Passa ai contenuti principali

Ma il Castello di Gradisca è ancora in vendita?



Facendo un salto nel sito del Demanio,alla voce offerta libera,  risulta ancora essere a disposizione il Castello di Gradisca. Nella voce tecnica si legge:”Castello della Repubblica Veneta di fine 400 di notevole pregio storico artistico composto da 6 edifici e cintato da strutture in pietra. L'immobile si trova nel centro storico della cittadina e versa in stato di abbandono. SUPERFICIE LORDA: 11.511 MQ SUP. TOTALE DI CUI COPERTA 1750 E SCOPERTA 9760 STATO MANUTENTIVO: PESSIMO STATO OCCUPAZIONALE: LIBERO. Non è l'unico bene che interessa il FVG che rientra nella voce offerta libera. E' ancora segnalato l'ospedale militare di Scorcola, un panoramico compendio di imponenti dimensioni sito in zona centrale della citta' composto da un edificio doppio di 4 piani f.t. con tettoie, ampio giardino alberato, cortile interno e parcheggio sul retro. Ora,sempre sul sito del demanio si legge che “La Direzione Regionale Friuli Venezia Giulia dell’Agenzia e l’amministrazione comunale di Gradisca d’Isonzo hanno svolto un sopralluogo al Castello di Gradisca d’Isonzo, alla presenza anche dei rappresentanti della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche. E’ stata l’occasione per illustrare il progetto, finanziato dall’associazione ARCUS, di ripristino dei camminamenti e di rifacimento delle coperture del compendio, al fine di garantirne la fruibilità pubblica. A seguito del sopralluogo c’è stato un incontro il Municipio, nel corso del quale l’Agenzia e il Comune di Gradisca d’Isonzo hanno illustrato alle Amministrazioni convenute l’iniziativa di valorizzazione del bene, proponendo la sottoscrizione di un Protocollo d’Intesa tra tutti gli Enti Pubblici competenti (Agenzia del demanio, Comune, Regione, MIBACT), al fine di avviare in maniera coordinata e congiunta il relativo iter". Mentre per il giorno 11 luglio 2015 si legge che “ Il Castello di Gradisca d’Isonzo (GO) verrà recuperato e valorizzato in chiave turistico-culturale e ricettiva, grazie al progetto valore Paese - Dimore. L'Agenzia del Demanio, il Comune, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo hanno, infatti, firmato un atto d'intesa che consentirà di avviare un percorso di recupero e riqualificazione dell’immobile, grazie all’individuazione di nuove destinazioni d’uso. Prossimo passo, l'attivazione di un Tavolo Tecnico Operativo, al quale parteciperanno i rappresentanti delle Istituzioni coinvolte, che consentirà di coordinare tutte le attività per la valorizzazione del castello. Sarà possibile, così, rilanciare l’uso della dimora nobiliare del XVI secolo affidandola al mercato privato con la concessione di lungo periodo, fino a 50 anni”: Ora l'interrogativo che sorge è non è che si utilizzano soldi pubblici per ripristinare un luogo meraviglioso, pubblico, che nessuno ha voluto acquistare stante la situazione pessima in cui si troverebbe, per poi, una volta ripristinato con soldi pubblici, essere venduto o svenduto a tempo debito? Passando per la via di mezzo di una concessione? Il progetto ivi citato è uno strumento di partenariato pubblico-privato che consente di sviluppare e valorizzare il patrimonio immobiliare pubblico, "attraverso l’assegnazione a primari operatori privati del diritto di utilizzare gli immobili a fini economici per un periodo determinato di tempo, a fronte della loro riqualificazione, riconversione funzionale e manutenzione ordinaria e straordinaria. Attraverso lo strumento della concessione, l’investitore privato non grava il proprio business plan dei costi per l’acquisto degli immobili che rimangono di proprietà pubblica, mentre lo Stato, oltre ad incassare un canone per l’intera durata della concessione, risparmia gli oneri improduttivi di vigilanza, custodia, messa in sicurezza, manutenzione e riattiva nel contempo circuiti virtuosi di trasformazione urbana e sviluppo locale. La durata della concessione è commisurata al raggiungimento dell’equilibrio economico-finanziario del piano degli investimenti e della connessa gestione, per un periodo di tempo comunque non eccedente i 50 anni. Alla scadenza della concessione, lo Stato rientra automaticamente nella piena disponibilità degli immobili concessi in uso, con l’acquisizione di ogni trasformazione, miglioria, addizione e accessione ad essi apportate. La recente L. n. 228/2012 ha previsto che, al termine del periodo di tempo previsto dalla concessione, il Ministero dell'economia e delle finanze – Agenzia del demanio, verificato il raggiungimento della finalità di riqualificazione e riconversione dei beni, possa riconoscere al concessionario, ove non sussistano esigenze di utilizzo per finalità istituzionali, il diritto di prelazione per l'acquisto del bene, al prezzo di mercato"Possibile che non si riescono con risorse pubbliche a gestire in modo pubblico beni storici, gioiellini che altri Paesi farebbero la fila per avere? Ci si scandalizza tanto per il fatto che la Grecia debba fare cassa con i suoi beni storici, e quando questo accade da noi, tutto tace?  A pensar male ci si prende spesso, spero, questa volta di non prenderci proprio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…