Passa ai contenuti principali

Alcune "meraviglie" nascoste dell'Isontino, dall'elettrodotto di Villesse-Redipuglia alla ciminiera di Monfalcone


L'Italia è il Paese dell'arte, della bellezza. Ed in questi mesi abbiamo riscoperto l'orgoglio, tra una miscela condita di un patriottismo artistico effervescente con sfumature tricolori risorgimentali di essere italiani.

Dalla valle dei templi di Agrigento alla potente e affascinante Siena. Tutto perfettamente in armonia con l'articolo 9 della Costituzione, poichè la nostra Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Abbracciamoci, congratuliamoci, guardiamoci allo specchio alla mattina appena alzati e ricordiamoci che noi siamo il Paese di Dante, Michelangelo, Giotto.

Poi se qualche vocina ti dirà, ma hai presente cosa circonda la valle dei templi ad Agrigento? Hai presente l'abusivismo edilizio che in Italia ha devastato il territorio, hai presente la zozzeria che caratterizza il nostro patrimonio artistico, hai presente lo scempio compiuto nei decenni anche grazie ad alcuni mega super archistar, pagati mica quattro danari, per aver realizzato schifezze allucinanti, cattedrali miliardarie nel deserto della ipocrisia italiana?

Ecco, l'articolo 9 della Costituzione dovrebbe essere formulato nel seguente modo: La Repubblica tutela l'ipocrisia italiana come patrimonio della Nazione.

E poi tutti felici e sorridenti a congratularci con noi stessi e ripeterci, ma quanto siamo bravi noi italiani.

Ad esempio, lì dove hai delle sfumature di bellezza deturpata da una cattiva industrializzazione, che continua, il paesaggio non è stato tutelato.

Se per caso a qualcuno capita di avventurarsi nelle ore serali nel tratto autostradale che conduce verso Ronchi/Monfalcone, giunto dalle parti di Villesse-Redipuglia, lì dove sorge il monumento inaugurato nel 1938 dal dittatore fascista dopo aver proclamato le leggi razziali a Trieste, anticipate come è noto con persecuzioni violentissime adottato contro gli "slavi" ti sembrerà di addentrarti in un qualcosa di visionario e futuristico.

Luci rosse che lampeggiano nel cielo della notte. Opera d'arte in movimento, ti sembra di essere su Marte, o in qualche base spaziale o misteriosa area 51 tutta bisiaca. Una bellezza ed una meraviglia tutta nostrana che in pieno giorno offrirà all'ignaro visitatore tutta la sua potente ed immaginifica eleganza.


Cavi sospesi tra il cielo e la terra, possenti e snelli e moderni pali che conquistano un territorio che si è dovuto piegare alla prepotenza di un progresso che per questione di soldi ha deciso che così dovevano affermarsi queste opere di grande ingegno umano che lasceranno un segno indelebile nel territorio. Altro che castellieri, o Carso o Isonzo o Adriatico, questa è la meraviglia del terzo millennio, una meraviglia nascosta che si armonizza perfettamente, con quell'altra bellezza strepitosa che sorge su Monfalcone. Una ciminiera artisticamente torre bicolore fumante e slanciata verso l' infinito, che congiunge l'opera umana con il celeste, riportando alla mente la creazione di Adamo di Michelangelo, che sicuramente nulla ha da invidiare a quella  più storta e pendente di Pisa.
Grazie, di tutto cuore e con tutto l'animo per averci regalato tanta immensa bellezza e meraviglia.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

A Trieste fare gli auguri in sloveno proprio, proprio no se pol...ma c'è il greco

Niente da fare. Non ci riescono. Ma proprio non ci riescono. E' vero che ci sarebbe una legge che contemplerebbe l'esercizio del bilinguismo anche nella città di Trieste. Ci sarebbe, ma viene applicata per non essere volgarissimi, alla ad minchiam. Che gli sloveni ed il ceppo linguistico slavo facessero parte delle radici di Trieste, non conta un fico secco.  Un Pelinkovac e il fico secco indigesto va giù.
E neanche a natale si è più buoni. Altro che a natale puoi. Ma che. Figurarsi. Zero concessioni. Mentre l'attenzione si è totalmente focalizzata sulla stella cadente al contrario, per non farla cadere, farla resistere alla bora, e qui si potrebbe scrivere una storia tipicamente triestina, o meglio raccontare una storia tipicamente triestina,  tra chi tifa bora e chi rimane ipnotizzato dalla cometa al contrario, non può però non attirare l'attenzione quella solita fila di alberi di natale, scelti uno ad uno, pare, di persona, personalmente, per dirla alla Catarella, …

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione?

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione? La matematica non è una opinione qualcuno disse...

1) per un calcolo della superficie e della capienza, il limite preso di misura è un numero di 4 persone/mq,

2) Piazza del Popolo ha una metratura di di 17.100 mq con una capienza massima e teorica di 68.400 ;
3) Piazza san Giovanni ha una superficie di 39.100 mq, con una capienza totale, quindi, di 156.000 persone.

Direi che è arrivato il momento di non dare più i numeri...
Marco B.

MANIFESTARE A ROMA, QUANDO I PARTITI DANNO I 'NUMERI' - La fisica, con il principio della impenetrabilità dei solidi, insegna che due oggetti non possono occupare lo stesso spazio. Eppure c'é chi ritiene che questo classico teorema non si applichi alle persone, soprattutto se convocate in un determinato luogo ad esprimere pubblicamente la loro opinione politica. Fuor di metafora: quando si tratta di conteggiare i partecipanti alle manifestazioni, i partiti "danno i numeri".

Nes…

Centinaia di ricercatori universitari scrivono alle Università inglesi: Basta collusioni con l'Egitto

Una lettera aperta di centinaia di accademici, ricercatori, per chiedere la fine della collaborazione tra le Università del Regno Unito ed il regime di Al Sisi.
Condanniamo l'ondata di repressione che ha spazzato l'Egitto in risposta alle pacifiche proteste che criticano l'attuale presidente Abdel Fattah al-Sisi. Attivisti per i diritti umani affermano che dal 20 settembre sono state arrestate oltre 3000 persone, tra cui i professori Hazem Hosny e Hassan Nafaa dell'Università del Cairo, gli avvocati Mahienour el-Massry, Mohamed Salah Agag e altri colleghi, Alaa Abdelfattah e molti personaggi politici, attivisti, giornalisti e attivisti per i diritti umani. Siamo allarmati dal fatto che Boris Johnson creda che il Regno Unito possa compiere "progressi positivi nelle nostre relazioni bilaterali" con il regime egiziano in tali circostanze.

Siamo anche profondamente preoccupati che, ancora una volta, le università del Regno Unito stiano dimostrando la loro disponibi…