Passa ai contenuti principali

Via libera al decreto che assegna fior di milioni di euro al comparto Sicurezza. E per l'Istruzione?


Nella giornata di ieri è stato approvato dal Governo il decreto che assegna le risorse sequestrate alla mafia e i proventi derivanti dai beni confiscati al Fondo Unico Giustizia (FUG). Con la ripartizione, il 49% del "tesoretto" affluisce al ministero dell'Interno, l'altro 49% al ministero della Giustizia, mentre il 2% va all'entrata del Bilancio dello Stato. Le risorse saranno impiegate per soddisfare le esigenze di sicurezza e di giustizia sia sul fronte del contrasto alla criminalità organizzata che per la funzionalità degli Uffici giudiziari.
Sul Fondo unico giustizia al 31 ottobre 2010 erano depositati 2 miliardi e 259 milioni.

Nel mese di settembre 2010 il Ministro Maroni sosteneva che  "l'obiettivo è arrivare a 2 miliardi e mezzo entro la fine del 2010 per ripianare, con i soldi in contanti sequestrati alla mafia e alle altre organizzazioni criminali e custoditi nel Fondo Unico di giustizia, i tagli subiti dal ministero dell'Interno".
 Questo era  l'obiettivo dichiarato dal ministro dell'Interno Roberto Maroni  nel rispondere  ad una interpellanza urgente alla Camera dei deputati presentata dai deputati Lo Presti e Bocchino.
 «Nel Fondo - ha dichiarato Maroni - confluiscono le somme e i titoli che vengono sequestrati nel corso delle operazioni contro la criminalità organizzata. Al primo settembre di quest'anno risultano intestate al Fondo risorse per un valore di 2 miliardi e 200 milioni di euro. Soldi che sono stati recuperati e che possono essere immediatamente riutilizzati. Quanto ai titoli sequestrati, la legge di recente approvata in Parlamento, ci permette di venderli» e di monetizzare il ricavato.

«La legge - ha spiegato Maroni - prevede anche le procedure di assegnazione di questo tesoro. Confido che, grazie a questo provvedimento, sia possibile ripianare le riduzioni di bilancio che sono state fatte anche al ministero dell'Interno. Sono risorse straordinarie che noi abbiamo tolto alla mafia. Spero che entro la fine dell'anno - ha concluso il ministro - queste risorse possano arrivare a 2 miliardi e mezzo in modo da compensare le riduzioni e aumentare la disponibilità dei finanziamenti da mettere a disposizione delle Forze dell'ordine».

Nel suo intervento Maroni ha ricordato che dall'insediamento del governo Berlusconi al 31 agosto di quest'anno, sono stati sequestrati oltre 28.000 beni alle organizzazioni criminali, con un aumento del 300% rispetto al passato.
«In due anni e quattro mesi di vita del governo - ha riferito il titolare del Viminale - il valore complessivo dei sequestri supera i 13 miliardi di euro, due volte e mezzo in più rispetto al periodo precedente. Le confische dei beni sono aumentate, raggiungendo un valore di 3 miliardi circa».

Si parla di cifre enormi, immense.
Una riflessione sul punto è più che dovuta specialmente alla luce della crisi sociale vigente nonchè lavorativa.

In un passato recentissimo avevo già provveduto a sollevare considerazioni sul punto, cadute,ahimè, nel vuoto...http://www.gliitaliani.it/2010/09/perche-non-destinare-i-soldi-sequestrati-alla-mafia-alla-scuola-pubblica/

 Ovvero perchè non intervenire con una piccola ma incisiva modifica normativa affinchè una parte di quelle risorse vadano anche al settore dell'Istruzione?

Con questo non voglio togliere il merito al lavoro svolto dalle forze dell'ordine che lottano per contrastare la criminalità organizzata, ai magistrati impegnati in tale lotta ogni giorno a rischio perenne della propria vita.
Ma perchè insistere solo sul fattore sicurezza preventiva e repressiva?
Perchè insistere solo in un modus operandi che a lungo termine sarà fallimentare?

Il miglior modo per educare la società ad altro sistema è proprio quello di intervenire nel stettore educativo, formativo, nel campo della cultura.
La società presente caratterizzata da un odioso consumismo materialistico, da una falsa corsa al perbenismo borghese, dal sempre più teatrale e vivo desiderio di esser costumati e servili all'apparente morale collettiva, non accompagna certamente l'individuo verso il senso della riflessione della critica, ma meramente verso la strada a senso unico diretta in quella distesa limitata e definita quale il nozionismo superficiale moderno.
La cultura è fondamentale per intervenire e prevenire fattori e contestuali situazioni che nel tempo annichiliranno l'individuo nei meandri oscuri dell'assoluto sempre pù divenire imborghesimento consumistico e capitalistico della società padronale.

Tagliare in fondi alla scuola pubblica, all'università pubblica, favorire la logica dell'aziendalizzazione della cultura, dell'esasperazione del profitto figlio della necessaria voluta ed imposta concorrenza di mera economia di mercato, riservare la preparazione culturare solo ad un ceto ben definito ed altrettanto limitato è un dramma vivo che deve essere fermato.
Ed allora se veramente si vuole contrastare la mafia, e con il termine mafia intendo tutte le mafie esistenti ivi incluse quelle politiche ed istituzionalizzate nello Stato dallo Stato, basta demagogia.
Vista la enorme quantità di danaro a disposizione del Fondo Unico di Giustizia, destiniamo una quota all'istruzione pubblica.
Rilancio questo appello, soprattutto oggi dopo l'approvazione alla Camera della riforma Gelmini in attesa di essere nuovamente approvata ,forse, dal Senato.
Pasolini diceva che " l’atroce infelicità o aggressività criminale dei giovani proletari e sottoproletari deriva appunto dallo scompenso tra cultura e condizione economica: dall’impossibilità di realizzare (se non mimeticamente) modelli culturali borghesi a causa della persistente povertà mascherata da un illusorio miglioramento del tenore di vita". Questo è quanto scriveva sul Corriere della Sera del 29 ottobre 1975 .

Sono parole più che vive condivisibili ed attuali.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …