Passa ai contenuti principali

Ritorno al medioevo.


Attraversare l'appennino Tosco-Emiliano, in tale periodo autunnale, è sempre una esperienza di vita a dir poco meravigliosa.

Si è come travolti dalla profondità spirituale della natura,che nei suoi colori miti accompagna la frenesia della società moderna, in quell'oasi di tranquillità che è oggi giorno,sempre più ardua situazione concreta di vita, riuscire di fatto a maturare, a percepire.

La natura prosegue nella sua normale e storica ciclicità conducendo il mio essere viaggiante in Castiglion Fiorentino, splendida città abitata fin dalla preistoria, rinchiusa oggi nelle sue mura castellane medievali.

Tale spazio di vita offre un gran senso di riflessione.

Città, immersa in un silenzio a dir poco surreale, bambini che giocano allegramente,anziani che passeggiano con il "rosario" in mano per confidare al proprio Dio i segreti di una vita giunta al suo apice esistenziale, persone che bevono al bar raccontando i sogni di vita ritrovati nella notte dei desideri.

Mura, silenzio, ordine, e tranquillità e tante infinite telecamere di

videosorveglianza.

La riflessione che maturo riguarda il fatto di come il medioevo, in particolar modo quello relativo alla fase c.d.dell'incastellamento appunto medievale è più attuale che mai.

I sindaci di oggi giorno, sono una versione moderna dei Signori territoriali, detentori di una sovranità legalitaria nei confronti dei propri sudditi, ovvero, i cittadini del Comune; e la massima espressione di tale potere è rappresentata dalle loro Ordinanze. Con tali atti sono quindi, in sostanza, artefici di quelle mura virtuali ma nel contempo reali, che devono proteggere i propri cittadini/sudditi, dall'invasione del degrado urbano e dall'invasione del fenomeno dell'insicurezza sociale.

Le Ordinanze che vengono forgiate dalle Amministrazioni Comunali di molte città, vedi Bologna, Venezia, Trieste,Lucca,Trapani ecc, sono come dire, la mera espressione del falso problema che caratterizza il vivere comune.

Le scritte sui muri, il divieto di chiedere l'elemosina, il divieto di suonare per strada, il divieto di mangiare un panino seduto sugli scalini, il divieto di indossare determinati abiti,il divieto di preparare Kebab,il divieto di passeggiare con gli zoccoli in centro, il divieto di vivere un pic nic in riva al mare,il divieto
di fare chiacchiere con gelato o spuntino di mezzanotte,il divieto di fumare in spiaggia,il divieto di usare il tagliaerba nei weekend e nelle ore pomeridiane, oppure la concessione di mendicare solo a duecento metri di distanza l'uno dall'altro,ovviamente la maggior parte di tali divieti concernono il centro e non la periferia della città...
In periferia si può anche morire,si muore; si può soffrire,si soffre; si può patire l'indifferenza sociale; nel centro no, deve affermarsi l'apparenza, lo specchio dell'ipocrisia borghese vigente.

Tutti divieti, che hanno una chiara espressione securitaria.

Ecco allora sorgere mille ed infinite telecamere che per una questione di presunta sicurezza preventiva in realtà controllano in toto la vita di tutti i cittadini/sudditi, ecco i poliziotti di quartiere e le ronde.

Si deve creare la sensazione di vivere in un paese insicuro, incrementare il senso di precarietà di sicurezza sociale percepita dal comune cittadino, si deve fomentare la paura.

A Bologna per esempio, sono due anni che il principale problema sociale, è dato dal fenomeno dell'imbrattamento dei muri.
Ecco allora che Casini e compagnia bella , aderendo alla campagna indetta dal Resto del Carlino, no graffiti day, ripuliscono i muri.
Ma nello stesso tempo a Bologna vedi aziende chiudere battenti,vedi persone perdere il lavoro, vedi un comune che batte cassa ma nello stesso tempo spende miliardi per costruire l'inutile CIVIS; vedi uomini e donne sandwich ancora ai semafori a sputtanare la propria dignità di essere umano per guadagnare quattro soldi ed arricchire il profitto delle aziende che sponsorizzano il loro prodotto sul corpo e la dignità delle persone.

A Trieste la situazione è identica, così come in tante altre città, ovvero il principale problema degli Amministratori locali è la pulizia dei muri, l'ordine sociale, la sicurezza dei cittadini.

Si perchè suonare per strada a Trieste secondo Dipiazza può compromettere lo status di sicurezza di chi passeggia per le vie triestine.

Follia pura.

Ma mera realtà.

Perchè accade tutto ciò?

Ritorniamo a Castiglion Fiorentino.

Città silenziosa, chiusa nelle sue mura.

Chiusa nelle sue mura.

Con le ordinanze e delibere comunali, è proprio questo che vogliono gli Amministratori/Signori territoriali, siano essi di sinistra che destra, ovvero chiudere le città del terzo millennio all'interno di mura virtuali ma legalitarie ed autoritarie; mura devastanti, mura che proteggono l'apparenza, mura che isolano il pensiero critico, mura volte a reprimere ogni forma di dissenso,ed a controllare in sostanza la libertà di essere uomo libero.
Tutto ciò si realizza grazie all'ausilio dei banditori( alcuni quotidiani locali) che elargiscono il senso di insicurezza alle menti non pensanti e contribuiscono conseguentemente a ciò ad inibire l'eplicazione della libertà della partecipazione alla vita sociale e democratica.

La natura ha una sua ciclicità ben chiara ed affascinante, quella del sistema è

altrettanto chiara ma,ahimè,devastante.

Ecco il ritorno del Medioevo.

Demoliamo le fondamenta di queste mura, prima di essere imprigionati; prima di essere totalmente schiavizzati dal falso senso dell'insicurezza sociale.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…