Passa ai contenuti principali

Scuola: il bluff del registro on line

Ricordate le grandi innovazioni tecnologiche per la scuola rivendicate dal Governo con la spending review?
Il testo del DL 6 luglio 2012 n.95 convertito dalla legge 7 agosto 2012 n.135 al Titolo secondo specifica in sostanza che “Le istituzioni scolastiche ed educative redigono la pagella degli alunni in formato elettronico" e "i docenti adottano registri on line e inviano le comunicazioni agli alunni e alle famiglie in formato elettronico.
Soffermandoci in particolar modo sulla questione registro on line, secondo questo testo di Legge, a a decorrere dall’anno scolastico 2012-2013 le istituzioni scolastiche e i docenti adottano registri on line e inviano le comunicazioni agli alunni e alle famiglie in formato elettronico.

Il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca , sempre in base al dettato normativo, predispone entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto un Piano per la dematerializzazione delle procedure amministrative in materia di istruzione, università e ricerca e dei rapporti con le comunità dei docenti, del personale, studenti e famiglie.

Il tutto ovviamente a costo zero per la finanza pubblica, ma non per le casse delle scuole, le quali per l'attuazione di questa disposizione, dovranno attingere dal noto Fondo d'Istituto, per retribuire il tecnico o l'esperto informatico che dovrà formare il personale scolastico per l'utilizzo di questa nuova procedura, per non parlare della problematica computer, poiché quasi certamente i docenti saranno costretti a compilare il registro on line da casa e con il proprio computer, dunque, chi non sarà in possesso di un computer dovrà comprarlo? E dovrà ancora una volta lavorare, gratis, da casa?

Ma il problema per questo anno scolastico forse non si porrà. Infatti, chi ben conosce il mondo della scuola, certamente non chi tende a legiferare, saprà che i collegi docenti hanno già deliberato autonomamente l’organizzazione e la struttura di questo fondamentale strumento di lavoro per la scuola.

E visto che lo scopo di quella norma era di attuare un risparmio per le casse dell'amministrazione, che fine faranno i registri che sono già a disposizione delle scuole? Verranno gettati via? E questo lo chiamiamo risparmio o spreco?
Ancora una volta si assiste ad una sorta di operazione di mera demagogia. Non si innova la scuola a parole, non si innova la scuola con testi normativi, non si innova la scuola con le imposizioni.

Una cosa è certa, ad oggi, i Dirigenti Scolastici non possono obbligare i docenti a ricorrere al registro on line, perché manca il provvedimento attuativo della citata Legge, visto e rilevato che il MIUR non ha predisposto il piano per la dematerializzazione delle procedure amministrative in materia di istruzione, università e ricerca e dei rapporti con le comunità dei docenti, del personale, studenti e famiglie, perchè deve tener conto di quanto deliberato in tal senso dal collegio docenti e certamente non si può iniziare l'anno scolastico senza registro, rilevato che ad esempio le presenze o le assenze degli studenti da qualche parte andranno pur segnate.

Potrebbe però accadere che durante questo anno scolastico si cercherà di porre rimedio a tale pasticcio, se così possiamo definirlo, obbligando i docenti, visto il dettato normativo previsto dalla spending review, a compilare anche il registro on line, in corso d'opera, non appena questo sarà tecnicamente pronto. Dunque i docenti in sostanza rischierebbero di trovarsi nella situazione di effettuare due volte lo stesso lavoro. Ciò è palesemente illegittimo e certamente illogico e non rispettoso dello scopo fondante quella disposizione legislativa, ovvero il risparmio di spesa.
Ma visto che per questo anno scolastico, per quanto concerne i registri, tale scopo è certamente venuto meno, una volontà del genere, consistente nell'imporre il ricorso al registro on line quando è stato già acquistato il registro cartaceo, sarebbe idonea a realizzare l'ennesimo conflitto nella scuola.


Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…