Passa ai contenuti principali

500mila euro per Gorizia città dell'incontro? Soldi buttati per una iniziativa non meritata da Gorizia

250 mila euro per il 2017 e 250 mila euro per il 2018, più  una quota non superiore al 20 per cento del contributo straordinario. Per cosa? Una senatrice del PD ha proposto una iniziativa da realizzarsi a Gorizia dal seguente tenore: "La Repubblica, nell'ambito delle finalità di salvaguardia e di promozione del proprio patrimonio culturale, sociale e storico, celebra Gorizia «Città dell'incontro: 1918-2018» come luogo privilegiato del dialogo interculturale e interreligioso, della pace e della riflessione storica, sia a livello nazionale che internazionale, nell'occasione del centesimo anniversario della definitiva unione della città all'Italia."
Nella premessa della proposta del DL si racconta succintamente la breve e travagliata storia di Gorizia del '900. Come è noto Gorizia ha ripudiato centinaia di richiedenti asilo "fuori convenzione" trattandoli come bestie. Salvo, ovviamente, l'intervento dei volontari.
E' intervenuta la stampa locale, nazionale, inchieste, esposti, è intervenuta addirittura MSF con un mero unicum in Italia. Lì vi è la Commissione territoriale, voluta dal Governo Berlusconi. Poi depotenziata. E che la destra, appartenente alla stessa area politica berlusconiana, ora vorrebbe chiudere. A Gorizia è stato alzato un muro disumano e sicuramente merita tutto tranne che altri soldi pubblici per una iniziativa poi che non ha niente da condividere con lo spirito degli ultimi anni sussistente in questa città. Il massimo che riesce ad ottenere nei confronti dei "fuori convenzione" è un trattamento del fuori dalle pall...e tramite una sponda ora destra e poi sinistra ecco arrivare il solito bus che li carica e trasporta via.
Nell'omissione di soccorso sistemica, perdurante,  impunita. Dunque risparmiateci questa roba,che rischia di essere una grande farsa vista la situazione reale e non da libro dei sogni di Gorizia. Altro che città dell'incontro o della solidarietà. Ma fateci il piacere.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto