Passa ai contenuti principali

il Twitter "vangelo"secondo matteorisponde sulla scuola


La scuola è una cosa seria od è una cosa che si può liquidare in 140 caratteri? Con botta e risposta per dire poi cosa? Visto che il tutto è stato già deciso? Per far credere che il grande ascolto esiste? Per imbambolare, illudere qualcuno o più di qualcuno? Eppure ecco 140 caratteri, un banale ma efficace, a livello mediatico, #matteorisponde, come se fosse una specie di call center, ma pagato da tutti noi, pur non essendo stato assunto da noi.
E come risponde Matteo?
Prima comunicando che...
Sto leggendo le risposte dei prof. Faremo tesoro di suggerimenti e critiche. La scuola è LA sfida per riportare l'Italia a fare...l'Italia
e poi...beh buona lettura e riflessione ( in neretto le risposte di Renzi)

se ascolti sentirai il grido disperato dei docenti II fascia che stai licenziando. Chiediamo piano pluriennale di assunzione 
non stiamo licenziando nessuno. E il piano pluriennale c'è. Ma con concorso 

vuoi una scuola di destra con il preside padrone...
prego? Padrone? Destra? Ma perché non entriamo nel merito? 

e niente.. il nostro Caro Leader si sta cagando in mano per le regionali e lancia appelli a caso.. riportare, fare. 
vedo che lei si preoccupa per le elezioni perché è un attivista del movimento cinque stelle. Io invece stavo parlando di scuola 


Matteo ne riparliamo? Mica ti molliamo! (fiorellino di accompagnamento)
ormai vi considero le portavoci dei docenti di II fascia :-) 


potevi sentirli prima CERVELLONE 
scusi, Lei sa che abbiamo fatto una consultazione pubblica da settembre 2014? 



noi abbiamo ascoltato voi! Voi non ascoltate noi! 
ma se non sbaglio lei è la docente di II fascia con cui ho parlato a Venezia, giusto? 

La card per formazione dei prof anche per i Docenti di sostegno? 
si 


Stai leggendo gli insulti 
anche. Ma per quelli basta Twitter. Più che gli insulti qui ci sono proposte e critiche (alcune serie, altre ideologiche) 



Di cosa ti preoccupi dei Prof. O delle Elezioni ? 
le elezioni politiche ci saranno nel 2018. Quelle europee nel 2019. La scuola c'è sempre 



come mai non ha ascoltato PRIMA? Saremmo dovuti essere i PRIMI ad essere interpellati. 
scusi, Lei ha partecipato alla consultazione de #labuonascuola? Abbiamo iniziato a settembre.. 


perché hai dato ascolto a chi lavora per elaborare il Job Act? 
sì. E mi pare che i risultati vadano nella giusta direzione 


Anche la scuola da dirigere. Politici e mafiosi della mia Calabria non aspettano altro. 
mi perdoni, ma cosa c'entra la mafia con i dirigenti scolastici? Non le pare un giudizio superficiale? 



ripassi il concetto di democrazia... Parlate tanto e non ascoltate nulla! 
ascoltare significa ascoltare, non assecondare per forza. Non è che o facciamo ciò che dice lei o non siamo democratici.. 
Gli insegnanti manovrati?Ma ha dimenticato che ha imparato a leggere, scrivere e decodificare dai suoi docenti.? 
quando mai avrei detto questo, scusi? Nella lettera e nel video dico esattamente il contrario #labuonascuola

chi non è chiamato nei tre anni è licenziato? Rettificate,se è il caso. 
ovviamente no. Certo che chi è stato assunto non è licenziato dopo 3 anni. È una delle tante leggende metropolitane... 



Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Scuola tra docenti impotenti senza autorevolezza e autorità in una lotta per la sopravvivenza

I tempi del grembiule, delle bacchettate, delle punizioni dietro la lavagna o di altre amenità sono finiti da un pezzo come la scuola dell'ordine e della disciplina. Forse il grembiule potrebbe ritornare, o anche no, ovviamente non devono trovare alcuna dimensione e spazio violenze psicofisiche all'interno della scuola. Ma nel giro di un paio di generazioni che sono coincise da un lato con l'avvento di internet che ha tolto ogni freno inibitorio e dall'altro della scuola trasformata in luogo dove i docenti hanno perso ogni autorevolezza ed autorità, dove non contano più niente, non hanno più alcun potere, salvo qualche caso raro di abuso di mezzi di correzione e violenza che comunque vengono sanzionati a dovere ed utilizzati per demonizzare una intera categoria presa letteralmente a schiaffi ogni giorno, si è realizzato il disastro pieno. 
La scuola deve solo "vendere" un prodotto, che è il titolo di studio o diventare luogo di ammortizzatore sociale. Insegu…