Passa ai contenuti principali

Libri per i più piccoli per spiegare l'omosessualità e l'immancabile attacco in Vita Nuova

4 bambini, 3 gatti, 2 mamme: UNA sola famiglia.
Questo è quanto si legge nel sito http://www.lostampatello.com/catalogo1.html come nota finale alle breve presentazione del libro scritto da Francesca Pardi che cerca di spiegare cosa vuole dire essere figli di due mamme e di genitori omosessuali. Nato per aiutare i bambini con due genitori dello stesso sesso nel rispondere alle curiosità degli altri, il libro spiega in parole estremamente semplici e chiare il tutto. Oggi giorno è difficile riuscire a trovare libri, favole, racconti, che spieghino ai bambini l'amore omosessuale. Le favole classiche, pur nella loro concezione patriarcale e maschilista, vedono sempre la donna che sogna il principe azzurro, la donna che sogna l'uomo. Stesso discorso nei cartoni animati, ove si inculca l'idea che l'unico rapporto naturale è quello tra uomo e donna e viceversa.Certamente, qualche passo in avanti, anche se con ingiustificabile ed estrema lentezza rispetto ai tempi ed alle giuste esigenze della società, che tarda a riconoscere diritti umani a coppie dello stesso sesso, è stato fatto da qualche pubblicità o qualche film, anche se vengono spesso presentati come hot, come osceni, come sconvolgenti. No, non ci siamo proprio. Eppure ai bambini in qualche modo si dovrà pur spiegare che l'unione tra persone dello stesso sesso è naturale quanto l'unione tra persone non dello stesso sesso.Solo perché “prigionieri” di precetti arcaici, maschilisti, patriarcali e medievali, non significa che detti precetti siano giusti. Quale dogma ha deciso  che la coppia naturale è quella eterosessuale? Chi ha deciso che questo deve essere il dogma da seguire?  Da nessuna parte, neanche nella nostra costituzione è scritto che la famiglia naturale è quella eterosessuale, l'unico concetto che emerge di naturale è riferito allo status di famiglia intesa come entità autonoma rispetto allo Stato, nulla di più nulla di meno. Insomma dogmi religiosi, errati, che negano diritti giusti a coppie omosessuali. L'eresia oggi dovrebbe essere il riconoscere diritti solo a coppie eterosessuali e non a coppie omosessuali.Come spiegare tutto ciò ai bambini? Vita Nuova, settimanale cattolico collegato alla Diocesi di Trieste, e non è la priva vota che la Chiesa, tramite i suoi organi diretti od indiretti di stampa, attacca libri e la cultura dell'amore e dei diritti per le coppie omosessuali, ha pubblicato un articolo, in data 15 luglio 2014, a firma di Alessandra Scarino, a dir poco contestabile. Dove si scrive, ad esempio, in relazione allo scopo del libro di Francesca Pardi che “Così non si sovvertono solo le leggi di natura, ma si insegna sin dall'infanzia a mistificare e falsificare la realtà e a trovare mille espedienti per giustificare, anche di fronte a se stessi, simili manipolazioni e distorsioni presentandole come un normale e comunissimo stato delle cose” od ancora che “ Peccato che, in tutta questa operazione fintamente educativa e normalizzante, non ci sia nulla di normale e di educativo e soprattutto niente, ma proprio niente, di cui rallegrarsi”. Il problema è quando simili opinioni condizionano l'operato di un legislatore di un Paese, laico sulla carta, quale quello italiano. Una riflessione, l'ennesima, è dovuta, augurandomi che anche le favole del passato, quelle da tutte noi conosciute durante la nostra infanzia, possano essere rivisitate spiegando ai bambini, sin dalla scuola, che l'unico amore possibile, l'unica famiglia possibile e reale e felice non è solo quella eterosessuale.



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …