Passa ai contenuti principali

Una riflessione sulla legge regionale che prevede agevolazioni per i trasporti a favore degli esuli e non solo

Oltre 150 provvedimenti legislativi di varia natura,a cui si aggiungono agevolazioni in materia di alloggi, con oltre 1500 case riscattate a prezzo agevolato, diversi provvedimenti di ricollocazione al lavoro a favore di migliaia di esuli, spesso nelle stesse amministrazioni per cui lavoravano nelle precedenti terre, ma i benefici estesi agli esuli hanno consentito anche nuove attività di lavoro agevolato e l’equiparazione alle categorie protette per l’avviamento al lavoro. Agevolazioni anche in materia di pensioni con il conseguimento della estensioni di benefici, incrementi di pensione, equiparazione a categorie protette, vitalizi, reversibilità e riscatti di periodi lavorativi. Ma anche interventi a favore di aziende con la concessioni di finanziamenti per la riattivazione di industrie, reimpiego delle licenze commerciali, contributi di ricostruzione, prestiti agevolati. Per non parlare dei cospicui finanziamenti stanziati nel corso del tempo a favore del variegato mondo che vuole rappresentare questa categoria od organizzare eventi ed iniziative per la vicenda degli esuli o tutto ciò che riguarda la loro questione e non solo. Senza dimenticare la nota partita dei 90 milioni di euro per gli indennizzi ancora aperta. Detto e ricordato ciò veniamo al dunque. Il 20 febbraio il Piccolo pubblica l'articolo con il quale si evidenzia che gli esuli avevano diritto, ed a dirla tutta hanno ancora diritto, ad agevolazioni rilevanti in materia di trasporti pubblici regionali. 
La norma di riferimento, ricorda il Piccolo, è la legge 23 del 2007, come confermata nel 2009 ed anche nel 2014 con la delibera del 5 dicembre n°2328. Il Piccolo ricorda che questa agevolazione è anche richiamata espressamente sul sito della Trieste Trasporti, e ciò è vero, invece, per quello che ho potuto verificare in rete, ad esempio sul sito dell'APT di Gorizia,  si ricorda che sono "previste tariffe particolari solamente per le categorie protette e benemerite. Per ulteriori informazioni relative ad agevolazioni tariffarie (L.R. 23 del 20 agosto 2007 comma 3 art. 34) si consiglia di contattare l'Ufficio Trasporti della Provincia di residenza"; mentre su quello di Udine SAF, pur citandosi il comma 3 ed articolo 34  non emerge la parte relativa agli esuli.
E cosa prevede il comma in questione dell'articolo 34 della Legge Regionale 23/2007? recita che possono usufruire di titoli di viaggio agevolati stabiliti periodicamente con apposita deliberazione della Giunta regionale, su proposta dell'Assessore competente, gli utenti con un imponibile lordo ai fini IRPEF non superiore a 30.000 euro, se appartenenti alle seguenti categorie: (...)i perseguitati politici e razziali italiani, gli ex deportati nei campi di concentramento o di prigionia, gli esuli provenienti dagli ex territori italiani, risultanti tali da certificazioni emesse dalle rispettive associazioni, dotate di potere di tutela e rappresentanza ai sensi delle vigenti norme statali, o dagli organi istituzionali preposti”. Per ottenere l’abbonamento agevolato art 34 comma 3 legge 23/2007 bisogna recarsi preventivamente presso gli uffici preposti della Provincia di residenza con le certificazioni comprovanti l’appartenenza alle categorie suindicate al fine di ottenere l’attestazione del possesso dei requisiti. Ora si scopre o meglio si denuncia che questa norma non è stata diffusamente attuata, forse perché è mancata l'informativa, forse perché è stata dimenticata e/o ignorata da chi dice di tutelare gli esuli e probabilmente si scatenerà qualche nuova polemica all'interno di questa sfera. 
Tutto può essere. Ma non è tanto questo l'elemento della riflessione, perché pur trattandosi di norma significativa, è nulla rispetto ai provvedimenti in premessa citati. Quello che non capisco, invece, è come sia possibile, assimilare, nello stesso comma di legge, i perseguitati politici e razziali italiani, gli ex deportati nei campi di concentramento o di prigionia e gli esuli provenienti dagli ex territori italiani. Certo, è fatto notorio che il giorno del ricordo vuole diventare una nuova giornata della memoria italiana, nel senso che sono diverse le soggettività, che in modo neanche tanto sottile, vorrebbero equiparare la vicenda dell'esodo insieme a quella delle foibe, vicende distinte e separate, alla Shoah, cosa fuorviante, e che paradossalmente reca danni proprio ai diretti interessati soggetti sempre più a diverse strumentalizzazioni.  
Ed infine mi auguro che ciò, il caso agevolazioni, non diventi un pretesto per andare a colpire uno dei pochi diritti riconosciuti a chi ha vissuto la deportazione nei campi di concentramento o di prigionia, chi ha vissuto la persecuzione politica e razziale, e per inciso, non mi sto riferendo agli esuli, perché situazioni completamente diverse e non assimilabili.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…