Passa ai contenuti principali

Non si possono utilizzare le prove Invalsi per valutare i singoli studenti



Ci risiamo. Ogni volta che si avvicina il periodo delle prove dell'Invalsi, ecco la diffusione di miti e leggende che se non smentite, rischiano di creare enormi preoccupazioni;  leggende, il cui unico scopo, è ed altro non può essere, che quello di invitare, tramite il timore del voto e della valutazione, gli studenti ad impegnarsi per le citate prove ed evitare ogni azione di dissenso. Come prima cosa è il caso di ricordare, vivamente, che la CM n. 89 - Prot. MIURAOODGOS/6751, in tema di valutazione periodica degli apprendimenti afferma testualmente, in alcuni suoi passaggi fondamentali, quanto segue: “Le istituzioni scolastiche, pertanto, adotteranno modalità e forme di verifica adeguate e funzionali all’accertamento degli obiettivi e dei risultati di apprendimento, declinati in competenze, conoscenze e abilità, come previsto dalle Indicazioni nazionali per i percorsi liceali, dalle Linee guida per gli istituti tecnici e per gli istituti professionali e dal D.M. n. 139 del 22 agosto 2007 relativo all’obbligo d’istruzione. (...) Resta comunque inteso, come principio ineludibile, che il voto deve essere espressione di sintesi valutativa e pertanto deve fondarsi su una pluralità di prove di verifica riconducibili a diverse tipologie, coerenti con le strategie metodologico-didattiche adottate dai docenti. Sarà cura quindi del collegio dei docenti e dei dipartimenti fissare preventivamente le tipologie di verifica nel rispetto dei principi definiti dai decreti istitutivi dei nuovi ordinamenti".

Dunque se i Collegi docenti non deliberano nulla in tal senso, in merito alla possibilità di utilizzare le prove Invalsi come valutazione individuale, il problema non sussiste; però, ecco il però, anche se i Collegi docenti dovessero deliberare in tale direzione, tale delibera sarebbe a dir poco fuorviante perché si scontrerebbe con le stesse indicazioni dell'Invalsi e nello stesso tempo sarebbe anche non applicabile ed inefficace. L'Invalsi, nel suo manuale del somministratore, specifica  “che non verrà dato alcun voto per lo svolgimento della prova"oppure la nota del 2014 specifica che le prove Invalsi “ non sono finalizzate alla valutazione individuale degli alunni”. Già ciò basterebbe.

Ma vi sono altri aspetti tecnici e legali a dir poco interessanti.
Il primo è quello della Privacy. Lo stesso Invalsi, nella sua informativa, afferma che “" Le rilevazioni degli apprendimenti concorrono, secondo la legge, alla valutazione del valore aggiunto realizzato dalle scuole",ed ancora specifica che " i dati personali verranno trattati in modo da essere resi anonimi all’esterno e all’interno dell’istituto, immediatamente dopo la raccolta effettuata dalle istituzioni scolastiche. Il codice di accoppiamento tra le informazioni raccolte e l’identificativo della persona è conosciuto solo dal personale docente dell’istituzione scolastica incaricato della somministrazione e dal personale di segreteria incaricato della trasposizione dei dati sulla scheda risposta e, una volta utilizzato per la predetta funzione, non è ulteriormente utilizzabile”.

Si parla dunque di valore aggiunto ed il valore aggiunto per l'Invalsi è il seguente: “Si ribadisce pertanto che tutte le risultanze delle rilevazioni sugli apprendimenti, in termini di livelli o di stima del valore aggiunto, vengono dall’INVALSI restituite alle singole scuole per aiutare le stesse a riflettere su se stesse e verranno altresì adoperate per identificare le scuole in condizioni maggiormente critiche su cui concentrare la valutazione esterna e la disponibilità di eventuali supporti dall’esterno”.

Non si parla dunque di valutazione individuale degli studenti.

L'Invalsi, nella breve guida realizzata l'anno scorso specificava, tra le varie cose che “I risultati delle prove sono restituiti alle singole scuole in forma privata e anonima. Ciascuna scuola potrà analizzare dunque i risultati dell’apprendimento dei propri studenti confrontandoli al proprio interno (classi della stessa scuola) e con altre scuole. Questa comparazione consentirà a ogni Istituto scolastico di valutare la propria efficacia educativa e di riflettere sulla propria organizzazione didattico-metodologica al fine di promuoverne il miglioramento”. Ed ancora : "Le prove non sostituiscono la valutazione degli insegnanti che tiene conto di tutte le materie e dello sviluppo complessivo di ogni studente. Solo nell’esame conclusivo del I ciclo il punteggio preso dallo studente nelle prove INVALSI incide, ma con un peso solo pari a 1/7, sul voto finale”.

Ma pur volendo, utilizzare queste prove per la valutazione individuale, in palese violazione della Legge, delle direttive Invalsi e della normativa sulla Privacy, ciò sarebbe impossibile, anche per ragioni operative. La restituzione dei dati alle scuole, da parte dell'Invalsi, di norma avviene nel mese di settembre, dunque ad anno scolastico concluso. A tal proposito l'Invalsi specifica anche che “la restituzione dei risultati delle rilevazioni degli apprendimenti alle singole scuole sarà oggetto di particolare attenzione da parte dell’INVALSI, in modo che i risultati stessi possano costituire per le istituzioni scolastiche una base per l’avvio dei processi di autovalutazione”.
Che è una cosa ben diversa dalla valutazione individuale degli studenti. Ricordo, infine, che per le giornate del 6,7 e 13 maggio è stato proclamato lo sciopero contro le prove Invalsi da parte dei Cobas, che gli studenti, in diverse realtà italiane si stanno mobilitando per boicottare queste prove con iniziative variegate, il dissenso è forte, la critica è consistente, e le operazioni  fuorvianti, come poste in essere da alcuni docenti e dirigenti non avranno altro effetto che rendere ancora più convincente e determinante l'azione di lotta, perché quando si è costretti a mentire od a partorire false informazioni il motivo non può essere che quello del timore di fallire in quelle giornate, ma il primo fallimento è dato dalla cattiva informazione, cosa grave, anzi gravissima, nella scuola pubblica che dovrebbe insegnare ben altro.




Commenti

Post popolari in questo blog

A Monfalcone l'Esercito popolare di liberazione della Jugoslavia diventa "milizia partigiana titina". Quella targa sbagliata sul 12 giugno del '45 che si collega a quella del 12 settembre

" Dal primo maggio al 12 giugno 1945 le milizie partigiane titine occuparono la città di Monfalcone con la volontà di annessione alla Jugoslavia. In quei quaranta giorni si consumarono sofferenze, violenze, sopraffazioni e deportazioni a danno della popolazione. Questa lapide vuole rendere omaggio agli scomparsi e a coloro che persero la vita a causa di una crudele barbarie ideologica. Essa è collocata nello spazio antistante le carceri di allora, dove furono arbitrariamente reclusi tanti concittadini. Che nel ricordo di quella tragica stagione si possa consolidare la speranza di un futuro migliore per le nuove generazioni. 1945-2020. Comune di Monfalcone ". Questo è il testo sulla lapide di piazza Cavour inaugurata il 12 giugno 2020. Ponendosi la città di Monfalcone in linea con Trieste e Gorizia. Un testo che contiene comunque degli errori. Innanzitutto non si capisce perchè si scrive il primo maggio in lettere e il 12 giugno in cifre. Poi i giorni di occupazione non furono

Una storia per bambini della scuola primaria nella giornata Mondiale della Gentilezza

Il 13 novembre in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale della Gentilezza, nata da una conferenza del 1997 a Tokyo e introdotta in Italia dal 2000. Per questa propongo una storia per le classi di scuola primaria. La storia che segue, ambientata a Trieste, ha per protagonisti tre supereroi ed una nonna, Rosellina.  Il disegno è stato fatto in una classe di una scuola dove la storia è stata letta. mb I tre supereroi e la nonnina Rosellina C’era una volta, anzi no. C’erano una volta tre supereroi. Avete presente quelli con i super poteri che si vedono nei film? Nei cartoni animati? Nei fumetti? Sì, proprio loro. E si trovavano in una bellissima città italiana, Trieste. Non erano mai stati prima a Trieste. Rimasero stupiti nel vedere quanto era lungo il molo sul mare, e quanto era enorme la piazza con due alberi di due navi dove sventolavano le bandiere, ogni tanto. Dopo essersi fatti un selfie sul molo Audace che è costruito sui resti di una vecchia n

L'Emilia Romagna è la prima regione italiana a "sospendere" i rapporti con l'Egitto

Ad oggi in Italia sono la Camera dei deputati ha osato sospendere i rapporti diplomatici con l'Egitto.  Ma un secondo tassello si sta unendo  a quello della Camera. E arriva da una Regione importante. Una delle più importanti. Mentre la Regione di Giulio, il Friuli Venezia Giulia, ha eliminato lo striscione verità per Giulio dalla facciata del palazzo regionale ed eliminato il logo anche dal sito della Regione, è rimasto solo su quello del Consiglio regionale, è l'Emilia Romagna a dare un segnale importante. No, non è una sospensione dei rapporti diplomatici. Ma è pur un segnale importante e per come vanno le cose nel disastrato nostro Paese per nulla scontato. La vice presidente della Regione Elly Schlein, ha dichiarato che intervenendo a nome della Giunta regionale  ha chiesto "di sospendere e rinviare in Commissione la ratifica di un accordo di collaborazione sull'educazione e la formazione professionale tra Regione Emilia-Romagna e il Fondo per lo Sviluppo dell’