Passa ai contenuti principali

Quando in FVG si danno i numeri più


Non è passato inosservato il rapporto statistico del 2017 del FVG che contiene dati sul 2016 ed il alcune circostanze del 2015. Come è stato scritto e detto è emersa una regione dove in quasi tutti i campi, rispetto alla media nazionale, prevale il segno positivo, prevalgono situazioni positive, dall'economia, al lavoro, alla cultura. Le uniche criticità, a cui si è dato poco rilievo, sarebbero emerse nel settore del perdurante calo demografico. Così come dovrebbero invitare a riflettere i dati sul settore dell'istruzione dove peggiora il tasso di scolarità, calano le iscrizioni all'Università ,la componente straniera nelle scuole della regione  è del 12% del totale, contro il 9,2% a livello nazionale, calano gli iscritti alla scuola primaria, l’8% dei giovani tra i 18 e i 24 anni di età e in possesso di licenza media ha abbandonato qualsiasi percorso scolastico e formativo. Il dato nazionale (13,8%) è superiore alla media UE (10,7%). Numeri comunque importanti e significativi.  D'altronde è noto che l'Italia è un Paese che a livello d'istruzione si è fermato alla terza media.  Ma è un rapporto che nei suoi dati quasi entusiasmanti ha lasciato perplessi. Premesso che il FVG è una bellissima regione,  di cui si deve essere orgogliosi, autonoma, anche se la sua autonomia è usata in modo male a partire dalla frammentazione del territorio in 18 UTI, incomprese dalla stragrande maggioranza dei cittadini. Così come le tutele in materia di bilinguismo, a partire da quello visivo, risultano in molti casi inattuate. Ma l'interrogativo che sorge è viviamo tutti nella stessa regione? Perchè io non capisco altrimenti i continui malumori dei cittadini. Premesso che la media nazionale non è buona e che l'Italia è un Paese allo sbando più totale, in FVG esiste una richiesta considerevole di protezione sociale. I problemi noti nel settore della sanità sono figli di qualche visionario leopardiano? Sul lavoro? Sulla povertà? Sulla disoccupazione giovanile? Sulle mafie? Oltre a quelli indicati succintamente in premessa?
Si deve tornare necessariamente sul pianeta terra, su quello in cui vivono i comuni cittadini, i comuni mortali che ogni giorno si interrogano su come fare non per vivere ma sopravvivere, i dati sono dati, certo, possono essere letti ed interpretati in diverso modo, ma la situazione oggettiva almeno per come percepita e vissuta non mi pare proprio idilliaca.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto