Passa ai contenuti principali

Il sequestro Moro ed i dubbi della Commissione d'inchiesta sull'auto blindata

C'erano o non c'erano auto blindate a disposizione delle istituzioni, nel periodo che porterà al sequestro Moro? Alcune notizie, come riportate su wikipedia, comunque da prendere con le pinze denunciano che in quel tempo vi erano ben 28 auto blindate a disposizione e distribuite con eccessiva discrezionalità od arbitrarietà, per non dire altro. Però, leggendo il resoconto della commissione parlamentare d'inchiesta sul caso Moro dei dubbi, nuovamente, vengono a galla. Il giorno 8 aprile 2015 verrà ascoltato Mastella, il quale, tirerà fuori la questione dell'auto blindata così dicendo, ricostruendo un viaggio con alcuni politici: “nella macchina, se ricordate, c'era l'allora Sottosegretario all'interno Lettieri. Ho assistito allora alla discussione sulla macchina blindata. Si parlò molto della macchina blindata: se Moro l'avesse chiesta o meno, se gli fosse stata data o meno dalle forze di sicurezza. Il Sottosegretario Lettieri chiese a Moro come mai non avesse la macchina blindata che lui invece aveva (Lettieri aveva la macchina blindata, Moro aveva la 130, quella famosa che tutti i fotogrammi riportano). Ricordo che Moro rispose: «Sai, Nicola, io sono soltanto il presidente di un partito», poiché all'epoca Moro era il presidente del Consiglio nazionale della DC, neppure della DC. Con fare un po’ schivo, fece scivolare questo tipo di risposta alla domanda che gli era stata posta, per la semplice ragione che non dipendeva da lui garantire la propria sicurezza e la propria incolumità, quindi non gli era stata data. Debbo anche dire, in coscienza, che lui non l'aveva mai chiesta, perché era nello stile di Moro non chiedere. Si discusse però per dire che Moro non ce l'aveva e nessuno gliela diede in quella circostanza”.
Gero Grassi, componente della Commissione interverrà affermando che: "in primo luogo, agli atti della Commissione Moro non risulta che all'epoca esistessero in Italia macchine blindate, a parte quella della quale usufruiva il Presidente della Repubblica. Quindi, io non contesto il dibattito interno, però agli atti delle Commissioni e quindi della magistratura non risulta che ci fossero altre macchine blindate. Risulta che Moro l'avesse chiesta e non l'avesse avuta”. Mastella replicherà in questo modo: “Sulla storia della macchina blindata confermo quello che ho detto. Non ho avuto la sensazione che Moro l'avesse chiesta, ma sul fatto che Lettieri parlasse a Moro della possibilità della macchina blindata e del fatto che esistevano le prime macchine blindate, confermo quello che ho ascoltato nella interlocuzione”. Il Presidente della Commissione interverrà evidenziando :” Scusa se ti interrompo. Io attendo i verbali che ci trasmetterà il dottor Marini, il procuratore generale facente funzioni che aveva svolto le indagini, perché c’è un passaggio di un interrogatorio di un brigatista sulle macchine blindate che merita un momento di riflessione. Quindi, la circostanza che ce ne fosse una sola e che non ce ne fossero altre in circolazione credo che dovremmo approfondirla bene”.
Domanda, ma quali documenti  possiede la Commissione?  
Questo perché in un corposo documento realizzato dal PD, di 400 pagine, disponibile in rete, ove si ricostruiscono diverse questioni in merito al caso Moro si può leggere che :"SCAMARCIO sen. GAETANO - PSI (23 maggio 1980 - pag.163) (...) La signora Moro ha sempre riferito di una richiesta reiterata di suo marito ad avere, dopo essere stato nominato Presidente del Consiglio, una macchina blindata ed un’idonea scorta che lo proteggesse dalle continue minacce che egli riceveva". 
La moglie di Moro il 1 agosto del 1980, confermerà ciò, aggiungendo anche che “Alle mie insistenze ripetute e reiterate, veramente fino ad essere opprimente (e qualche volta, ripensandoci ora, un pochino me ne dolgo, ma d’altra parte ...) la risposta di mio marito, quando gli chiesi come fosse andata la vicenda circa la cosa che lo avevo tanto pregato di fare, fu che gli era stato risposto che mancavano i fondi”. In un riepilogativo di una precedente Commissione d'inchiesta sempre sul caso Moro, si legge che “a proposito dell’auto blindata la Commissione si è trovata di fronte a due verità inconciliabili, quella di Andreotti e Cossiga da un lato e quella della signora Moro e dei figli dall’altro. Dall’onorevole Cossiga è stata affacciata l’ipotesi che Aldo Moro non abbia mai richiesto l’auto blindata e abbia poi detto alla moglie di averla chiesta e di non averla ottenuta per ragioni di bilancio. È un’ipotesi in linea teorica plausibile, ma che la signora Moro ha respinto con forza, affermando che sarebbe stata in netto contrasto con le abitudini del marito. Sono inoltre da registrare le testimonianze delle vedove Ricci e Leonardi, anch’esse al corrente di richieste già avanzate di auto blindata. In particolare, la signora Ricci, vedova dell’autista di Moro, ha confermato che il marito attendeva da tempo una ‘130’ blindata e ai primi di dicembre del 1977 le disse: “Non vedo l’ora che arrivi questa ‘130’ blindata che è stata finalmente ordinata”. La donna ha poi affermato che nel mese di febbraio 1978 il marito appariva particolarmente preoccupato, al punto che usciva di casa il meno possibile. La signora tentò di sapere se egli temesse qualche particolare pericolo, ma l’uomo, di carattere molto riservato, non le rilevò nulla”.

Marco Barone
fonte foto:link

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…