Passa ai contenuti principali

Quando il fascismo celebrava la marcia di Ronchi ed i legionari tra pellegrinaggi e cerimonie

Dei legionari di Ronchi è un suffisso nato nel fascismo, con il fascismo e per il fascismo. Questo è un fatto storico innegabile, incontestabile.I Rapporti tra il fascismo e D'Annunzio e la quasi totalità dei  legionari erano chiari, certi, nessuna ambiguità, nessun disconoscimento, nessun allontanamento, ma reciproco ed opportunistico legame è emerso.Un legame che ha visto il connubio tra il militarismo del  fiumanesimo e fascismo durare perdurare sino alla caduta del regime fascista ed anche oltre.A dieci anni dalla marcia di occupazione fiumana,  il fascismo, per esempio, aveva organizzato, così come farà per ogni anno e per ogni volta che vi sarà la ricorrenza della marcia di D'Annunzio su Fiume, annessa all'Italia durante il fascismo, eventi ed iniziative di portata significativa. La Stampa del 7 settembre del 1929, pubblicava la notizia che il comitato centrale fascista aveva appena definito il programma per la ricorrenza e la celebrazione del 12 settembre 1919.Roma, Ronchi e Fiume unite dai legionari ai quali venivano, per l'occorrenza, riconosciute riduzioni dei biglietti ferroviari per recarsi nella città eterna. Si leggerà che: “al Colosseo i legionari fascisti affolleranno le scale dell'anfiteatro e si darà lettura del messaggio che il comandante( ndr D'Annunzio) lancerà ai vecchi compagni di fede e di ardimento”. Contestualmente a Ronchi si svolgeva la radunata dei legionari di Trieste, Udine, Pola, Gorizia, e la celebrazione veniva tenuta da parte del camerata Giuriati, presidente della Camera e legionario fiumano oltre che braccio destro di D'Annunzio. Ed ovviamente a Fiume era stato programmato, il pellegrinaggio al cimitero di Cossato ove “dormono i caduti per la causa Fiumana” e la consegna della tessera fascista alla città. Roberto Forges Davanzati, membro del gran consiglio del fascismo dirà, come si leggerà nella edizione della Stampa del 13 settembre del 1929 che:“ la marcia di Ronchi e la marcia su Roma debbono considerarsi come prodotti ed espressioni dello stesso spirito.Riconoscenza immensa deve andare quindi a D'Annunzio, ai legionari,ai fiumani, per aver saputo dare il primo segno della riscossa nazionale”. 
A Torino il 12 settembre del 1931 verrà ricordata la marcia di Ronchi presso la casa Littoria dal deputato Ferretti il quale ricorderà che "i caduti per Fiume sono caduti per l'idea Fascista”. Ma la continuità, ovvia, tra la marcia di Ronchi e quella su Roma, verrà ricordata anche nel 12 settembre del 1935 da Angelo Appiotti nelle colonne della Stampa del giorno successivo, scriverà: “Dalla marcia di Ronchi alla marcia su Roma la continuità ideale e reale è perfetta, i capi non mutano, comuni sono le mete,eguali le enunciazioni, i motivi, le canzoni, Mussolini già condottiero dei Fasci sa dell'impresa di Fiume prima che essa si compia e la sostiene, l'aiuta, la fornisce di uomini,la propaganda con ininterrotta passione dalle colonne del suo giornale. Fiume quindi fenomeno fascista, Fiume eguale a squadrismo. A Fiume si credette in D'Annunzio come si credette in Mussolini (…) senza D'Annunzio Fiume sarebbe stata d'altri, senza Mussolini l'annessione non sarebbe stata possibile”. Ora è anche vero che qualche legionario non era fascista e non sarà fascista, è anche vero che la Carta del Carnaro conteneva qualche principio e mai applicato, significativo, ma i veri connotati di quella carta erano autoritari, ed il legame tra la quasi totalità dei legionari ed il fascismo, tra l'impresa di occupazione di Fiume ed il fascismo è innegabile.Non vi è stata alcuna appropriazione indebita da parte del fascismo di quella marcia, vi è stato un legame ab origine solido, un sorta di unicum che anticiperà la marcia su Roma e poi sarà lo stesso D'Annunzio a consegnarla in eredità a Mussolini come si evince nel suo Libro segreto:“Cursore leale ho trasmesso con tutti i miei segni la face all'uomo novo che l'Orbo veggente aveva annunziato nei suoi Canti della Ricordanza e dell'Aspettazione”. L'uomo novo è Mussolini, e D'Annunzio consegna la “vittoria non più mutilata” ovvero l'eredità dell'Impresa di Fiume e di tutto ciò che vi è connesso a Mussolini. Dunque, riprendendo le parole di Boris Pahor, sul caso Ronchi dei Legionari e dei Partigiani, anche per questi motivi, dei legionari a Ronchi non ha proprio più ragione e diritto di esistere.


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…