Passa ai contenuti principali

17 maggio giornata contro ogni omofobia e transfobia che la scuola sia da esempio

Nel mese di maggio 2005, per iniziativa di alcuni parlamentari, veniva presentata una proposta di legge volta ad istituire, in Italia, la giornata nazionale contro l'Omofobia. Nella premessa di quel testo si legge che “Omosessuali, lesbiche e transessuali sono fortemente discriminati in tutto il mondo. In almeno ottanta Stati gli atti omosessuali sono condannati dalla legge come atti criminali oppure sono oggetto di persecuzione amministrativa o sociale. Il nostro Paese non si e` ancora dotato di una efficace legge antidiscriminatoria: anzi, la direttiva europea antidiscriminatoria e` stata di recente (asseritamente) « recepita » in modo da rendere la discriminazione paradossalmente piu` agevole di quel che non fosse in precedenza, sulla base di norme piu` generali; e siamo uno degli ultimi Paesi europei che non ha regolarizzato la condizione di migliaia di coppie gay che vedono quotidianamente negati i propri diritti, soprattutto nei momenti piu` tragici dell’esistenza. In Italia l’omofobia e` palese. Sono, ormai, tristemente celebri le espressioni volgari e insultanti con cui alcuni Ministri della Repubblica si sono riferiti, nel corso di questa legislatura, agli omosessuali. Tali espressioni sono solo la « cartina al tornasole » di un Paese che vive ancora con difficolta` la piena accettazione dell’omosessualita`”. Verrebbe da dire, e lo dico e scrivo, cosa è cambiato dal 2005 ad oggi? Il 17 maggio del 1990 l’Assemblea generale dell’Organizzazione mondiale della sanita` (OMS) ha eliminato l’omosessualita` della lista delle malattie mentali. L’OMS ha cosı` lanciato un segnale inequivocabile teso al superamento del pregiudizio scientifico e della conseguente discriminazione sociale ai danni di gay, di lesbiche e di transessuali che ne derivava. Eppure, nonostante ciò, nel 2007, in Polonia, il vice primo ministro nonché ministro della pubblica istruzione polacco annunciava pubblicamente un progetto di legge destinato a punire la "propaganda omosessuale" nelle scuole, le cui disposizioni volevano il licenziamento, l'imposizione di sanzioni o la detenzione per i responsabili di istituti scolastici, gli insegnanti e gli alunni implicati in casi di "attivismo" a favore dei diritti LGBT nelle scuole, e gli insegnanti che rendevano pubblica la propria omosessualità rischiavano di essere licenziati . Da ciò arriverà l'intervento da parte del parlamento Europeo, con la risoluzione del 26 aprile 2007 sull'omofobia in Europa e  ribadirà “ il suo invito a tutti gli Stati membri a proporre leggi che superino le discriminazioni subite da coppie dello stesso sesso e chiede alla Commissione di presentare proposte per garantire che il principio del riconoscimento reciproco sia applicato anche in questo settore al fine di garantire la libertà di circolazione per tutte le persone nell'Unione europea senza discriminazioni”. Siamo nel 2015, qualche piccolo passo è stato fatto, ciò è innegabile, ma siamo ben lontani dal superamento di pregiudizi, comportamenti razzisti, discriminatori, nei confronti di chi vive, o meglio vorrebbe vivere liberamente, la propria vita in conformità con la propria libera identità. Per non parlare delle tutele giuridiche, inesistenti.  
Le scuole sono il luogo più importante dove affrontare tale questione, pensiamo ai POF, di oggi, quanti sono quelli che assicurano l'attuazione dei principi di pari opportunità promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l'educazione alla parità di genere, la formazione, la sensibilizzazione contro tutte le discriminazioni e violenze di carattere omotransfobico, al fine di informare e sensibilizzare gli studenti, i docenti ed i genitori sulle dette questioni?
E' dalle scuole che si deve partire, perché le scuole devono formare i cittadini del futuro, ed è nelle scuole che il contrasto all'omotransfobia, deve trovare la più ampia tutela e cittadinanza, ma non solo a parole, ma con i fatti. Fatti che devono dare una risposta ferma, per esempio, ai dati come emersi recentemente in Friuli Venezia Giulia  dove oltre il 40% degli studenti di questa regione ha assistito ad atti di bullismo omofobico,  ed oltre il 30% sono quelli che hanno subito chiare aggressioni omofobe. 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…