Il TAV sul Carso non passerà

E alla fine ritornano. Ritornano proposte che non meriterebbero neanche di essere commentate per quanto assurde. Eppure ci sono. Sono sul tavolo. Ci son voluti diversi giorni per riscontrare delle prime reazioni da parte della politica in una regione che con il nuovo governo leghista sembra essere favorevole al TAV. Ritorna la proposta del tunnel nel Carso. Poco meno di 23 KM, per poco meno di un quarto d'ora di risparmio di tempo, e quasi 2 miliardi di euro di investimenti, tra consulenze, e lavori e quant'altro. Progetti già rifiutati dalla comunità. Ci son state importanti lotte in questo territorio per dire non al TAV. Qui non serve. E' inutile. Non è una questione di tempo. E' una questione di buon senso e di rispetto dell'ambiente che nel mondo abbiamo devastato anche fin troppo. Il coronavirus ci ha insegnato che si può vivere con lentezza, che un nuovo mondo servirebbe e andrà costruito. Ma il vecchio mondo, duro a morire, avanza con tutta la sua forza e arroganza. Il Carso non si tocca. E' delicato, è fragile. Ha superato due guerre mondiali, dovrà superare anche questa, che è la prova più difficile. La comunità è contraria, il territorio è contrario, diversi esponenti politici sono contrari. Il TAV sul o nel Carso non passerà.
mb


Commenti

Post popolari in questo blog

L'Emilia Romagna è la prima regione italiana a "sospendere" i rapporti con l'Egitto

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione?

A Trieste fare gli auguri in sloveno proprio, proprio no se pol...ma c'è il greco