Passa ai contenuti principali

Ronchi dei Partigiani scende in piazza il 12 settembre contro la ricorrenza della marcia su Rijeka( Fiume)

Ronchi dei Partigiani scende in piazza, convocando un presidio antifascista ed invitando tutte le realtà antifasciste a partecipare, contro la ricorrenza della marcia di occupazione di Rijeka( Fiume) presso l'area del Monumento a D'Annunzio in Monfalcone, il 12 settembre 2014 dalle ore 17 alle ore 19, ed in tale occasione si presenterà l' inchiesta sul Monumento a D'Annunzio ed ai Legionari in Monfalcone. Dal fiumanesimo, al fascismo, a Gladio che verrà successivamente pubblicata anche in rete. Ne parleremo in una conferenza stampa pubblica con: Luca Meneghesso, storico, Marco Barone, blogger, attivista. 
Questo il testo del Comunicato Stampa di Ronchi dei Partigiani e delle Partigiane: "Si invitano a partecipare tutte le realtà antifasciste perché Ronchi e la Bisiacaria non sono sono dei legionari. Hanno già, alcune realtà, annunciato per il 12 settembre 2019, centenario della marcia di occupazione di Rijeka (Fiume) la volontà di realizzare un pellegrinaggio da Ronchi a Rijeka per omaggiare e ricordare quell'evento. Nostalgici di militarismo da una parte, e di fascismo dall'altra a Ronchi, decorata al Valor Militare per la Guerra di Liberazione, non devono trovare spazio, in nessun luogo e nessuna forma. Il 12 settembre è una data ed una ricorrenza che deve essere contestata, criticata e non esaltata. Anche per questo il 12 settembre effettueremo un presidio antifascista, per ricordare cosa è stata la marcia di Occupazione su Rijeka, marcia che ha anticipato il fascismo e che è stata consegnata in eredità al fascismo dal suo stesso comandante, quale D'Annunzio. Ribadiremo la totale estraneità di Ronchi e della Bisiacaria a quell'evento, difeso, ad oggi, soprattutto da militaristi e fascisti. Auspichiamo che entro il 2019 Ronchi d.l. possa ritornare ad essere semplicemente Ronchi con l'aggiunta città dei partigiani o città decorata al Valor Militare per la guerra di liberazione, come sostenuto, in questo secondo caso, da Silvano Bacicchi; auspichiamo che il monumento ai legionari ed a D'Annunzio, possa essere oscurato, rilevato che l'impianto di illuminazione è collegato alla rete elettrica del Comune di Ronchi, proprio quel Comune che si è rifiutato di realizzare sul proprio territorio quel manufatto perché reputato, giustamente, come“esaltazione di una impresa fascista”. Certo, sarebbe cosa buona e giusta provvedere all'integrale rimozione di quel monumento fonte di richiamo di nostalgici, ma nell'attesa che ciò possa un giorno democraticamente accadere, ricorderemo in modo critico cosa è stata quell'impresa, eversiva, militarista ed antesignana del fascismo ed auspichiamo che il Comune di Monfalcone e quello di Ronchi prendano le distanze da quella marcia di occupazione e da ogni iniziativa finalizzata alla sua esaltazione. Invitiamo a partecipare anche al noto appuntamento di venerdì 12 settembre alle ore 11.00 quando le sezioni cittadine dell’ANPI-VZPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia –Vsedržavno Združenje Partizanov Italije) e dell’AVL (Associazione Volontari della Libertà) ricorderanno il 71° della Battaglia partigiana di Gorizia ."
Aggiornamento:

In data odierna, 10 settembre 2014, la Questura ha vietato il presidio di Ronchi dei Partigiani, per il 12 settembre 2014, sia innanzi al monumento a D'Annunzio e dei Legionari che nell'area che lo circonda, che ben avrebbe potuto accogliere, con le dovute prescrizioni, vista la sua capienza, i due presidi, quello di Ronchi dei Partigiani e quello della Lega Nazionale. Ma, a quanto pare visto che in sostanza deve essere salvaguardata la continuità, la tradizione, di chi da anni celebra ed esalta la marcia di Occupazione di Fiume e tutto ciò che essa rappresenta, e per questioni di “ordine pubblico”, a Ronchi dei Partigiani viene autorizzato, dopo la comunicazione del divieto di manifestare nell'area del monumento ai legionari ed a D'Annunzio, il presidio in Piazza dell'Unità a Ronchi innanzi al monumento alla Resistenza mentre alla Lega Nazionale viene permesso di manifestare innanzi al monumento ai legionari ed a D'Annunzio. Ognuno tragga le sue amare conclusioni.
Invitiamo, pertanto, la comunità antifascista a partecipare alle ore 17.00 del 12 settembre 2014  al presidio antifascista contro la ricorrenza della marcia di occupazione di Fiume e tutto ciò che vi è connesso, in Piazza dell'Unità a Ronchi.


Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto