Passa ai contenuti principali

Servizio civile obbligatorio e le giornate di servizio civile nazionale,se ritorna in mente il sabato fascista e l'ONB

I deputati MARAZZITI, SANTERINI, DELLAI, REALACCI, hanno presentato una proposta di legge, datata 18 marzo 2014, ma resa pubblica solo il 18 luglio 2014, che inizia con questa premessa “ Il concetto di difesa della patria, sancito dall'articolo 52 della Costituzione e riaffermato più volte dalla giurisprudenza della Corte costituzionale, si è ampliato fino a includere, oltre al servizio militare obbligatorio, il servizio civile attraverso un’accezione solidaristica del concetto di difesa. Secondo tale interpretazione, la difesa dello Stato si realizza anche tramite un servizio a favore della comunità”.  
Nel testo della premessa si legge anche che i “ lavori socialmente utili contribuiscono, infatti, alla ricostruzione di un ethos nazionale, ripensando il concetto di bene pubblico quale patrimonio condiviso tra tutti i cittadini”. Tra le varie aree d'intervento " è previsto anche l’impiego dei giovani in attività volte al recupero di efficienza della pubblica amministrazione al fine di contribuire in modo concreto alla riduzione delle inefficienze e delle lungaggini che caratterizzano l’apparato burocratico del nostro Paese”. 
I campi in cui si dovrebbe operare sarebbero dunque:
a) tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale, ambientale e naturale del Paese;
b) protezione civile e difesa del territorio;
c) educazione, integrazione e assistenza sociale con speciale riguardo all'assistenza dell’infanzia, dei disabili, dei non autosufficienti e degli anziani;
d) iniziative di cooperazione allo sviluppo;
e) iniziative di recupero dell’efficienza della pubblica amministrazione.

Dunque, in base a questa proposta, tutti i cittadini, di entrambi i sessi, al compimento del diciottesimo anno di età e, comunque, entro il venticinquesimo anno di età, sono chiamati a prestare il servizio civile obbligatorio, fatta salva la possibilità di godere del diritto di rinvio per motivi di studio, fino a non oltre il venticinquesimo anno di età. Mentre nel caso di cittadini di entrambi i sessi che non sono impiegati in attività lavorative o in attività di istruzione ed educative per la prestazione del servizio civile obbligatorio non si tiene conto del limite anagrafico di cui al comma precedente e il servizio può essere prestato fino al compimento del ventinovesimo anno di età, ferma restando la durata massima di sei mesi ed il tutto è retribuito con un importo mensile pari a 400 euro e con uno stanziamento annuo di circa due milioni di euro. Ovviamente sono esentati dalla prestazione del servizio civile obbligatorio i giovani che scelgono, in alternativa, di svolgere il servizio militare volontario nelle forme e con le modalità stabilite dalle disposizioni vigenti in materia. Ma non finisce qui. Si prevede anche la volontà di istituire le giornate di servizio civile nazionale per due giorni consecutivi ogni anno. In tali giorni tutti i cittadini, fino al cinquantesimo anno di età, che abbiano già svolto il servizio civile nazionale prestano la loro opera a favore della collettività nazionale e delle comunità locali. Insomma una forma di lavoro sottopagato all'ennesima potenza. Una riflessione andrebbe fatta anche sul fatto che lo Stato debba costringere i cittadini a ricorrere al servizio civile, in via obbligatoria, per soddisfare la tutela del bene comune. Una proposta di legge da rispedire al mittente, che in tempo di "crisi " e disoccupazione elevatissima potrebbe trovare consenso, che probabilmente verrà ben vista da alcune categorie che operano in certi settori del sociale e non solo e ben protette dalla solita politica clientelare. La modernità inganna. Inganna talmente tanto, che a causa di rimozioni storiche, di ignoranza e mancate ed effettive epurazioni, certi concetti, pur in modo diverso, ritornano ancora. Già, perché in un passato, non molto lontano, forse rimosso da tanti,ma per fortuna non da tutti, vi erano due tipi di situazioni.  Una era l' Opera nazionale Balilla che aveva il compito di curare l'educazione fisica e morale della gioventù, per "formare la coscienza e il pensiero" dei futuri fascisti. L'altra era il sabato fascista, che prevedeva per adulti e ragazzi la partecipazione obbligatoria nel pomeriggio, dopo le ore 13, alle diverse iniziative volute, imposte ed organizzate dal regime.

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…