Passa ai contenuti principali

17 maggio giornata contro ogni omofobia e transfobia che la scuola sia da esempio

Nel mese di maggio 2005, per iniziativa di alcuni parlamentari, veniva presentata una proposta di legge volta ad istituire, in Italia, la giornata nazionale contro l'Omofobia. Nella premessa di quel testo si legge che “Omosessuali, lesbiche e transessuali sono fortemente discriminati in tutto il mondo. In almeno ottanta Stati gli atti omosessuali sono condannati dalla legge come atti criminali oppure sono oggetto di persecuzione amministrativa o sociale. Il nostro Paese non si e` ancora dotato di una efficace legge antidiscriminatoria: anzi, la direttiva europea antidiscriminatoria e` stata di recente (asseritamente) « recepita » in modo da rendere la discriminazione paradossalmente piu` agevole di quel che non fosse in precedenza, sulla base di norme piu` generali; e siamo uno degli ultimi Paesi europei che non ha regolarizzato la condizione di migliaia di coppie gay che vedono quotidianamente negati i propri diritti, soprattutto nei momenti piu` tragici dell’esistenza. In Italia l’omofobia e` palese. Sono, ormai, tristemente celebri le espressioni volgari e insultanti con cui alcuni Ministri della Repubblica si sono riferiti, nel corso di questa legislatura, agli omosessuali. Tali espressioni sono solo la « cartina al tornasole » di un Paese che vive ancora con difficolta` la piena accettazione dell’omosessualita`”. Verrebbe da dire, e lo dico e scrivo, cosa è cambiato dal 2005 ad oggi? Il 17 maggio del 1990 l’Assemblea generale dell’Organizzazione mondiale della sanita` (OMS) ha eliminato l’omosessualita` della lista delle malattie mentali. L’OMS ha cosı` lanciato un segnale inequivocabile teso al superamento del pregiudizio scientifico e della conseguente discriminazione sociale ai danni di gay, di lesbiche e di transessuali che ne derivava. Eppure, nonostante ciò, nel 2007, in Polonia, il vice primo ministro nonché ministro della pubblica istruzione polacco annunciava pubblicamente un progetto di legge destinato a punire la "propaganda omosessuale" nelle scuole, le cui disposizioni volevano il licenziamento, l'imposizione di sanzioni o la detenzione per i responsabili di istituti scolastici, gli insegnanti e gli alunni implicati in casi di "attivismo" a favore dei diritti LGBT nelle scuole, e gli insegnanti che rendevano pubblica la propria omosessualità rischiavano di essere licenziati . Da ciò arriverà l'intervento da parte del parlamento Europeo, con la risoluzione del 26 aprile 2007 sull'omofobia in Europa e  ribadirà “ il suo invito a tutti gli Stati membri a proporre leggi che superino le discriminazioni subite da coppie dello stesso sesso e chiede alla Commissione di presentare proposte per garantire che il principio del riconoscimento reciproco sia applicato anche in questo settore al fine di garantire la libertà di circolazione per tutte le persone nell'Unione europea senza discriminazioni”. Siamo nel 2015, qualche piccolo passo è stato fatto, ciò è innegabile, ma siamo ben lontani dal superamento di pregiudizi, comportamenti razzisti, discriminatori, nei confronti di chi vive, o meglio vorrebbe vivere liberamente, la propria vita in conformità con la propria libera identità. Per non parlare delle tutele giuridiche, inesistenti.  
Le scuole sono il luogo più importante dove affrontare tale questione, pensiamo ai POF, di oggi, quanti sono quelli che assicurano l'attuazione dei principi di pari opportunità promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l'educazione alla parità di genere, la formazione, la sensibilizzazione contro tutte le discriminazioni e violenze di carattere omotransfobico, al fine di informare e sensibilizzare gli studenti, i docenti ed i genitori sulle dette questioni?
E' dalle scuole che si deve partire, perché le scuole devono formare i cittadini del futuro, ed è nelle scuole che il contrasto all'omotransfobia, deve trovare la più ampia tutela e cittadinanza, ma non solo a parole, ma con i fatti. Fatti che devono dare una risposta ferma, per esempio, ai dati come emersi recentemente in Friuli Venezia Giulia  dove oltre il 40% degli studenti di questa regione ha assistito ad atti di bullismo omofobico,  ed oltre il 30% sono quelli che hanno subito chiare aggressioni omofobe. 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…