Centinaia di ricercatori universitari scrivono alle Università inglesi: Basta collusioni con l'Egitto


Una lettera aperta di centinaia di accademici, ricercatori, per chiedere la fine della collaborazione tra le Università del Regno Unito ed il regime di Al Sisi.
Condanniamo l'ondata di repressione che ha spazzato l'Egitto in risposta alle pacifiche proteste che criticano l'attuale presidente Abdel Fattah al-Sisi. Attivisti per i diritti umani affermano che dal 20 settembre sono state arrestate oltre 3000 persone, tra cui i professori Hazem Hosny e Hassan Nafaa dell'Università del Cairo, gli avvocati Mahienour el-Massry, Mohamed Salah Agag e altri colleghi, Alaa Abdelfattah e molti personaggi politici, attivisti, giornalisti e attivisti per i diritti umani. Siamo allarmati dal fatto che Boris Johnson creda che il Regno Unito possa compiere "progressi positivi nelle nostre relazioni bilaterali" con il regime egiziano in tali circostanze.

Siamo anche profondamente preoccupati che, ancora una volta, le università del Regno Unito stiano dimostrando la loro disponibilità a ricavare potenziali entrate dalle tasse degli studenti prima dell'impegno per i diritti umani e le libertà accademiche, perseguendo collaborazioni con società educative private che gestiscono "campus di filiali" o offrono titoli di studio nel Regno Unito in Egitto. L'Università dell'Hertfordshire, l'Università di Coventry e l'Università di Londra sono state tutte segnalate come apertura o intenzione di aprire un'attività nella nuova capitale amministrativa dell'Egitto. Ciò è particolarmente preoccupante a seguito del rapimento, della tortura e dell'omicidio dello studente di dottorato dell'Università di Cambridge, Giulio Regeni nel gennaio 2016. I pubblici ministeri italiani hanno nominato agenti di sicurezza dello stato egiziano come sospetti in questo caso a novembre 2018.

Chiediamo alle università del Regno Unito che operano o intendono aprire un'attività commerciale in Egitto per sospendere questi progetti fino a quando la situazione dei diritti umani non sarà sufficientemente migliorata da garantire la protezione delle libertà accademiche e unirsi a noi in una dichiarazione pubblica che invita il regime a liberare prigionieri politici, rispettare i diritti umani e proteggere la libertà di espressione.

Non è la prima volta che viene avviata una campagna del genere. In precedenza viene ricordata quella che ha visto l'università di Liverpool bloccare la costruzione di un nuovo campus in Egitto. Una campagna di membri della UCU presso l'Università di Liverpool e l'Università di Cambridge, che è stata sostenuta da centinaia di accademici provenienti da tutto il Regno Unito e dall'Egitto Solidarity  Secondo i documenti trapelati pubblicati sul sito web dell'Academic Freedom Watch , l'Università di Liverpool era preoccupata per il potenziale di "danno reputazionale" se avanzava con i piani per costruire un nuovo campus in Egitto. Ciò dopo la pubblicazione di una lettera sul Guardian firmata da centinaia di accademici che denunciava i rapporti di  alcune università del Regno Unito con il regime di Sisi attraverso partenariati accademici e il coinvolgimento in grandi progetti di costruzione come la Nuova Capitale Amministrativa, Al Sisi City.

L'auspicio è che questa lettera possa ottenere un risultato similare. 

mb

Commenti

Post popolari in questo blog

Come calcolare capienza di una piazza durante manifestazione?

A Trieste fare gli auguri in sloveno proprio, proprio no se pol...ma c'è il greco