Passa ai contenuti principali

Voucher: l'attestazione dello sfruttamento nel lavoro


Nessun contratto, sai quando inizi a lavorare ma non sai quando finirai. Lavori spesso, diverse ore giornaliere, l'occasionalità della prestazione diventa ordinaria nell'arco del periodo temporale previsto, avrai spesso un regime orario da rispettare come quello di un normale lavoratore subordinato a tempo indeterminato o determinato, svolgendo diverse e più mansioni, per essere pagato quattro soldi a prezzo definito, non corrispondente al reale tipo di prestazione che si pone in essere. Approfittano della situazione di emergenza ordinaria, quale la mancanza di lavoro, non avendo scelta, non potrai che accettare l'attestazione virtuale, dell'inesistenza di qualsiasi tutela nel e sul lavoro, svolgendo più e variegate ed articolate mansioni. Non si matura il Tfr (trattamento di fine rapporto), non si maturano ferie, straordinari ecc.. Dall’agosto del 2008 al 10 gennaio 2012, sono stati venduti un totale di 27,9 milioni di voucher da 10 euro. E’ possibile riscuotere i Buoni lavoro entro 1 anno dal giorno dell’emissione. I Buoni Lavoro sono riscuotibili presso tutti i rivenditori autorizzati dal secondo giorno successivo alla fine della prestazione di lavoro occasionale, per un importo massimo di 500 € per operazione di riscossione. Il committente, teoricamente, può beneficiare di prestazioni nella completa legalità, come riporta la guida del ministero del lavoro, con copertura assicurativa INAIL per eventuali incidenti sul lavoro, senza dover stipulare alcun tipo di contratto, senza dover effettuare la comunicazione anticipata on-line al Centro per l’Impiego e senza dover inserire alcuna “scritturazione” sul Libro unico del lavoro. Sembra quasi la massima ed unica aspirazione a cui si può ambire, ovvero la copertura assicurativa. Il prestatore di lavoro, invece, può integrare le sue entrate attraverso le prestazioni occasionali, il cui compenso è esente da ogni imposizione fiscale e non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato. Il compenso dei buoni lavoro dà diritto all’accantonamento previdenziale presso l’Inps e alla copertura assicurativa presso l’Inail ed è totalmente cumulabile con i trattamenti pensionistici. Il valore netto in favore del prestatore è pertanto di 7,50 euro. Il buono multiplo ha invece un valore netto complessivo di 37,50 euro. E' quasi impossibile rintracciare testimoni all'interno del luogo di lavoro ove si realizza lo sfruttamento attraverso il voucher, eppure le lamentele sono tante, se gli ispettori del lavoro fossero nelle condizioni materiali di poter controllare e verificare quello che accade con queste modalità di nuovo schiavismo sono certo che le sanzioni sarebbero diverse. Ma, come è noto, l'ispettorato del lavoro soffre una carenza di organico enorme, di risorse materiali e strutturali e di mezzi, enorme. Non ci sono le condizioni per poter controllare e prevenire e reprimere l'illegalità. I lavoratori e le lavoratrici, non sono più nelle condizioni di avere alcuna tutela, perché, come scritto e come ben noto, la solidarietà è venuta meno a causa dell'emergenza strutturale e strutturata ordinaria, la disoccupazione, la soddisfazione dei debiti sempre più incombenti e soprattutto il fatto che in qualche modo si deve pur campare o meglio sopravvivere.
Nulla di nuovo, anzi tutto talmente vecchio, che dovrebbe far rabbrividire. E la vita continua, oltrepassi la linea che ti conduce nel luogo dello sfruttamento, isoli la tua dignità, aspettando la fine di quella giornata in questa epoca dai diritti sempre più storti per i lavoratori e le lavoratrici e sempre più rigidi, come il peggior bastone autoritario, per chi lucra sulla tua pelle.


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…