Passa ai contenuti principali

A Trieste un allenatore di una squadra giovanile: "Non capisco il minuto osservato per Anna Frank"

Non vi è stato il canonico minuto di silenzio per Anna Frank, ma il minuto di riflessione. E sono due cose  per alcuni aspetti diverse. Perchè questa volta, in tutta Italia ed in tutte le competizioni, da quelle professionistiche a quelle giovanili e dilettanti, si doveva leggere un passo del suo diario prima del calcio d'inizio: “Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte l'avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure, quando guardo il cielo, penso che tutto si volgerà nuovamente al bene, che anche questa spietata durezza cesserà, che ritorneranno l'ordine, la pace e la serenità”.

Forse in non tutte le realtà è stato possibile e forse si è liquidato tutto con un minuto di silenzio in segno di rispetto per Anna Frank e tutto ciò che lei rappresenta.

Quando parli della Shoah il primo nome che ti viene in mente è quello di Anna Frank. Non è certamente d'obbligo leggere il suo diario, ma non si può non conoscere l'olocausto,  non si può non sapere cosa è stato, e perchè lei ne è diventata un simbolo.

Probabilmente è vero che quando si parla di Anna Frank ai più forse oggi questo nome dice poco. E questo è un problema con generazioni che forse sanno tutto di Harry Potter o del Signore degli Anelli e niente di storia. Ma non dice poco a chi lo ha infangato questo nome giocando sulla sua storia, sul simbolismo, sulla sua morte, con un perfido gioco di parole e di immagini. Perchè si è consumato una sorta di botta e risposta sulla pelle di Annelies Marie Frank, tra Anna Frank tifa Lazio come si è letto su alcuni muri ma senza che ciò abbia creato alcun tipo di scalpore, all'adesivo di Anna Frank con la maglia della Roma all'interno dell'Olimpico. 

Anna Frank si è correttamente detto che è morta di tifo due volte. Ma vi è di più. E' stata scelta lei, non solo perché ebrea e perché forse qualcuno ha voluto augurare il peggio al rivale, con l'ambiguità della parola tifo. Ma anche perché femmina. Vi è stata una vera e propria combinazione di oscenità e mostruosità, tra simpatie verso il nazismo, sessismo sfrenato ed odio brutale che dovrebbero far tremare i polsi a chiunque.

Ed allora quando un allenatore di una squadra giovanile sul Piccolo di Trieste scrive che, pur rimarcando la condivisione dei valori antirazzisti da parte dei suoi ragazzi, sia la sua squadra di quattordicenni che lo stesso mister, a detta sua,  non capiscono " il senso del minuto osservato domenica scorsa" significa che vi è qualcosa alla radice che non va. Erano quasi coetanei Anna Frank ed i ragazzi della squadra di calcio di quel mister.

A Trieste vi è la Risiera di San Sabba, non serve andare lontani per capire il senso del minuto di riflessione o di silenzio per Anna Frank. Basta recarsi in quel posto, per capire. Non vi è altro da aggiungere.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

A Trieste fare gli auguri in sloveno proprio, proprio no se pol...ma c'è il greco

Niente da fare. Non ci riescono. Ma proprio non ci riescono. E' vero che ci sarebbe una legge che contemplerebbe l'esercizio del bilinguismo anche nella città di Trieste. Ci sarebbe, ma viene applicata per non essere volgarissimi, alla ad minchiam. Che gli sloveni ed il ceppo linguistico slavo facessero parte delle radici di Trieste, non conta un fico secco.  Un Pelinkovac e il fico secco indigesto va giù.
E neanche a natale si è più buoni. Altro che a natale puoi. Ma che. Figurarsi. Zero concessioni. Mentre l'attenzione si è totalmente focalizzata sulla stella cadente al contrario, per non farla cadere, farla resistere alla bora, e qui si potrebbe scrivere una storia tipicamente triestina, o meglio raccontare una storia tipicamente triestina,  tra chi tifa bora e chi rimane ipnotizzato dalla cometa al contrario, non può però non attirare l'attenzione quella solita fila di alberi di natale, scelti uno ad uno, pare, di persona, personalmente, per dirla alla Catarella, …

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione?

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione? La matematica non è una opinione qualcuno disse...

1) per un calcolo della superficie e della capienza, il limite preso di misura è un numero di 4 persone/mq,

2) Piazza del Popolo ha una metratura di di 17.100 mq con una capienza massima e teorica di 68.400 ;
3) Piazza san Giovanni ha una superficie di 39.100 mq, con una capienza totale, quindi, di 156.000 persone.

Direi che è arrivato il momento di non dare più i numeri...
Marco B.

MANIFESTARE A ROMA, QUANDO I PARTITI DANNO I 'NUMERI' - La fisica, con il principio della impenetrabilità dei solidi, insegna che due oggetti non possono occupare lo stesso spazio. Eppure c'é chi ritiene che questo classico teorema non si applichi alle persone, soprattutto se convocate in un determinato luogo ad esprimere pubblicamente la loro opinione politica. Fuor di metafora: quando si tratta di conteggiare i partecipanti alle manifestazioni, i partiti "danno i numeri".

Nes…

Centinaia di ricercatori universitari scrivono alle Università inglesi: Basta collusioni con l'Egitto

Una lettera aperta di centinaia di accademici, ricercatori, per chiedere la fine della collaborazione tra le Università del Regno Unito ed il regime di Al Sisi.
Condanniamo l'ondata di repressione che ha spazzato l'Egitto in risposta alle pacifiche proteste che criticano l'attuale presidente Abdel Fattah al-Sisi. Attivisti per i diritti umani affermano che dal 20 settembre sono state arrestate oltre 3000 persone, tra cui i professori Hazem Hosny e Hassan Nafaa dell'Università del Cairo, gli avvocati Mahienour el-Massry, Mohamed Salah Agag e altri colleghi, Alaa Abdelfattah e molti personaggi politici, attivisti, giornalisti e attivisti per i diritti umani. Siamo allarmati dal fatto che Boris Johnson creda che il Regno Unito possa compiere "progressi positivi nelle nostre relazioni bilaterali" con il regime egiziano in tali circostanze.

Siamo anche profondamente preoccupati che, ancora una volta, le università del Regno Unito stiano dimostrando la loro disponibi…