Passa ai contenuti principali

Italiani come ratti - Razzismo svizzero contro i lumbard


Se per i lumbard i meridionali sono oggetto di astio e scherno, per gli svizzeri il bersaglio più a tiro sono proprio i lumbard e i piemontesi.

E proprio di questi tempi in Svizzera sono apparsi manifesti che accusano gli italiani, definiti e rappresentati come topi , di rubare il lavoro ai locali. Se vi sembra di averla sentita è solo perché la storia ama ripetersi alla noia e in tempo di crisi la Svizzera agli Svizzeri, e la Lombardia ai lombardi, sono il riflesso tipico alle crisi economiche in molte delle aree o dei paesi che vedono scosso il loro benessere.

C'è anche il gruppo su Facebook che insulta i lavoratori transfrontalieri che dall'Italia e dall'Unione vanno a lavorare in Svizzera, e ci sono anche tre pirla con tre costumi da topi con la faccia cattiva che dovrebbero servire a sceneggiare le malvagità degli stranieri ad uso delle menti semplici.

Non si fanno mancare niente, nemmeno il sito internet, una vera e propria campagna xenofoba strutturata professionalmente e distribuita attraverso diversi canali, che ha come bersaglio proprio gli italiani che attraversano il confine: “I ratti esistono veramente ¬– sostiene Ferrise –. Inizialmente si muoveranno sui social network. Ma poi li vedremo in giro per le strade. Tra la gente. Agli eventi musicali, alle partite di calcio, al mercato. I ratti invaderanno il Ticino”. Il responsabile dell'agenzia di comunicazione che cura questa schifezza, e che non ha voluto rivelare quale "gruppo" abbia commissionato la campagna, non ci trova nulla di offensivo, dice che: "Un gruppo ci ha chiesto di trovare un’idea originale che portasse i ticinesi ad aprire gli occhi su determinate questioni. Non posso dirvi di più. Segreto professionale. Perché i ratti? Il ratto è qualcosa di spregevole. C’è il concetto di ‘derattizzazione’ dietro tutto ciò".

Il fatto che i topastri da derattizzare abbiano la bandiera italiana sul petto, sembra un'offesa, una minaccia e l'incitamento all'odio contro gli italiani in generale e contro i lombardi in particolare. Senza considerare le inquietanti analogie con gli slogan nazisti del tempo che fu, quando nel Mein Kampf Hitler descriveva il nazismo come: "nemico naturale dell’orrenda infestazione” dei ratti ebrei". La polemica è già partita dal basso, si aspettano a momenti gli assi di briscola.

La Lega ticinese ha smentito ogni coinvolgimento in questa campagna e con loro tutta la politica istituzionale. Quale che sia lo scopo della campagna pubblicitaria, politico o commerciale, l'offesa c'è tutta ed è anche peggiore di quella di Bossi che da dei maiali ai romani.

Non resta che vedere se il Ministro della Difesa La Russa mostrerà il fiero petto agli alpini che ci danno del topo terrone e se Bossi lancerà i suoi venti milioni di fucili all'assalto del Ticino per difendere l'onore ferito dei lumbard. Avanti i patrioti e i difensori della razza.

Aggiornamento: pare che il misterioso committente sia l'UDC, che non è il partito di Casini, ma il partito di estrema destra svizzero, quello che ha promosso il famigerato referendum contro i minareti.

fonte: http://networkedblogs.com/8snh1

http://www.balairatt.ch/

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…