Passa ai contenuti principali

A Ronchi collassa internet,città isolata




Tarda mattinata del 12 marzo. Giornata primaverile, pur non essendo ancora primavera. Ma poco importa. Lì, fuori, il sole, ma necessità ti chiamano. Accendi il computer, provi a connetterti ad internet. Ma nulla. Non funziona la connessione. Partono le prime maledizioni. Penserai, sarà un problema del modem. Lo resetti. Ma ancora nulla. Penserai, sarà un problema temporaneo. Fumi la solita sigaretta e riprovi. Nuova maledizione. Chiami il call center del tuo gestore, dopo la tipica attesa di diversi minuti, ti risponderanno dall'estero. Dove la così detta manodopera costa meno. Spieghi il problema, ma a loro il tuo problema non risulta. Allora arriverai a dedurre che è il tuo modem che si è semplicemente fottuto. Esci, uno sguardo alla natura fiorente e capirai che le cose sono in realtà diverse. Non è la tua sola linea, non è il tuo modem. No. In tutta Ronchi, per quello che in città si dice, vi è stato un collasso incredibile. Un collasso che segue quello accaduto poco prima alle strutture ospedaliere e sanitarie del Friuli Venezia Giulia. Un collasso che ha isolato Ronchi per buona parte del 12 marzo ed anche di questo 13 marzo. Sono quasi le 12 di mattina, del 13 marzo, e risulta che questo problema, enorme, non è stato ancora pienamente risolto anche se in fase di risoluzione.
E facendo un giro per la città, una delle più importanti della provincia di Gorizia, che ospita l'aeroporto, l'unico, del FVG, ascolterai una marea incazzata di lamentele. Chiunque, per forza di cose, nel nome della semplificazione, deve usare internet per lavorare, scoprirà quanto labile è questa semplificazione, e si ritorna, per quanto compatibile con le esigenze imposte dalla società ultra moderna e fighissima, a scrivere a mano ed ai canonici vecchi timbri, tirati fuori magari da qualche scatolone. Ma la maggior parte delle attività oggi dipendono dalla via telematica. Una via telematica bruscamente interrotta. Piccola consolazione è il fatto che il problema non è solo il tuo ma di una intera città, dunque sussiste una grande condivisione della rabbia. Piccola fortuna è che la connessione internet funziona solo con la chiavetta o con il telefono cellulare. Ma non tutti hanno una chiavetta. Però una riflessione è dovuta. Questo incidente, enorme, di percorso, che ha coinvolto una intera città, che ha paralizzato per quasi due giorni praticamente la vita telematica, virtuale ma drammaticamente reale di una comunità, isolandola dal resto del mondo, oltre ad aver comportato dei danni enormi, anche a livello economico, ha comportato una brusca interruzione con il mondo di internet. E capisci quanto internet oggi sia non tanto semplicemente importante, ma una droga sistemica. Una droga di cui non puoi fare più a meno. Certo, magari fuori avrai scambiato qualche chiacchierata in più, ma l'oggetto della discussione riguardava il collasso di Ronchi. Un collasso di cui non si capisce l'origine. Ognuno tira fuori una possibile soluzione, chi forse un corto circuito, chi avranno tranciato un cavo, chi speriamo che non sia qualcosa di più brutto. Comunque sia il collasso di Ronchi ha insegnato quanto sia forte la dipendenza da internet e come senza internet il tutto si possa bloccare in modo devastante.


Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …