Passa ai contenuti principali

Dopo l'ipnosi Calcio, Italia ora sveglia


Sveglia.
E' finito il sogno di vincere l'Europeo di calcio.
23 milioni di persone incollate davanti la tv, maxischermo, radio ed internet.
Ipnosi calcistica.
Sono rimasto impressionato nel vedere le strade di Trieste vuote, salvo poi incontrare le masse proiettate a guardare lo schermo, la tv, il calcio.
E' finita male.
Vedi qualcuno scalciare l'oceano di bottiglie vuote disseminate in Piazza dell'Unità, altri bere e dire abbiamo perso è una brutta faccenda, altri guardare per terra.

Forse è stato un momento di sfogo, forse è stato un momento di distrazione, certamente è stato un calcio politicizzato, però ora, almeno fino all'inizio delle Olimpiadi, esiste un mese ove ci si deve svegliare.
Dopo la riforma pensioni, dopo la precarizzazione assoluta del diritto al lavoro e del lavoro, dopo l'attacco al principio ed alle conquiste figlie di quel 68 che da questo momento in poi si potranno vedere solo in qualche filmato d'epoca, leggere in qualche libro od ascoltare le canzoni che hanno trasmesso l'emozione della ribellione fino ai nostri tempi, adesso arriva il momento dei licenziamenti anche nel pubblico impiego.
Circolano le prime voci, si parla in totale, nell'arco di tre anni, di 100.000 lavoratori che attraverso vari espedienti verranno mandati a casa.
La crisi figlia delle speculazioni finanziarie e governata dagli invisibili del mercato, continua a governare le scelte sostanziali di una vita del Paese.
Scelte che dovrebbero essere determinate dalla sovranità popolare, dalla democrazia, ma non è più così.
Dobbiamo prendere atto che abbiamo perso su tutti i fronti.
Basta con i soliti slogan che hanno slogato solo la loro essenza, penso all'articolo 18 non si tocca, ed infatti lo hanno massacrato, penso l'acqua è un bene comune e non si svende, ed infatti continuano a mantenerla nell'ambito del privato, penso noi la crisi non la paghiamo, infatti la paghiamo cara .
Basta.
Poggiamo con umiltà i piedi per terra.
Forse non comprendiamo questo Paese, questa società.
Ho sentito infinite volte dire ma come è possibile che per una partita di calcio scendono in piazza milioni di persone e per difendere il lavoro quattro gatti ribelli?
Se accade è possibile.
Ed allora ora sveglia.
Sveglia dall'ipnosi collettiva.
Il sogno, per molti italiani, è finito, ora si deve affrontare la realtà.
Diminuiscono i consumi, chiudono le aziende e le attività commerciali, le città sono sempre in condizioni a dir poco pietose e degradate, il diritto al lavoro è roba vecchia ed archiviata.
Questa è la realtà.
Sveglia, cercando di riconquistare quella solidarietà che oggi è venuta meno.
Facciamo finta che l'Italia intesa come sistema Paese stia giocando una partita di calcio decisiva per varie generazioni.
La vogliamo giocare o no questa partita?
Vogliamo essere spettatori?
Ma almeno cerchiamo di tifare e sostenere il giusto, ed il giusto oggi vuol dire Stato sociale equo e solidale, dove la dignità di essere umano viene prima di ogni profitto.
Un mese per la sveglia prima della nuova epocale ipnosi, le Olimpiadi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone