Passa ai contenuti principali

Lettera di Babbo Natale

Questa lettera, la voglio scrivere a tutte le bambine ed a tutti i bambini di questo paese nobile nell'animo chiamato Italia, ma la voglio scrivere anche a quel bambino che è profondamente vivo dentro il nostro anche essere adulti. Questa  breve lettera se condivisa diffondetela nelle scuole,nelle vostre case, leggetela ai vostri bimbi, leggetela anche a voi stessi.
Marco Barone

Care bambine e bambini, il natale è vicino.
In questo periodo si parla tanto dello spirito natalizio, si parla tanto della bontà d'animo, si parla tanto di quella magia fantastica che è propria di quel sogno che è il natale laico che in tutto il mondo si vive da secoli.

Joulupukki,Santa Claus,Noel Baba,Babadimri,Sinterklaas,San Nicolás, ovvero Babbo Natale, questi sono alcuni dei nomi con cui vengo chiamato, riconosciuto, salutato.

Io , con le mie magiche e divertenti renne ed i miei elfi in questo periodo girovagando per le varie città del mondo, villaggi, paesi, borghi, vivo e vedo cosa accade nel vostro tempo, nei vostri occhi, nei vostri sogni. Dal Polo Nord, al Canada, dalla Lapponia alla Groenlandia sino a Cesarea ho carpito i vostri desideri, le vostre paure.

Voglio comunicare a tutte e tutti voi cari fanciulli sia d'età che d'animo una cosa molto importante e magica nello stesso tempo.
Dovete sapere che io un tempo mi vestivo di verde. Sì, verde color speranza, verde come il più antico uomo di più antica memoria e tradizione. Dalla mia bocca uscivano piante e fiori, regalavo all'umanità gioia naturale e speranza figlia di madre natura.

Ma un giorno in un vostro tempo ed in un vostro borgo si decise che io dovevo cambiare colore. Ciò accadde negli anni 30. Ciò lo decise la Coca Cola che per una sua pubblicità natalizia mi vestì di bianco e rosso.
Ma oggi mie care bambine e  miei cari bambini voglio tornar ad essere verde.

Ho letto molte delle vostre lettere.
Ho pianto tanto, ho bagnato con le mie lacrime quel foglio scritto dalle vostre mani dove mi chiedete di aiutare  mamma e papà affinchè non perdino il lavoro , dove  mi chiedete la fine delle guerre nel mondo, dove  mi chiedete più amore, dove mi chiedete meno giocattoli e più sorrisi.

Care bambine e  cari bambini, parlando con i miei elfi e con le mie renne, perchè dovete sapere che le mie renne magiche parlano e cantano anche, abbiamo deciso che in questo anno io mi vestirò di verde.

Voglio regalar a tutte e tutti voi più sorrisi, il sogno di vivere l'abbraccio di amore con la vita, il sogno di vivere il vostro tempo con più solidarietà umana, il sogno di vivere una società, quale la vostra, con meno differenze tra poveri e ricchi, il sogno di vivere un tempo, il vostro tempo, dove voi ora bambine e bambini, non possiate un giorno essere precari nel lavoro, nell'esistenza sociale, dove possiate progettare con il vostro amore, o anche da soli se non sarete innamorati, un futuro certo e non dubbioso ed in balia degli eventi; voglio regalarvi nella notte del natale laico la magia dell'amore e della speranza di un futuro, perchè voi care bambini e cari bambini, ed anche voi bambini rinchiusi nel vostro essere falsamente adulti, siete il vostro futuro.

Forse troverete meno giocattoli, ma non preoccupatevi cari bambini e care bambine, non è importante trovare sotto l'albero di natale, o davanti al caminetto, o alla finestra, o sotto il letto, i giocattoli per essere felici, è importante trovare  invece nella notte della magia del laico natale l'abbraccio della speranza e dell'amore vitale con cui condividere la solidarietà di lottare tutti insieme per un futuro non più precario ma un futuro colorato e ricco di magia, tanta magia.
Questo è l'augurio che io Babbo Natale vestito di verde natura voglio fare a tutti voi bambini piccoli o adulti che vivono questo tempo certamente non sereno e felice ma che potrà un giorno divenire sereno e felice se sarete tutti uniti nell'amore per la vita e nella vita.
Babbo Natale ( vestito di verde)

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…