, la n. 73/04, stipulata ai sensi degli articoli 24 e 25 della legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, tra la Protezione civile della Regione e l’Ufficio Scolastico Regionale il 17 giugno 2004, che è finalizzata alla promozione ed allo sviluppo di esperienze educative sui temi della prevenzione e della sicurezza per le scuole primarie, medie e superiori. La relazione della Protezione civile della Regione del 2 dicembre 2015 ha evidenziato che per quanto riguarda le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo livello, si rende necessario completare il progetto denominato “Organizzazione di eventi di protezione civile nelle Scuole”, che sarà inserito nella specifica piattaforma, attraverso la ristampa in un numero adeguato di copie, con particolare riferimento ai quaderni operativi “Primi passi in sicurezza” e “Cresciamo sicuri” andati esauriti già da tempo, per una spesa presunta di Euro 30.000,00.-, I.V.A. inclusa, oltre a valorizzare e aggiornare il materiale didattico già a disposizione, distribuire i materiali già in possesso (sempre all’interno di percorsi formativi specifici), favorire incontri con le diverse realtà scolastiche presenti in Regione per identificare e sostenere - anche finanziariamente nei limiti della spesa autorizzata - nuovi progetti pilota, con l’intento di rendere l’offerta aggiornata e coinvolgente per nuove generazioni; per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo livello, in base a quanto emerge nella relazione, si rende necessario proseguire nel corso del prossimo triennio “Stage di protezione civile” ora denominati “Campi scuola di orientamento al volontariato di protezione civile”, rivolti agli studenti delle classi terza, quarta e quinta delle scuole secondarie superiori del Friuli Venezia Giulia, la cui realizzazione seguirà le procedure e modalità già rodate nelle esperienze degli anni precedenti, per un costo presunto di Euro 170.000,00.-, I.V.A. inclusa; - per incentivare lo sviluppo di un sistema a rete degli istituti scolastici in materia di protezione civile, la Protezione Civile della Regione intende, nel caso di proposte di interesse concreto per il Sistema regionale di protezione civile per la diffusione di una moderna coscienza di protezione civile, sostenere la realizzazione di nuovi progetti sviluppati in forma sinergica da Istituti superiori della regione, anche tramite la stipula di nuove convenzioni con l’Ufficio scolastico regionale, la cui descrizione ed impegno finanziario saranno oggetto di successiva deliberazione, prevedendo una spesa presunta di Euro 12.000,00.-, I.V.A. inclusa. Con la delibera 2604 del 29 dicembre 2015 la Giunta Regionale del FVG autorizza,la realizzazione dei percorsi formativi in materia di protezione civile, rivolti agli studenti delle scuole della Regione nel biennio 2015-2016 e 2016-2017, finalizzati alla creazione di una nuova e moderna coscienza di protezione civile, autorizzando altresì la spesa di complessivi Euro 212.000,00.-, I.V.A. inclusa, a carico del “Fondo regionale per la protezione civile” di cui all’articolo 33 della legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, per i progetti ivi considerati. Insomma in FVG la scuola diventa terreno di stretta collaborazione con la Protezione Civile. 

pubblicato per Tecnica della Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …