Che botta, aggiornato prezzo dei farmaci con aumenti pesanti


Il 9 gennaio 2018 è scattato l'aggiornamento dei prezzi di farmaci, è stato pubblicato l'elenco dei medicinali per nome commerciale e principio attivo con i relativi aumenti e le relative differenze. E se in tanti casi gli aumenti non ci sono, per tanti farmaci si assiste ad una differenza  importante tra il prezzo di riferimento per il SSN e il prezzo pubblico come aggiornato, con botte anche di alcune centinaia di euro. (vedi qui elenco aggiornamento farmaco per nome commerciale  e qui aggiornamento  per principi attivi )

Ma come è noto, o meglio come molti lo scopriranno direttamente in Farmacia, dal 9 novembre 2017, dopo oltre 20 anni son scattati altri aumenti, perchè si è determinato un nuovo aggiornamento tariffario, ad esempio   il diritto addizionale per il turno di notte è stato rivalutato a 7,50 euro per le farmacie urbane e per quelle rurali non sussidiate, mentre è passato a 10 euro per le rurali sussidiate per arrivare ad aumenti anche del 40% per prodotti realizzati direttamente in farmacia  "I costi di preparazione di cui all'allegato B sono aumentati del  40%, al fine di compensare gli ulteriori oneri connessi alle  attivita' generali, preliminari e successive all'allestimento della preparazione nonche' quelli connessi" mentre emerge lo sconto, nella misura del 16%, in favore degli enti pubblici o privati aventi finalità di assistenza e beneficenza, tenuti per legge, regolamenti, contratti collettivi, statuti o tavole di fondazione, alla dispensazione dei medicinali agli aventi diritto, escluso comunque il Servizio sanitario nazionale.

Insomma altro che indignazione per i sacchetti di plastica, che comunque vengono fatti pagare qualche cent., qui continua ad aumentare tutto, mentre la gente continua a perdere il lavoro, ad avere stipendi indegni e debiti fin oltre ogni immaginazione. Perchè di tutto ciò non se ne parla?

Marco Barone

Commenti