Passa ai contenuti principali

Scuola: 150 ore aboliamo le graduatorie e le restrizioni



Il diritto alla formazione, allo studio, per come regolamentato in Italia, nel settore della Scuola, in realtà è una mera aspirazione al diritto.
Mi riferisco all'articolo 3 del D.P.R. n. 395 del 23 agosto 1988 che prevede che il personale della scuola ha titolo a beneficiare, nel corso dell'anno solare, di permessi straordinari retribuiti nella misura massima di 150 ore ed in particolar modo ai contratti integrativi regionali che disciplinano i criteri. Di norma il numero dei beneficiari dei permessi straordinari retribuiti a livello provinciale, non può superare il 3% del personale in servizio, con riferimento al personale docente, educativo ed ATA, con contratto a tempo indeterminato e a tempo determinato fino al 31 agosto ovvero fino al 30 giugno ovvero fino al termine delle lezioni, al personale sia in assegnazione provvisoria che in utilizzazione, sia in servizio a tempo pieno che a tempo parziale nelle scuole della regione considerata.
É possibile l'incremento dei beneficiari solo in caso di risparmi, cosa ad oggi surreale.Il contingente complessivo regionale verrà distintamente indicato per grado d’istruzione per il personale docente di lingua italiana e di lingua slovena, per il personale educativo e per il personale ATA senza distinzione di profilo professionale, e successivamente ripartito in proporzione alla dotazione dell’organico di diritto di ciascuna provincia. Si formuleranno delle graduatorie, che in regione a regione, indicheranno criteri diversificati. Mediamente i criteri prevalenti tendono a premiare la frequenza di certi specifici corsi o preparare ricerche od effettuare verifiche periodiche di esami e così via discorrendo. Alla sostituzione del personale che ha titolo a beneficiare dei permessi retribuiti, si provvede, in assenza di personale a disposizione, con l’assunzione di supplenti temporanei in conformità alle norme vigenti in materia e per le scuole secondarie anche in applicazione della nota MIUR prot. n. AOODGPER-14991 del 6 ottobre 2009. Dunque si favorisce contestualmente e potenzialmente anche il lavoro dei precari.
Il punto, visto che l'articolo 3 del DPR citato afferma che al fine di garantire il diritto allo studio sono concessi permessi straordinari retribuiti, nella misura massima di centocinquanta ore annue individuali, è come può parlarsi di diritto, quando sussistono simili restrizioni che comportano l'esclusione nei confronti di diversi richiedenti?
Quale reale diritto allo studio nella scuola per il personale scolastico?
Le restrizioni ed il sistema delle graduatorie andrebbe abolito, chiunque ha titolo di poter usufruire dei permessi citati, deve avere la possibilità concreta e reale di poter esercitare tale diritto, un diritto che ad oggi è negato a molti, un diritto che nello stesso tempo favorirebbe, anche se in via saltuaria, il lavoro per diverse centinaia di precari.



Commenti

Post popolari in questo blog

L'Emilia Romagna è la prima regione italiana a "sospendere" i rapporti con l'Egitto

Ad oggi in Italia sono la Camera dei deputati ha osato sospendere i rapporti diplomatici con l'Egitto.  Ma un secondo tassello si sta unendo  a quello della Camera. E arriva da una Regione importante. Una delle più importanti. Mentre la Regione di Giulio, il Friuli Venezia Giulia, ha eliminato lo striscione verità per Giulio dalla facciata del palazzo regionale ed eliminato il logo anche dal sito della Regione, è rimasto solo su quello del Consiglio regionale, è l'Emilia Romagna a dare un segnale importante. No, non è una sospensione dei rapporti diplomatici. Ma è pur un segnale importante e per come vanno le cose nel disastrato nostro Paese per nulla scontato. La vice presidente della Regione Elly Schlein, ha dichiarato che intervenendo a nome della Giunta regionale  ha chiesto "di sospendere e rinviare in Commissione la ratifica di un accordo di collaborazione sull'educazione e la formazione professionale tra Regione Emilia-Romagna e il Fondo per lo Sviluppo dell’

A Monfalcone l'Esercito popolare di liberazione della Jugoslavia diventa "milizia partigiana titina". Quella targa sbagliata sul 12 giugno del '45 che si collega a quella del 12 settembre

" Dal primo maggio al 12 giugno 1945 le milizie partigiane titine occuparono la città di Monfalcone con la volontà di annessione alla Jugoslavia. In quei quaranta giorni si consumarono sofferenze, violenze, sopraffazioni e deportazioni a danno della popolazione. Questa lapide vuole rendere omaggio agli scomparsi e a coloro che persero la vita a causa di una crudele barbarie ideologica. Essa è collocata nello spazio antistante le carceri di allora, dove furono arbitrariamente reclusi tanti concittadini. Che nel ricordo di quella tragica stagione si possa consolidare la speranza di un futuro migliore per le nuove generazioni. 1945-2020. Comune di Monfalcone ". Questo è il testo sulla lapide di piazza Cavour inaugurata il 12 giugno 2020. Ponendosi la città di Monfalcone in linea con Trieste e Gorizia. Un testo che contiene comunque degli errori. Innanzitutto non si capisce perchè si scrive il primo maggio in lettere e il 12 giugno in cifre. Poi i giorni di occupazione non furono

Una storia per bambini della scuola primaria nella giornata Mondiale della Gentilezza

Il 13 novembre in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale della Gentilezza, nata da una conferenza del 1997 a Tokyo e introdotta in Italia dal 2000. Per questa propongo una storia per le classi di scuola primaria. La storia che segue, ambientata a Trieste, ha per protagonisti tre supereroi ed una nonna, Rosellina.  Il disegno è stato fatto in una classe di una scuola dove la storia è stata letta. mb I tre supereroi e la nonnina Rosellina C’era una volta, anzi no. C’erano una volta tre supereroi. Avete presente quelli con i super poteri che si vedono nei film? Nei cartoni animati? Nei fumetti? Sì, proprio loro. E si trovavano in una bellissima città italiana, Trieste. Non erano mai stati prima a Trieste. Rimasero stupiti nel vedere quanto era lungo il molo sul mare, e quanto era enorme la piazza con due alberi di due navi dove sventolavano le bandiere, ogni tanto. Dopo essersi fatti un selfie sul molo Audace che è costruito sui resti di una vecchia n