Passa ai contenuti principali

A Ronchi collassa internet,città isolata




Tarda mattinata del 12 marzo. Giornata primaverile, pur non essendo ancora primavera. Ma poco importa. Lì, fuori, il sole, ma necessità ti chiamano. Accendi il computer, provi a connetterti ad internet. Ma nulla. Non funziona la connessione. Partono le prime maledizioni. Penserai, sarà un problema del modem. Lo resetti. Ma ancora nulla. Penserai, sarà un problema temporaneo. Fumi la solita sigaretta e riprovi. Nuova maledizione. Chiami il call center del tuo gestore, dopo la tipica attesa di diversi minuti, ti risponderanno dall'estero. Dove la così detta manodopera costa meno. Spieghi il problema, ma a loro il tuo problema non risulta. Allora arriverai a dedurre che è il tuo modem che si è semplicemente fottuto. Esci, uno sguardo alla natura fiorente e capirai che le cose sono in realtà diverse. Non è la tua sola linea, non è il tuo modem. No. In tutta Ronchi, per quello che in città si dice, vi è stato un collasso incredibile. Un collasso che segue quello accaduto poco prima alle strutture ospedaliere e sanitarie del Friuli Venezia Giulia. Un collasso che ha isolato Ronchi per buona parte del 12 marzo ed anche di questo 13 marzo. Sono quasi le 12 di mattina, del 13 marzo, e risulta che questo problema, enorme, non è stato ancora pienamente risolto anche se in fase di risoluzione.
E facendo un giro per la città, una delle più importanti della provincia di Gorizia, che ospita l'aeroporto, l'unico, del FVG, ascolterai una marea incazzata di lamentele. Chiunque, per forza di cose, nel nome della semplificazione, deve usare internet per lavorare, scoprirà quanto labile è questa semplificazione, e si ritorna, per quanto compatibile con le esigenze imposte dalla società ultra moderna e fighissima, a scrivere a mano ed ai canonici vecchi timbri, tirati fuori magari da qualche scatolone. Ma la maggior parte delle attività oggi dipendono dalla via telematica. Una via telematica bruscamente interrotta. Piccola consolazione è il fatto che il problema non è solo il tuo ma di una intera città, dunque sussiste una grande condivisione della rabbia. Piccola fortuna è che la connessione internet funziona solo con la chiavetta o con il telefono cellulare. Ma non tutti hanno una chiavetta. Però una riflessione è dovuta. Questo incidente, enorme, di percorso, che ha coinvolto una intera città, che ha paralizzato per quasi due giorni praticamente la vita telematica, virtuale ma drammaticamente reale di una comunità, isolandola dal resto del mondo, oltre ad aver comportato dei danni enormi, anche a livello economico, ha comportato una brusca interruzione con il mondo di internet. E capisci quanto internet oggi sia non tanto semplicemente importante, ma una droga sistemica. Una droga di cui non puoi fare più a meno. Certo, magari fuori avrai scambiato qualche chiacchierata in più, ma l'oggetto della discussione riguardava il collasso di Ronchi. Un collasso di cui non si capisce l'origine. Ognuno tira fuori una possibile soluzione, chi forse un corto circuito, chi avranno tranciato un cavo, chi speriamo che non sia qualcosa di più brutto. Comunque sia il collasso di Ronchi ha insegnato quanto sia forte la dipendenza da internet e come senza internet il tutto si possa bloccare in modo devastante.


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…