Passa ai contenuti principali

Dopo l'ipnosi Calcio, Italia ora sveglia


Sveglia.
E' finito il sogno di vincere l'Europeo di calcio.
23 milioni di persone incollate davanti la tv, maxischermo, radio ed internet.
Ipnosi calcistica.
Sono rimasto impressionato nel vedere le strade di Trieste vuote, salvo poi incontrare le masse proiettate a guardare lo schermo, la tv, il calcio.
E' finita male.
Vedi qualcuno scalciare l'oceano di bottiglie vuote disseminate in Piazza dell'Unità, altri bere e dire abbiamo perso è una brutta faccenda, altri guardare per terra.

Forse è stato un momento di sfogo, forse è stato un momento di distrazione, certamente è stato un calcio politicizzato, però ora, almeno fino all'inizio delle Olimpiadi, esiste un mese ove ci si deve svegliare.
Dopo la riforma pensioni, dopo la precarizzazione assoluta del diritto al lavoro e del lavoro, dopo l'attacco al principio ed alle conquiste figlie di quel 68 che da questo momento in poi si potranno vedere solo in qualche filmato d'epoca, leggere in qualche libro od ascoltare le canzoni che hanno trasmesso l'emozione della ribellione fino ai nostri tempi, adesso arriva il momento dei licenziamenti anche nel pubblico impiego.
Circolano le prime voci, si parla in totale, nell'arco di tre anni, di 100.000 lavoratori che attraverso vari espedienti verranno mandati a casa.
La crisi figlia delle speculazioni finanziarie e governata dagli invisibili del mercato, continua a governare le scelte sostanziali di una vita del Paese.
Scelte che dovrebbero essere determinate dalla sovranità popolare, dalla democrazia, ma non è più così.
Dobbiamo prendere atto che abbiamo perso su tutti i fronti.
Basta con i soliti slogan che hanno slogato solo la loro essenza, penso all'articolo 18 non si tocca, ed infatti lo hanno massacrato, penso l'acqua è un bene comune e non si svende, ed infatti continuano a mantenerla nell'ambito del privato, penso noi la crisi non la paghiamo, infatti la paghiamo cara .
Basta.
Poggiamo con umiltà i piedi per terra.
Forse non comprendiamo questo Paese, questa società.
Ho sentito infinite volte dire ma come è possibile che per una partita di calcio scendono in piazza milioni di persone e per difendere il lavoro quattro gatti ribelli?
Se accade è possibile.
Ed allora ora sveglia.
Sveglia dall'ipnosi collettiva.
Il sogno, per molti italiani, è finito, ora si deve affrontare la realtà.
Diminuiscono i consumi, chiudono le aziende e le attività commerciali, le città sono sempre in condizioni a dir poco pietose e degradate, il diritto al lavoro è roba vecchia ed archiviata.
Questa è la realtà.
Sveglia, cercando di riconquistare quella solidarietà che oggi è venuta meno.
Facciamo finta che l'Italia intesa come sistema Paese stia giocando una partita di calcio decisiva per varie generazioni.
La vogliamo giocare o no questa partita?
Vogliamo essere spettatori?
Ma almeno cerchiamo di tifare e sostenere il giusto, ed il giusto oggi vuol dire Stato sociale equo e solidale, dove la dignità di essere umano viene prima di ogni profitto.
Un mese per la sveglia prima della nuova epocale ipnosi, le Olimpiadi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto