Passa ai contenuti principali

“Fate sempre quello che cazzo volete”, la lotta dei facchini di Granarolo che fa paura


Fate Sempre quello che cazzo volete è l'urlo di una manifestante, di una ragazza, scagliato contro lo scudo del sistema, che ha spruzzato lo spray urticante, contro un lavoratore che lotta per la dignità. Fate sempre quello che cazzo volete è l'urlo che ben rappresenta,evidenzia, imprime nella testa, nella mente, in ogni angolo di ogni ovunque ove i tuoi pensieri prendono la rincorsa per abbattere quel muro del potere capitalistico, la condizione moderna di schiavitù esistente nel menzognero Bel Paese italiano.
E' una lotta quella dei facchini di Granarolo su cui si è scritto di tutto e di più, è una lotta contro la quale il sistema lobbistico, concertativo, padronale e sindacale rappresentativo a livello nazionale, perché oramai la logica della cogestione del modello tedesco in Italia esiste ma deve essere solo normata ed a questo ci penserà il futuro premier Renzi, ha concretizzato una grande congiura con tutte le risorse a sua disposizione, salvo una, quella di chi non ci sta.
E' una lotta che fa paura perché per la prima volta si è realizzata una coalizione sociale tra lavoratori non italiani, che vengono qui per lavorare, o meglio essere sfruttati, essere ricattati, essere schiavizzati, solo che questo forse non lo sapevano, e realtà sociali conflittuali. La calamita televisione all'estero mostra una Italia diversa, l'Italia della brava gente e con tanti soldi. E' una lotta che fa paura perché si mobilita un piccolo settore determinate e strategico per la distribuzione, è una lotta che fa paura perchè si colpisce l'immagine di un sistema che spende milioni e milioni per apparire senza mai mostrare cosa si nasconde dietro l'apparenza. Si è tentato per anni ed anni di autorganizzare i lavoratori non italiani, ma le risposte che arrivavano erano sempre le stesse, senza lavoro non ho il permesso di soggiorno e senza permesso di soggiorno mi spediscono come un pacchetto postale a casa ed io come aiuto la mia gente? Già, perché chi viene qui, in questo maledetto Paese a fare lavori che gli italiani non osano neanche sfiorare, lo fa anche per atto di solidarietà, per la propria gente, comunità, famiglia. Molti hanno studiato,  altri no, ma nella condizione di schiavismo il pezzo di carta si dissolve nel ricatto della tua condizione di precarietà e ricatto esistenziale. Ma probabilmente questa devastante crisi ribalterà anche tali situazioni, gli italiani ritorneranno a fare lavori considerati "sporchi".
E' una lotta che fa paura perché si mette in discussione il sistema classico sindacale convivente con quel sistema di cooperazione che ha tradito il suo vero scopo sociale, ora si pensa al profitto a qualsiasi mezzo e condizione, il resto, beh, non conta. E' una lotta che fa paura perché non si lotta solo contro il solo licenziamento, ma anche contro le pessime condizioni di lavoro, e pretendere migliori condizioni di lavoro, giuste retribuzioni, giusti diritti significa dare un cazzotto mortale al sistema di sfruttamento della cooperazione ma non solo.
Perché in Italia siamo oramai abituati ad assistere a lotte solo quando si è alla frutta, per gli ammortizzatori sociali, ma non per le giuste condizioni di lavoro. Il ragionamento che facevano i padroni era, vai via, tanto fuori c'è la lista d'attesa per venire a lavorare qui.
Certo, fate sempre quello che cazzo volete, ma non ora. Perché ora quel cazzo che volete non lo potere più fare, almeno lì, perché esiste una piccola arma, chiamata solidarietà, che se innescata è devastante.
Bologna l'ex amante rossa, si è in parte risvegliata.
Bologna è una città drogata dal potere della concertazione sociale che ha ammortizzato ogni conflitto e tentato via di spazzare via ogni dissenso. Ma il vento dell'indignazione si è cristallizzato in quelle mani nude, in quei volti scoperti, in quei capelli al vento, in quello scontro fisico, dialettico anche duro, che pone l'uomo  ribelle contro l'uomo al servizio del sistema. Mostrano la loro nudità, mostrano la loro umanità, mostrano il loro voler essere liberi nel loro non poter essere liberi, nel 2014 in Italia.

E la libertà fa paura.
Ed infine le lotte, quelle vere, quelle senza compromessi, non si fanno mica con le caramelle.


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …